Passa ai contenuti principali

Gab vs Spezzindue

Avete presente la Spezzindue? Il terrore dei bambini? Quella che li prendeva dalle trecce e li faceva roteare fin fuori dalla finestra? Quella che li chiudeva nello strozzatoio, la donna senza femminilità che odiava i bambini perché lei non era mai stata bambina? La donna crudele per eccellenza in Matilde di Roald Dahl? 
Bene, se non ce l'avete presente, leggetevi quel fantastico libro, oppure per velocità guardatevi il film (Matilda, con la a finale). O ancora...venite a trovarmi.
Venite a casa mia, principalmente i pomeriggi o dalle 14,30 circa in poi: troverete una donna incinta e mamma di una settenne, alle prese con i compiti - ancora pochi e facili...e meno male! - di seconda elementare. 
Una settenne che, sarà che avverte già la stanchezza di un anno scolastico, sarà che è abbastanza svogliata ultimamente, fatto sta che mi sta facendo perdere la pazienza quo-ti-dia-na-men-te!
E tu non perderla!
Seeeeeeee! E come si fa?
Voi lo sapete fare? io conto fino a 10, ma nulla...sbotto! stringo i denti allargo la bocca e sbotto.
Non ci riesco.
È una lotta continua quotidiana; il pomeriggio io mi trasformo nella versione "gravida" della Spezzindue. 
Con la differenza che mentre Agata (se non ricordo male era questo il nome attribuitole) incute timore, io urlo urlo e sbatto mani sul tavolo, stringo i denti, mi arrabbio, ma non sortiscongrandinrisultati. Si sa, questi metodi non portano a nulla se non a farti venire l'ulcera. Ieri pomeriggio son stata a un incontro tra genitori e uno psicologo infantile: si parlava della figura del padre. Uno degli argomenti toccati (velocemente purtroppo), è stato che dare punizioni è da fascisti. Magari un giorno tornerò sull'argomento e spiegherò meglio. Era un modo simpatico per dire che sì autorità, ma che esistono modi più efficaci per far capire che l'altro (tuo figlio/a) ha commesso un errore. Quindi le mie punizioni - oltre a non avere risultati - son pure fasciste. Sto sbagliando tutto, sob! 

Ora capisco perché dicono che i secondi figli spesso sono più vivaci, più irrequieti e ingestibili...grazie! se sentono le loro mamme e i loro fratelli e sorelle urlare così, capiscono da subito che la vita va affrontata in questo modo.
Allora bene, siamo a cavallo!
Tra qualche settimana mi ritroverò a scrivere di crisi mie per crisi sue (della nuova lei).

Ma non potrebbe essere che anche io ho bisogno di riposo, di relax e che i miei ormoni stanno subendo stress notevoli in vista di un grande cambiamento? Dai ditemi che è così e che tra un po' ritornerà la normalità (per modo di dire) della sindrome pre-mestruale, con i suoi regolari venti giorni di calma e i suoi atroci picchi di nervosismo. Sindrome che a volte riuscirò a domare altre volte no. Ditemi che è così e non che la mia figlia settenne sta già subendo le trasformazioni che la
Porteranno a essere un'adolescente ribelle...ditemelo!


SalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalva

Commenti

  1. Bhe allora in questi giorni, anzi in questo periodo, sono spezzindue pure io perché il pomeriggio per fare i compiti è un delirio, si trascina di stanza in stanza, si imbambola a guardare in su, più che scrivere, scarabocchia, più che leggere tira fuori un monosillabo a quarto d'ora...figurati quando ho poco tempo per tornare al lavoro, che urla puoi sentire da me. Il fatto è che è maggio, sono stanchi loro, siamo stanchi noi, è primavera (e nemmeno tanto bella), ci sta tutto, svogliatezza e urla. Non ho soluzioni tranne che aspettare che arrivi il 10 giugno, poi se ne riparlerà a settembre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a settembre ti dirò...visto che ci sarà forse una pseudo stanchezza di tre mesi con la nuova pupa, la grande pupa e un papà in giro per lavoro...no no, pensiamo a ora! dopo potrebbe essere peggio :-P

      Elimina
  2. Se fossero un po' entrambi i motivi? Ovvero tu che hai bisogno di riposo, che sentì stanchezza e ansia da gravidanza inoltrata (che condivido e infatti reagisco spesso anche io così per un nonnulla), lei che è stanca dell'anno scolastico (ed anche qui, pure se alla materna, stessa cosa) e in più inizia a fare qualche capriccio/ opposizione in vista della nascita per testare la tua attenzione verso di lei?!? Mi hanno detto che succede e io ho preso la spiegazione per buona...sempre meglio che sentirsi una madre snaturata!!! Forza e coraggio Gab, come tutte le fasi da madri e con i figli, passerà per forza. Cosa verrà dopo, però, non lo so!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…