Passa ai contenuti principali

Riempirsi di bellezza

Io dico che abbiamo bisogno di fare cose belle, di riempirci di bellezza, di sottoporci a "pratiche positive", di respirare aria buona, di contatti stimolanti, di guardare e vedere, assaporare, ascoltare, gustare, toccare, di passeggiare, di pioggia e arcobaleni, di sole e mare, di verde e di giallo. Di nero, rosso. Di luce.

Di cosa? Di tutto ciò che ci fa sentire vivi, che ci fa provare serenità, soprattutto che ci fa sentire al posto giusto. Non parlo di istinti animali: dico che ognuno di noi ha bisogno di riempirsi gli occhi il cuore l'anima di cose che lo fanno star bene. La compagnia di un' amica, una telefonata, una passeggiata , un viaggio, un film, un libro, tanti libri! un corso, il proprio hobby, un giro in bicicletta, il proprio sport preferito...

Come neo associazione, La Puglia racconta (ci trovate qui, oltre che su fb) questo fine settimana ha organizzato il primo evento nelle vesti appunto di associazione culturale. Dopo settimane di fatiche, di compiti, di lavori, di skype-riunioni, di litigi, confronti, sfoghi - ma anche risate - ieri sera s è conclusa la due giorni intensa con il professor Livio Sossi*: la presentazione di una piccola mostra (oltre che di una collana di libri alla quale una di noi ha partecipato attivamente illustrando un racconto) e un workshop con il docente in questione dal titolo Attorno al libro.

entrambe impegnate in un backstage fotografico

il direttivo dell'associazione in pizzeria con Livio Sossi, nostro socio onorario
(e io gonfia...non ditemi più che sto bene, in viso, me'!)

la mia tavola "UpSideDown"



Tanti input, desiderio di rimboccarsi le maniche, di fare cose per sé, oltre che per lavoro, di dedicare tempo al disegno fine a se stesso, per crescere.
Son tornata a casa così, e non ho nemmeno partecipato all'intera giornata, perché ci siamo dati cambio per non stancarci troppo, per non creare confusione in libreria. 

Spero che da questa due giorni tutti quanti abbiano saputo attingere il meglio da fuori e dentro sé. Spero che noi avremo imparato dalle cose non andate perfettamente al meglio, in vista di un prossimo evento a fine giugno.

Spero che possano nascere grandi cose. 
Mi ripropongo di non perdermi più le cose belle della mia città d'ora in poi, compatibilmente a quella che sarà la vita da domani in poi.


Livio Sossi (Trieste, 1951), è professore di Storia e Letteratura per l’Infanzia all’Università di Udine e all’Università del Litorale di Capodistria (Slovenia).
Saggista, esperto di letteratura per l’infanzia, editoria e illustrazione, curatore, consulente scientifico e direttore artistico di mostre e manifestazioni culturali sulla letteratura per l’infanzia e sul mondo dell’illustrazione è presidente o componente di giuria di noti premi di letteratura e illustrazione per l’infanzia.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva