Passa ai contenuti principali

io "parto" da qui


Il primo incontro, quello in cui ti ho vista in carne e ossa, in cui ho vista come eri fatta è stato quando ti hanno poggiata velocissimamente sul mio petto, per vedere se ti attaccavi: tu hai preso il mio seno e io ho detto “mia figlia”. Eri bellissima, con gli occhi gonfi, sporca, i capelli bagnati. Poi ti hanno portata via, dovevano lavarti, controllarti, e io dovevo essere ricucita (l’ora più brutta, il momento peggiore del parto).
Ho dormito finchè l’ostetrica non m’è venuta a svegliare pigiando sulla mia pancia, per “svuotarla”. Ho mangiato, mi hanno riportata in camera dopo un bel po’. Non capivo se eri vera, non c’eri in stanza, per un po’ avevo rimosso. Qualcuno è andato a recuperarti dal nido e allora ho realizzato. Era scura di carnagione, guance rosa, capelli folti dritti e neri: la tutina ti stava stretta, avevamo sbagliato la taglia. Ricordo che durante la prima notte volevo tenerti accanto, ma la nonna insisteva perchè ti lasciassi nella culla, potevo farti male.
Quella notte tu hai pianto un po’; sentivo mamme, dalle altre stanze, che urlavano per i dolori dell’allattamento. Tu facevi male, sì, ma quelle urla di rabbia mi sembravano inopportune. Era tutto sopportabile per me, in quel momento. 
Tornata a casa, il buio: un senso di inadeguatezza, la paura di non capirti ( e a volte non capivo i tuoi pianti), di essere sola, di dover chiedere aiuto. Dovevo abituarmi a te, a una casa nuova ancora non perfettamente arredata, a noi, ai tuoi ritmi. Ho imparato ad amarti col tempo: sei sempre stata mia figlia, ti ho voluta da subito, ma l’amore che prende il posto dell’innamoramento è arrivato gradualmente, man mano che scoprivo cosa eravamo in grado di fare; quando nelle difficoltà ho imparato meglio a sdrammatizzare. Quando non mi sono sentita solo inadeguata, ma anche più mamma.

L'IDEA



e ora…tocca a voi! Vi aspettiamo su fb per tutti i dettagli. Quella che avete letto è la mia storia, siamo curiose di leggere le vostre ;-)

Commenti

  1. Meravigliosa idea, appena riesco mi prendo due minuti! Grazie per la bella proposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello Raffaella! allora aspetto-aspettiamo il tuo racconto. Buona giornata!

      Elimina
    2. Ciao gab, ecco la mia-nostra storia http://ilmerloinnamorato.blogspot.it/2014/02/io-parto-da-qui-la-gigante-e-la-mammina.html

      Elimina
    3. Beh impiegare due gg per capire che avrei dovuto mandare una mail 8) sono veramente alla frutta! Menomale che domani è lunedì;)

      Elimina
  2. Stupenda la tua storia e stupenda la proposta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :-)
      Allora…aspettiamo la tua storia :-)

      Elimina
  3. Brave ragazzuole! Mi piace! :)

    RispondiElimina
  4. Bellissimo il tuo racconto, e l'iniziativa.. tutto bellissimo!! Brave in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  5. Ciao Gabriella
    ho appena segnalato questa vostra iniziativa con un post sul mio blog, sulla mia pagina Facebook e Google+.
    Vi faccio un grosso in bocca al lupo e spero di inviarvi presto anche il mio racconto!

    RispondiElimina
  6. Lo sai si che devi disegnare anche le mie?!?!?
    Grande Gab! :-))))

    RispondiElimina
  7. Ma bello Gabriella, l'ho scoperto da poco! Ne approfitto per salutarti, ti seguo attraverso instagram ma visto che sto rispolverando il mio piccolo blog mi faccio sentire anche da qui :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie letizia! infatti, sono andata a curiosare sul blog e questo non lo conoscevo. Parteciperai? :-)

      Elimina
    2. ci provo, per la verità dovrei rispolverarne due :)

      Elimina
  8. Che dolce momento quello del "mia figlia" !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. però…immaginatelo detto da una che non si lascia andare a pianti in pubblico, per cui…tipo…"mado'! mia figlia"
      :-)

      Elimina
  9. Io parto tre volte. Si può?
    Sai, per questioni di parità...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo monica!!!! :-)
      dai, aspettiamo le tue partenze! pronta? viaaaaaa

      Elimina
  10. Ciao, hai vinto un premio Versatile blogger award, passa da me a vedere
    http://damammaamamma.blogspot.it/2014/02/premio-versatile-blogger-award.html


    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…