Passa ai contenuti principali

passato, presente


In fondo, Gab, fermati a pensare un attimo: cosa stai facendo ora nella tua vita? Disegni. Fai quello che (veramente) da sempre sognavi di fare. Tu speravi di vivere con una matita in mano. Ora, oltre alla matita hai anche una tavoletta grafica. Certo, ce n'è di strada da fare; la possibilità della vita è arrivata "tardi", ma va bene così. 
Credo sia arrivata quando i tempi erano maturi.

Non ricordo esattamente quando ho cominciato a pensare che da grande volevo disegnare; probabilmente già quando - dalle scuole elementari in poi - riempivo quadernetti con storie a fumetti. 
Al corso di fumetti (post liceo classico, prema di Scenografia) pensavo che avrei voluto diventare una famosa fumettista, anzi no, vignettista. Ho iniziato a inviare i miei lavori a testate giornalistiche locali (senza mai alcuna risposta) e a concorsi. Intanto disegnavo e meditavo di iscrivermi all'Accademia di Belle Arti. Se riguardo quei disegni penso "meno male che m'hanno ignorata, son proprio brutti!".

In questi giorni mi chiedo come mai, ultimamente, "tanta grazia, tanti pareri positivi, tante richieste". Non sono solita peccare di presunzione - anzi, ho un livello di autostima molto basso -, ma probabilmente ora non me ne rendo conto ma IO SONO PRONTA, e con me è pronto anche  tutto ciò che mi circonda.

Stanno succedendo cose belle. Il web è una risorsa preziosa, se lo vivi bene. Grazie a Internet io posso lavorare dal profondo sud per il profondo nord. 
Grazie al web ho conosciuto persone speciali che credono in me. Sara è una tra queste; grazie a Sara e Alessia son successe piccole cosebelle, e se non ci credete cliccate qui e leggete. Più avanti citerò anche le altre. Grazie al web sono stata contattata da persone interessate a vendere alcuni miei lavori. Grazie al web ho conosciuto gente che mi ha dato una possibilità. Grazie al web, ma magari anche grazie anche a me che mi sto applicando e sto cercando di rendere sempre più professionale questa mia passione.

Quindi Gab, una volta ogni tanto fatti i complimenti, non pensare solo che il meglio sta nel giardino del vicino, godi delle piccole vittorie senza gasarti troppo, continua a andare avanti migliorando e vivendo il tuo presente.
Appunto...il mio presente...ora è una bimba nel mio letto con febbre...vado!




Commenti

  1. Bravissimissima!!! I complimenti voglio farteli anche io...ammiro la forza che hai avuto nell'inseguire la tua passione...tanti tanti sorrisi

    RispondiElimina
  2. E anche io! Forza e coraggio che i tuoi sogni sono a portata di mano, mano con matita ovvio ;-)
    Un abbraccio ♡♡♡

    RispondiElimina
  3. I miei complimenti...quando c'è talento,prima o poi,le soddisfazioni arrivano!

    RispondiElimina
  4. Che bello! Un bell'incoraggiamento ricevuto dal web allora e l'autostima che cresce... mi sembra proprio un bell'inizio! In bocca al lupo per il tuo lavoro!!

    RispondiElimina
  5. Sei semplicemente meravigliosa😍😍 tu e la tua nana quasi cinquenne con la febbre 😊😊

    RispondiElimina
  6. Il web è solo un mezzo e a volte è pure pieno di robaccia, tu sei meravigliosa, fai cose stupende e ti meriti tutto quello che hai e che otterrai, perché l'hai riempito di cose belle!!!!!

    RispondiElimina
  7. Ti meriti questi successi e anche molti altri!
    E sai perché? Perché si capisce che metti impegno e passione in ciò che fai e sai far fruttare un indiscutibile talento!
    Brava Gab...continua così!

    RispondiElimina
  8. Che bello! Brava!
    Io ti leggo volentieri proprio perché sei brava ma non spocchiosa, però non esagerare con la modestia: i complimenti fatteli in abbondanza, te li meriti!

    RispondiElimina
  9. grande!!! brava brava brava sono tanto felice per te!

    RispondiElimina
  10. Bene! Sono contenta per te... a parte per la febbre di Marta! Tu sei brava, bravissima! Mi piaci un sacco, hai talento!

    RispondiElimina
  11. E brava Gab! Siamo tutte fiere di te. In ufficio avevo una manona bianca di Topolino comprata all'Eurodisney e tutte le volte che facevamo qualcosa di grande, io e la mia collega ci facevamo da sole pat-pat sulla spalla. Ecco, credi in te stessa che poi cominciano a crederci anche gli altri.
    Complimenti e un bacetto alla piccola.

    RispondiElimina
  12. Ciao! Bel post e bel blog... Mi sono appena iscritta!

    Ho da poco creato il mio nuovo blog, passa a dare un'occhiata se ti va!

    www.luisanapolitano88.blogspot.it

    RispondiElimina
  13. che bello scoprire che la realtà coincide con quello che si era sempre sognato, vero?!? in bocca al lupo! :-)

    RispondiElimina
  14. Brava Gab, sono davvero felice per te sai? quando si ha una passione e la perseveranza, prima o poi si vince!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…