Passa ai contenuti principali

A mille ce n'è


Ricordo a memoria, ancora oggi, dopo più di 30 anni, le favole sonore della De Agostini.
Ricordo me davanti al giradischi rosso, marca Corallo (che è ancora in mio possesso, insieme ai 45 giri), che ascoltavo e riascoltavo le fiabe sonore. Le ascoltavo così tante volte che le imparavo a memoria; in particolare amavo Cappuccetto Rosso, Il pesciolino d'oro, Hansel & Gretel, Biancaneve, I tre porcellini. Le ascoltavo e le imparavo così come arrivavano alle mie orecchie, con le frasi saltate per il graffio del disco. Solo oggi, dopo tanti anni, ho scoperto cosa diceva un nano a Biancaneve, dopo averla trovata in casa loro. Io imparavo il "disco incantato"; ricordo che la filastrocca incantata andava all'infinito se non davi 'na botta in testa al mangiadischi.
Marta ha scoperto la bellezza di queste fiabe e delle loro immagini grazie a un'app (ho provato a mettere in funzione il mangiadischi, ma sta messo male, lui e tutti i dischi) e grazie a Spotify, che ti permette di ascoltare di tutto senza far torto a nessuno. Bello no? 
Dopo meno di una settimana qui si parla come il narratore di Biancaneve: la fiaba la sa tutta!
All'inizio mi stupivo/arrabbiavo per il fatto che le ascoltasse senza sosta più volte al giorno. Poi ripensandoci, anche io facevo esattamente lo stesso.
Gli adulti si stancano a volte di sentire sempre la stessa canzone, i bambini NO.
Ma la questione non è questa; mi faceva sorridere come 30 anni fa per ascoltare storie avevi bisogno di tre supporti differenti, oggi è tutto concentrato in un piccolissimo spazio. E io che mi consideravo giovane....
Niente, tutto qui (era il solito pretesto per disegnare) :-P


Commenti

  1. Ce l'ho anche io quel giradischi, ovviamente non più funzionante e che ho provato a riparare ma senza successo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io vorrei fare un tentativo per farlo funzionare...probabilmente è la puntina ormai defunta...boh, ci proverò

      Elimina
  2. Anche io facevo lo stesso e ho ancora dischi e giradischi, arancione! peccato non funzioni più!
    Quale app?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se cerchi fiabe sonore sull'appstore dovresti trovarla (non ho il cell sotto mano): ci sono tantissime fiabe di quella serie, solo che quasi tutte a pagamento tranne 2. Invece mio suocero ha scaricato la stessa app, o comunque una che contiene tutt le fiabe della de agostani, completamente gratuite (mi sa che ha cercato "fiabe narrate"

      Elimina
  3. Io ce l'avevo azzurro e mi piaceva tanto la fiaba di "Raperonzolo, Raperonzolo butta giù il tuo codonzolo...." :)

    RispondiElimina
  4. Io me la facevo sotto con quella di Barbablu :O :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva