Passa ai contenuti principali

back to school


Sì, ciao!
Meno 6! Potrei cominciare con una lista di buoni propositi, stile quelli che si leggono ultimamente in giro. Potrei, ma non lo farò. Il problema è che i buoni proposti li ho ben presenti nella mia testa, ma non riesco a metterli in pratica; sono una da "fai domani quello che puoi fare oggi".
Facciamo così, la lista la faccio, ma scrivendo accanto come realmente stiamo vivendo.
Cominciamo.

1. Acquistare l'occorrente per la scuola.
Macchè! qualcosa sì, tutto no. L'astuccio però c'è e scendendo a patti con lei è questo qui:


I patti erano: "astuccio con personaggio", ma zaino "anonimo"; 'che si sa i gusti cambiano e 16 euro non son nulla contro i 70 e rotti di uno zaino. Certo, lo spreco non ci appartiene, per cui proveremo a far durare anche l'astuccio per un po'.
Lo zaino…preso! dopo una lunga ricerca sul web, lettura di post, consigli vari, regole del buono zaino, siamo entrati in cartoleria e ci siamo lasciati travolgere dall'ansia tattica del cartolaio "signora, guardi che stanno andando a ruba!". Lui, che aveva capito che tipetta di 5 anni si trovava davanti, ha tirato fuori lo zaino giusto, quello che avrebbe colpito il suo cuore, i suoi occhi e il nostro portafoglio. Dicevo, zaino preso! 


La pubblicità non centra nulla, ma il colore, i led luminosi, lo specchietto a forma di cuore, il lucchetto per la tasca segreta, quelli sì che hanno centrato il bersaglio. Per noi l'importante era che fosse robusto, imbottito sullo schienale, della misura adatta a una bambina di scuola elementare (ops! ci son cascata ancora. A una bambina della scuola primaria, ecco. Ci metterò un bel po' a farmelo entrare in testa) e resistente.
Del grembiule, invece, nessuna traccia. 

2. Anticipare l'orario della sveglia. E perché? se posso prendermi quell'ora in più per me, per lavorare in santa pace, perché non farlo? Va' a finire che la sveglio, si alza presto, io devo lavorare, lei comincia a annoiarsi. Se dorme - penso - ha bisogno di riposo. Ci sarà il tempo delle levatacce mattutine e dell'ansia da "stiamo facendo tardiiii".

3. Mantenere un clima sereno e non tempestarlo con frasi su l'inizio della scuola. Ci sto provando, lo ammetto. Devo dire che rispetto agli anni precedenti, 'sta storia della primaria le sta piacendo parecchio: l'idea di cambiare maestra e compagni non la rattrista. Stamattina si è svegliata e mi ha detto che era felice perché mancavano pochi giorni alla primaria…tu pensa! e chi se lo sarebbe aspettato da Marta? speriamo che questi presupposti ottimisti durino nel tempo.

4. Cominciare una cura immunostimolante. Funzionano? boh! nel dubbio ho comunque svaligiato un' erboristeria, dopo essermi fatta una chiacchiera con l'erborista, che da quel giorno è diventata la "mia erborista di fiducia", che mi ha rivelato cose di cui non potrò parlare mai e poi mai con il nostro pediatra (difese immunitarie - pancia - emozioni - fiori di bach - antibiotico).
Come l'anno scorso incrocio le dita affinché il primo malanno arrivi il più tardi possibile e non sia costretta a giorni e giorni di antibiotico. Saremo alla primaria, cavolo! come le recupereremo tutte le lezioni perse?

5. Mantenere la calma. Cominciare la scuola non ha mai rovinato la vita a nessuno (vero?). 
Certo, al solo pensiero di dover cucinare TUTTI i giorni dell'anno, di doverci sedere a tavolino per i compiti e doverci confrontare con i voti…mi viene mal di pancia. Ma, come tutte le situazioni nuove della vita, è una reazione normalissima la mia. Il nuovo mi eccita e spaventa, sono una donna da melodramma. Come saranno i nuovi compagni? e i nuovi genitori? ci sarà collaborazione? e la maestra, come sarà la maestra??? Questa domanda sta intasando le mie notti…per non farmi cogliere impreparata sto anche indagando su scuole alternative - lo dicevo, l'ottimismo non è il mio forte.

La protagonista indiscussa di questa nuova vita, comunque, resta lei: Marta. La fanciulla, ora che siamo solo all'inizio, nel prodromo del capitolo "carriera scolastica" (vol.1) sta affrontando le giornate con il sorriso e la giusta dose di entusiasmo…in bocca al lupo a lei, a tutti i bimbi che si apprestano a frequentare la classe prima e alle loro famiglie ;-)



Commenti

  1. Ogni inizio prevede dei propositi poi se non si mantengono appieno non fa niente dai! Anche io mi sto concentrando sull'anticipo dell'ora della sveglia, però mi son data un mese di tempo per riuscire nell'impresa ma noi siamo ancora alla materna per cui Son più rilassata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sto rimandando…marta si sveglia generalmente intorno alle 10-10,30…ho deciso di comprarle una sveglietta tutta sua, magari così riuscirà almeno a aprire gli occhi prima (ad alzarsi dal letto, ehmmm, è un'altra storia)

      Elimina
  2. Sembra più il report dello sbarco della prima donna sulla luna...ihihih...le ansie sono tante mi rendo conto...in ogni caso un mega in bocca al lupo ad entrambe!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. preparazione alla guerra, direi :-)
      Crepiiiiii

      Elimina
  3. Grazie per l'in bocca al lupo che ricambio. Anche D inizia la prima primaria (ma quanto è brutta la parola primaria?).
    Sappi che condivido le tue preoccupazioni, mettici anche che lui per ora non sembra molto entusiasta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora, ci riaggiorniamo tra una settimana per dirci com'è andata ;-)

      Elimina
  4. IN bocca la lupo a Marta e, soprattutto, a te!! Come capita spesso con i figli, mi sa che hai più bisogno tu di incoraggiamenti di lei!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…