Passa ai contenuti principali

Think



Le giornate un po' grigie anche se fuori c'è il sole. I sensi di inadeguatezza e l'incapacità di fare quello che sei solito fare. 
Il tempo a disposizione che non si sa sfruttare bene. 
Crogiolarsi in questo stato e non far nulla di che per uscirne, perchè si sa che prima o poi se ne verrà fuori. Sono giorni.
Una voce amica riesce a dare sollievo, ma anche una mail, talvolta, sorbisce lo stesso effetto. 
Vorrei trasformare questo blog in qualcosa di "produttivo". Arriva la crisi delle blogger, vero? Ho letto più e più volte di blog abbandonati perchè la vita era cambiata, o perchè non più rappresentativi, o anche per impossibilità di starci dietro...insomma, anche io sto attraversando la crisi della blogger, a 5 anni dalla sua nascita.
Lo manterrò vivo come diario "segreto", ma forse ora ci vuole altro. Ci vuole un ulteriore stimolo alla scrittura e al disegno. Un tema, una traccia.
Non sono triste, però. Mi sto dicendo che devo godere di questo stato, lavorando e dandomi da fare per lo step successivo, quando questo verrà. E buttare su carta le idee, tutte quelle belle idee che non riesco a concretizzare ora, ma che so che avranno tempi migliori. Intanto le scrivo per non dimenticarle.
La colonna sonora di questo post è qui https://youtu.be/qNI07NJcQrc

Commenti

  1. Riflessione completa, dall'inizio alla fine: senti il disagio, la malinconia, sai da dove arriva e hai già in tasca la sua evoluzione. Un pò di pazienza, rimani in ascolto dei tuoi pensieri e stati d'animo e ripartirai alla grande, se da dove hai lasciato o da un nuovo punto non importa, ma ripartirai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ;-)
      ultimamente sto scrivendo solo robe di "crisi" :-P
      Mi devo dare una mossa di positività, eheh!

      Elimina
  2. Mi sembra che tu abbia piena consapevolezza della tua "crisi" e quindi sei già a buon punto per uscirne, vedrai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì…non è stata troppo critica da toccare il fondo…o meglio crisi sì e costruttiva ;-)

      Elimina
  3. Io il mio blog l'ho quasi abbandonato almeno due volte, mi pareva non avesse senso, mi pareva di avere altre cose più utili e importanti da fare... Invece amo il mio angolo di web e amo andare a trovare altri amici nei loro! Solo che a volte, come nella vita "vera", c'è bisogno di fermarsi e cambiare qualcosa, magari la grafica, magari lo stile, magari i contentuti...
    Mi pare che spesso (non sempre ma spesso) quelli che hanno mollato il blog siano quelli che non hanno saputo reinventarlo, come se dovesse rimanere sempre lo stesso e con gli stessi ritmi anche se la vita cambia. Invece è bello che cambi con noi, se le nostre intenzioni, voglie ed esigenze cambiano. Anche in casa ogni tanto si cambia l'arredamento, no? O addiritura si cambia casa! O marito! Hahahahahaha... Ma noi continuiamo ad esistere.
    Buona caccia alle novità, buon divertimento! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-D
      Sì, forse anche una nuova veste grafica mi aiuterebbe a trovare una nuova strada...come quando ci si taglia i capelli ;-)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva