Passa ai contenuti principali

Post

Post in evidenza

Conciliazione (che bella parola) famiglia - lavoro

X lavora. Lavora più di 8 ore al giorno. Un po' perché il suo lavoro le piace così tanto da assorbirle la vita, un po' perché le condizioni sono queste: o così o niente.
Poi X cresce, decide di costruire una famiglia con Y. Si sposano, vanno a vivere insieme. X e Y si vedono la sera sul tardi. Cenano insieme, ma non sempre - perché Y ha un lavoro atipico, spesso è via i fine settimana e durante le festività.
La spesa la fa quasi sempre X, a volte Y, ma mai insieme. Arriva un figlio: 5 mesi di maternità non glieli nega nessuno. Al termine di questi X si sente in dovere di tornare a lavoro, anche perché ne sente la necessità. Ma l'istinto materno ormai la pervade. Così X comincia a vivere di sensi di colpa "Starò togliendo troppo tempo a XY?" e ancora "Sono una pessima madre...però lo faccio anche per lui/lei, per dargli/le un futuro migliore...". Chiede un part-time e l'ottiene, ma essendo un lavoro non d'ufficio, si vede spesso costretta a non ris…

Ultimi post

Ballerina. L'abbiamo visto, c'è piaciuto. L'abbiamo rivisto e lo rivedremo ancora.

Vacanze nei family hotel

messaggi di aiuto

Allattamento parte 2

Allattamento: sta andando bene, ma così bene, che non me la tolgo più di dosso

Nostalgia canaglia

il desiderio irrefrenabile di parlare

Riempirsi di bellezza

Gab vs Spezzindue