Passa ai contenuti principali

gente pidocchiosa



Beh sì, perché alla fine ce li siamo presi anche noi.
E come dice la cara Lucrezia in questo post, il pidocchio è democratico.
Il pidocchio colpisce i ricchi, i poveri, i quasi poveri e i quasi ricchi.
Colpisce chi abita al mare, chi in montagna, chi al mare in città.
Colpisce giovani e meno giovani.
Colpisce uomini e donne, biondi o bruni.
Colpisce chi ha i capelli corti e chi ha una folta chioma...argh!!!!

Grazie grazie grazie! perché sei una bimba paziente, il più delle volte.

Scovarli non è stato facile. 
Non so perchè, ma la prima cosa che abbiamo pensato vedendola grattarsi la testa NON è stata "forse ha i pidocchi". In quella situazione stili le diverse ipotesi, in ultima analisi prendi in considerazione il fatto che possa essere stata attaccata. Probabilmente perché vuoi allontanare il pensiero. O perché non li hai mai incontrati dal vivo e non immagini cosa poterti trovare davanti.

Fortunatamente il pidocchio in linea di massima comporta solo grandi seccature: lavaggi di cappelli, federe, cuscini e quant'altro possa essere stato in contatto con i capelli contagiati. Questo vuol dire all'inizio - anche solo per precauzione - fare lavatrici e lavatrici di biancheria da camera, pigiami, vestiti, cappelli sciarpe, piumini, cappottino, ecc. Una lavatrice dietro l'altra - incrociando le dita affinché non piova -, stendere e ritirare panni all'impazzata.
Attenzione dal non farvi prendere dalla foga del lavaggio: potreste stingere e/o restringere alcuni capi....ehmmm...presente!

Lo shampoo senza pettinino non serve a nulla. 
Acquistate quello coi denti in ferro, perché quelli in plastica, almeno coi nostri capelli, si è subito sformato (ora lo utilizziamo solo per fare la riga precisa, visto che per il 2015 a scuola si andrà solo e esclusivamente coi capelli raccolti, intrecciati arrotolati e "inferrettati", abolite fasce e/o cerchietti). 
Potete fare, tra un trattamento e l'altro, lavaggi con balsamo: capelli imbalsamati e pettinino aiutano a far staccare uova, lendini e pidocchi. Una volta non basta. Le attenzioni devono essere costanti. Anche oggi che il problema è lontano monitoriamo la testa mattina e sera. 
Non comunicate subito la notizia agli ipocondriaci.
Il pidocchio è fastidioso, ma al pidocchio si sopravvive.





Commenti

  1. Oddio! Noi ci siamo passate questa estate...in spiaggia (anche i pidocchi vanno in vacanza!)
    Incubo!!!
    Ho il prurito in testa in questo momento al solo pensiero...non è che si trasmettono pure via web???
    Ti sono vicina nel prurito sorella ;-)

    RispondiElimina
  2. Come dice una mia carissima amica: si sopravvive ma il pidocchio ti rovina la giornata, di brutto brutto. Quando capita qui, di rado per fortuna, io ribalto la casa, lavando ogni cosa, facendo sacchettoni che riapro dopo giorni e giorni e scateno un inferno di lavatrici. Non dico un trasloco ma un bel parapiglia. Qualche amica ancora di recente mi ha parlato dell'essenza all'anice per tenerli lontani e forse anche per mandarli via: dovrei approfondire io stessa.
    Una cosa è certa: i prodotti chimici fanno male, meglio usare quelli naturali o ad azione meccanica che sono altrettanto validi ma per nulla nocivi e irritanti.
    Abbasso i pidocchi, posso dirlo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. puoi dirlo forte!
      P.S.: qui ho ancora sul balcone una bustina con dentro tutti i peluches e pupazzi che non potevamo lavorare...son passate più di due settimane, secondo te posso riaprirla? :-P

      Elimina
  3. Hai proprio ragione! I pidocchi sono una rottura ma per fortuna non più di quello! E si... senza pettine dove vai??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ormai il pettine lo porteremo con noi in borsetta, sempre!

      Elimina
  4. Ciao, anche noi abbiamo combattuto a più riprese con questi minuscoli rompiscatole e ti capisco troppo; così, non solo mi sono unita al tuo blog, ma ti ho pure nominato Top of the Post sul nostro blog:

    http://www.genitorialmente.com/2015/01/top-of-post-19-gennaio.html

    Ciao
    Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il tuo "a più riprese" mi spaventa... :-)
      Corro a leggere il tuo blog!
      grazie :-)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…