Passa ai contenuti principali

La mia esperienza da Flash-professoressa



Dunque, da dove comincio? Dal fatto che sono una donna insicura, una che soffre di emozioni - positive e negative - nello stomaco? Questi 12 giorni di supplenza sono trascorsi, terminati ieri. Olè! sì, olè perché come prima esperienza è stato bello e buono così. Non chiedevo di più per questa volta; è stato un bene essersi imbattuti in classi "difficili", così la prossima volta so a cosa posso andare incontro (ma poi, esistono ancora le classi non difficili?). 


Il primo giorno, dopo aver firmato l'accettazione della convocazione e essere arrivata nella scuola in questione, mi sentivo un pesce fuor d'acqua.
Il secondo giorno non vedevo l'ora che arrivasse la fine, causa rissa seria scoppiata in classe tra un ragazzo della mia classe e uno esterno.Con le colleghe abbiamo cominciato a scambiarci qualche parola.
Il terzo giorno ho pensato che forse avevo le carte in regola per stare lì.
Il quarto quinto sesto settimo ottavo ho alternato momenti di sconfidenza a momenti di "tutto sommato sta andando bene".
Il nono giorno ho fatto caso al fatto che i miei studenti mi riconoscevano e mi salutavano con affettato e con il sorriso nei corridoi.
Il decimo giorno ero gasata: lezione (per una prima e una terza) preparate, materiale Ok, era tutto sotto controllo. Invece è stato l'ultimo giorno di lavoro più difficile, perché i ragazzi sono spiazzanti, anche nel male, e quella che a me era sembrata la soluzione/idea geniale, quella che li avrebbe affascinati, da loro è stata accolta con sufficienza, dopo una prima reazione esultante.
Quelle ore sembravano non finire mai. Sono comunque sicura di aver dato, come prima volta, il massimo che potevo dare.

"Streghe" si diventa, non si nasce, come mi hanno detto le mie colleghe "Devi tirar fuori la voce e i denti"; e io sì, li ho tirati fuori, ma non bastava. Non bastava perché ai loro occhi si presentava una donnina alta poco meno di 160 cm, con il viso - ma solo il viso, ve l'assicuro - abbastanza dolce e sorridente, che spariva tra di loro, tutti molto più grandi di me (un giorno è entrata la preside a sorpresa: non riusciva a scorgermi nella classe. Ho dovuto sventolare in alto il mio braccio :-P ); una supplente, per giunta una supplente di arte, materia che alle medie interessa solo a chi è appassionato di disegno.
Ripeto, sono contenta di aver detto sì quel giorno, ma anche di aver concluso questi 10 giorni. 
Nel frattempo è arrivata una commessa per un libro, per cui ci sarà da fare fino a aprile: tornerò a lavorare dalla mia scrivania, a aver nostalgia dei colleghi reali per un po', a godere - comunque - di quello che faccio.

Commenti

  1. Sono contenta che tu sia sopravvissuta e, soprattutto, per la commessa per il libro!!!
    Facci sapere, eh?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…