Passa ai contenuti principali

Il cuore ha mani.

Lei è Anita. E' fatta di:
- 2 calzini spaiati,
- 1 elastico per capelli
- 1 nastro di tulle
- feltro
- 3 bottoni
- 1 "trancio" di manica recuperata da un maglione

Domenica 18 maggio verrà consegnata, insieme a altri duecento suoi simili, ai bambini dell'oncologico di Bari. Anita fa parte di una schiera di pupazzi nati da calzini spaiati. 
Vi riporto uno stralcio:
[…] SOLLEVA LA MENTE CON LE MANI DEL CUORE è un evento figlio della sinergia tra la passione del riuso e l'artigianato.

E' stato pensato per i bambini ospiti nell’Ist. Oncologico Pediatrico del Policlinico di Bari.

Domenica 18 maggio 2014 alle ore 10, nel giorno ella festa della mamma sarà un momento di festa e “allegria policroma” perché ogni bambino ricoverato riceverà un pupazzo creato interamente a mano da vecchi calzettoni di lana. 
E per le mamme, per ripeterlo a casa, per insegnarlo ai propri bambini un domani, in programma un “WORKSHOP IN CORSIA”. 
Una puntata ZERO in realtà, perché l’obiettivo è ritrovarsi in altre strutture con lo stesso intento. Madrina dell’evento Gaia Segattini Alias Vendetta Uncinetta (ww.vendettauncinetta.com). […]

Se visitate la pagina fb di "Solleva la mente con le mani del cuore" potrete leggere i nomi che ci sono dietro questa fantastica iniziativa, e che ha mobilitato mamme, donne, gruppi classe di tutta Italia.

Il cuore ha le mani.

Commenti

  1. bella iniziativa...anita regalerà sicuramente un sorriso enorme a quei bimbi!notte

    RispondiElimina
  2. A cose così belle va dato spazio e voce! Brava Gab!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravi gli organizzatori :-)
      il mio è solo un centesimo di contributo :-P

      Elimina
  3. Complimenti per la bellissima creazione! Vado a visitare la pagina dell'iniziativa. Grazie per la segnalazione e ...piacere di conoscerti Gabriella ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…