Passa ai contenuti principali

pensieri del lunedì

Il momento di vuoto, di nero, di pausa creativa…il panico da foglio bianco…il momento svogliato…arrivano. Inutile disperarsi; arrivano, passano, ritornano. 
Sbattere la testa? non serve. Deprimersi? non serve. Tempo, ci vuole tempo. E aria, una bella boccata d'aria; perché restare chinati alla scrivania, o seduti davanti al monitor, non farà altro che prolungare l'attesa e renderla meno dolce.
Io al computer mi perdo, mi isolo, mi deprimo, navigo, guardo piango e mi deprimo; e mi distraggo, ma non in maniera positiva.

Sono in uno di quei periodi lì, quelli bui per l'appunto.
Una sconfitta che ti manda in paranoia, la voglia di ricominciare, riprendere in mano gli arnesi e guardare al futuro - ma non troppo - dalla giusta prospettiva. Perché a volte ti sembra di fermarti, di stagnare, di adagiarti in una situazione. Allora forse - pensi - le sconfitte servono a rialzarti e cambiare o raddrizzare rotta, perché no.
Stavo percorrendo la strada sbagliata, o semplicemente calpestavo il suolo spinta dal vento alle spalle. Il vento s'è fermato e io ho rallentato.
Ok, la spinta facilita il percorso, ma è la tua testa, sono le tue gambe che devono imprimerla al resto del corpo, altrimenti sei una barca in balìa di un mare calmo. Piatto.
Allora riprendi il controllo, affronta di petto il vuoto di quei giorni, fai altro (se puoi farlo) anche solo per un'ora e poi torna all'attacco.

Oggi metterò nero su bianco quello che vorrei, i progetti piccoli e grandi che ho, le cose importanti a cui dare valore e dedicare tempo.
Sedere, schiodati dalla sedia, cambia stanza, cambia scenografia!
E se una cosa non andrà come avevi preventivato o sognato, non è detto che tu sia triste.
La felicità ti può stupire.

Gabriella Carofiglio, Attraverso 


Commenti

  1. L'hai scritto nel titolo...sono pensieri sa lunedì...il martedì son già passati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti, oggi sono più positiva-propositiva-combattiva :-)

      Elimina
  2. Eh sì, la felicità ti può davvero stupire!

    RispondiElimina
  3. Felicitaaaa ah ah, ti ho persa ieri ed oggi ti ritrovo già!!! Canzone mai così azzeccata. Vedrai tornerai con una carica nuova. Sorriso

    RispondiElimina
  4. A me capita anche in altri giorni della settimana. Per fortuna, però, sono momenti, giornate, e poi passa. Siamo donne forti, forza!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, oggi è passato…chissà perché si insinua a volte il pensiero negativo…sembra quasi che voglia mettere alla prova la nostra "fortezza"

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…