Passa ai contenuti principali

Bari Chocolate

Voi ce l'avete qualcuno bravo in cucina, in famiglia? Ok, le mamme...anche se, la mia, ha imparato a cucinare un po' tardi; diciamo che ci siamo sorbiti tante paste al sugo, prima di arrivare a mangiare dei cannelloni ottimi e un piatto di fagiolini e patate (pietanza entrata in uso a casa mia dopo che io li avevo assaggiati a casa di una mia amica). Lei potrebbe dire, a sua discolpa, che mio padre, proveniente da famiglia "barese barese", dove ci si nutriva di ragù, braciole (o brasciole), poco era abituato a sapori diversi, che non fossero quelli appunto, o fave e cicorie. Poi lei lavorava, per cui era la nonna che provvedeva per lo più ai nostri pranzi, finché non è nata mia sorella e lì il mio stomaco e il mio palato son stati messi a dura prova, perché mia mamma ha lasciato la sua occupazione per dedicassi a noi…ciao mamma! eheh!
Dicevamo, parenti cuochi, a cui rivolgersi quando si è in difficoltà, per consigli, soluzioni, salvataggi in genere; io posso disporre di mia mamma, mia nonna, l'altra mia nonna, la mamma di Fra', il papà di Fra', sua sorella e mia sorella, la seconda.

Quest'ultima, dopo una laurea in scienze dell'educazione e un master, ha cominciato a dedicarsi alla sua vera passione, la cucina. Ultimamente si sta specializzando in cioccolateria, se si può dire. 
Quelli che vedete in foto sono suoi: si è data alla produzione in vista di San Valentino: cioccolatini personalizzati! mica pizza e fichi! e vi assicuro che sono ottimi - testati personalmente -. 

foto by gab

Non mi dilungherò con il tessere le lodi, né con le ricette (che non ho e comunque non saprei raccontarvela, visto che non ci ho messo mano io, se non per mangiarli.
Sono qui solo a farle pubblicità; e quando avrà un locale tutto suo so già che correrete a gustarveli anche voi.







P.S.: per le foto prendetevela con me, le ho fatte io 

Commenti

  1. E brava sorella: che manine d'oro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e per le sue manine qua stiamo ingrassando :-)

      Elimina
  2. Cioccolate fatte a mano?!?!?!? Una cosa favolosa!!!! Dunque Gab dille che per ottobre deve venire ad esporre ad Eurochocolate a Perugia e per il prossimo San Valentino a Terni per Cioccolentino, se le va di fare l'esperienza la aiuto ad organizzarla.

    RispondiElimina
  3. diciamo che io sono una ciccolato-dipendende, ma solo super fondente però e quei cioccolatini me li mangerei tutti in un sol boccone;-))
    ps: quando capiterò dalle vostre parti voglio assaggiare!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono veramente buoni…e anche quelli al latte, ripieni di una cretina cioccolatosa e pannosa….:-)!!!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva