Passa ai contenuti principali

Allattamento: sta andando bene, ma così bene, che non me la tolgo più di dosso


Martedì 20 giugno, alle ore 8:02 è nata BEATRICE!
Dopo sole 5 ore di travaglio!
Arrivata al pronto soccorso alle 00:30 per piccoli dolori, mi trattengono lì perché ormai ero alla 40+6 settimana; alle 2 cominciano le contrazioni dolorose, alle 8 lei è fuori, sul mio petto.

I dolori son stati molto più forti rispetto a quelli provati per Marta, ma il parto e il travaglio molto più veloci.
Quando mi hanno detto "signora, si vedono i capelli!" e quando me l'hanno poggiata sul petto, mi è sembrato di rivivere una scena: era identica alla sorella, solo un po' più pesante e lunga. Anche lei un Aiello: la folta chioma non mente!

Beatrice ha fatto irruzione nelle nostre vite, se l'è presa comoda, alla faccia di chi mi diceva che era pronta per nascere già a maggio (e sì, la pancia bassa, la posizione...insomma, signore care, la panza non si è abbassata nemmeno il giorno del parto).
E' nata il 20, come la sorella, solo in un mese differente. Ha scelto di nascere il giorno dopo il compleanno del papà, mentre Marta il giorno dopo la festa del papà; e entrambe a ridosso dell'inizio di due nuove stagioni (primavera la prima e estate la seconda).
E' arrivata nella settimana in cui il papà era a casa. E' riuscita a far conciliare tutto alla perfezione.

Brava brava, direte voi. Beh sì, dai, brava lo è. Se non fosse che...adora le mie tette.
Così tanto da non volersene mai staccare.
E' metodica, come tutti i neonati, credo: mangia, si rilassa, sta un po' sveglia in silenzio (ma roba di 5 minuti al massimo), poi quando si accorge che nessuno la considera, tira fuori un vocione e simula un pianto disperato che non puoi fare a meno di ignorarla.
Devi correre da lei e metterle una tetta in bocca, perché nel frattempo lei si sta dimenando con il corpo e la testa, allargando la bocca, alla ricerca di cibo.

La giornata va così, i momenti del pranzo non sono regolari, quindi non sai cosa aspettarti e quando. Se però si esce, lei dorme, pacifica. Appena mettiamo piede in casa attacca la sirena.
La mia salvezza, talvolta, oltre allo sfoggio delle tette - chi l'avrebbe mai detto...io tanto pudica e riservata giro per casa a seno scoperto - ? La fascia!
Ora ad esempio, per placare l'ennesimo momento di rabbia - l'ho staccata da me da soli 2 minuti - l'ho messa in fascia. E' serpe con me, ma almeno ho le mani libere.
Sudo, tanto, ma lei sta serena e riposa; io forse dimagrisco, eheh!

Cosa dice la sorella piccola? Dopo una prima fase di attaccamento morboso alla sorellina, roba che non si faceva un passo senza lei, ora è passata alla fase "sei una mamma cattiva, non ti voglio più", più altri piccoli dispettucci.
Come mi sento io? uno SCHIFO, un totale schifo e fallimento. Impotente, a volte senza aria, a volte sola. Uno schifo con lei, l'altra e con lui. Un concentrato di sindrome pre-mestruo. Vorrei scappare, cambiare aria e allontanarmi da tutto. Poi tornare come se questa mia assenza fosse stata una parentesi salutare per tutti. Invece ogni giorno mi sembra di fare un passo verso lo sfacelo della mia famiglia. Sono esagerata? forse. Ma in questo istante mi sento così, pace.

Mi manca la serenità di quelli che vivono sotto il mio stesso tetto e sento di non far nulla per costruirla. Non è sempre così: mi sveglio serena, poi la stanchezza prende il sopravvento. Non è ogni giorno così, per fortuna. Il famoso Baby blues? Forse.

Passerà, lo so. Ho solo bisogno di avere una prospettiva felice, di immaginarla per lo meno.

Di sentirmi dire che qualcosa di buono la sto facendo.


Commenti

  1. Fermati.... inspira.... ed espira... lentamente... stai già facendo molto, hai partorito da solo due settimane, è tutto normale!
    E poi ricordati che come su una bilancia, ogni periodo della vita sta in equilibrio, e appena togli o aggiungi un elemento dondola pericolosamente, ma piano piano rallenta e ritrova il suo equilibrio.
    Lascia passare altro tempo, dovete ancora trovare il vostro nuovo ritmo e nuovo ruolo, sia tuo che di ogni altro componente della vostra famiglia. Ok che Marta adesso è sorella maggiore, ma anche te hai un nuovo ruolo... Ebbene sì, essere mamma di uno non è uguale a essere mamma di due... ma riuscirai a cavartela alla grande!
    Un abbraccio.
    Mamma Disorganizzata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì...devo prendere fiato...devo cercare di essere più forte dei pensieri negativi che si insinuano subdoli...grazie per il tuo abbraccio :-*

      Elimina
  2. Ma figurati Gab, sei tutt'altro che pessima! Sono solo stanchezza, ormoni e adattamento alla nuova vita a quattro. Tieni duro, parlane con lui e vedrai che tra pochi giorni il tuo umore sarà già diverso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. effettivamente...solo che funzionar come le montagne russe, giorni in alto e giorni giùùùùùù. Tu come stai? come sta andando da quelle parti?

      Elimina
  3. Va bhe che passa non te lo dico perché già lo sai da sola ma a leggere il tuo racconto si respira proprio la "serenità" che c'è nelle case quando arriva un piccolino, solo che tu ora non la vedi ma fidati di chi ti guarda da fuori eh....Leo "dopo il primo attaccamento morboso alla sorellina roba che non si faceva un passo senza lei, ora è passato alla fase "sei una mamma cattiva, non ti voglio più", più altri piccoli dispettucci....Come mi sento io? uno SCHIFO, un totale schifo e fallimento. Impotente, a volte senza aria, a volte sola...Mi manca la serenità di quelli che vivono sotto il mio stesso tetto e sento di non far nulla per costruirla. Non è sempre così: mi sveglio serena, poi la stanchezza prende il sopravvento...." come dici Gab? Sono parole tue vero, ma sono certa che non ti offendi se le ho prese in prestito....scommetto che ora stai sorridendo! Un abbraccio grande donna!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah, sì, ho sorriso (in realtà mi son detta "ehi, how, la pensa proprio come me!!!" :-D
      :-*

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…