Passa ai contenuti principali

cose che si pensano a un concerto


Cosa centra un concerto, di Erica Mou, con la questione "tempo"?
Centra...centra. E volete sapere il perché?
Ad un certo punto dello spettacolo qualcuno, da dietro le quinte, spinge sul palco la stampa della tela di Dalí, La persistenza della memoria. I suoi orologi molli, per intenderci. L'immagine ha ispirato un pezzo suonato dalla sua band.
Orologi-tempo-riflessione...
[...]Il tempo meccanico, misurabile con gli orologi, è messo in crisi dalla memoria umana, che del tempo ha una percezione ben diversa[...]. Citazione da wikipedia.
Avevo Marta sulle mie gambe, che batteva le mani, portava il tempo con la testa e canticchiava quelle pochissimissime canzoni che conosceva. Il tempo si e' fermato: ho cercato di ricordare la prima volta che l'ho portata a un concerto....durante il primo mese di gravidanza, concerto degli Afterhours. Settimo mese di gravidanza un gruppo hard rock. Un anno e mezzo, concerto dei Marta sui tubi. Due anni Max Gazze'. E poi diversi gruppi locali. E stasera questo, in teatro. Al di là di quella che é la quantità di tempo che trascorriamo insieme, a volte poco, a volte tanto ma mal speso, sento che spesso riusciamo a fornirle stimoli che un giorno andranno a riempire la valigia di gusti, interessi, passioni...il suo bagaglio culturale, o meglio parte di esso, perché il resto se lo farà da sé. Cosí quando sfogliamo libri, vediamo un cartone, ascoltiamo musica, tendiamo a formare i gusti dei nostri figli...anche questa, oltre all'educazione, credo sia una bella sfida. E quindi anche un concerto diventa un'occasione importante per noi, anche se è sera, è tardi, siamo stanchi, vorremmo godercelo da soli e invece possiamo interagire con una nana di tre anni che sembra gradire la situazione.

Riflettevo ancora sulla questione quantità-qualità e pensavo che spesso, pur avendo molte ore a disposizione, va a finire che - sapendo appunto di avere tante ore con lei - le spendo veramente male, mi "concentro" poco su lei e su quello che le piacerebbe fare, dedicando tempo a quello che vorrei fare io e intervallando le mie occupazioni con piccoli momenti per lei, chiacchiere da stanza a stanza, giochi alla velocità della luce. Questa cosa non mi piace, per niente, ma ci ricasco sempre. Ora che si avvicinano le vacanze (saremmo già potuti andare a mare, ma il clima quest'anno, è intransigente!), ora che ha terminato il tempo pieno all'asilo, ora che io - questo dettaglio lo racconterò in seguito -, comincio a pormi il problema di come fare a sfruttare al meglio (non tanto al massimo) le ore "noi due". Capisco FINALMENTE che non sempre quantità  è sinonimo di qualità, che ce la posso-devo fare anche io. Capisco che devo chiudere un po' il pc e aprirmi a lei e ai suoi desideri. Questo non vuol dire annullarmi completamente, ma gestire meglio i tempi. Non è mai troppo tardi per imparare. CE LA POSSO FARE, LO POSSO FARE MEGLIO DI COME L'HO FATTO FINORA. 


Questo post avrebbe voluto partecipare al blogstorming di maggio, ma non ha fatto in tempo...:-P

Commenti

  1. vale anche per me. E io Pietro a un concerto serio devo ancora portarcelo mannaggia.

    RispondiElimina
  2. certo che ce la puoi fare!!! e poi mi devi promettere che ad agosto ci andiamo tutti e quattro insieme a vedere un bel concerto;-)) della serie mamme sole con treenni al seguito allo sbaraglio!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh certo! mi sto già informando sul da farsi in quel periodo! :-)

      Elimina
  3. Vedo che siam tutte sulla stessa barca, e' la vita che ci trascina ed intanto il tempo passa....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì...uno o due o tre...a volte non ha importanza...diciamo che è tutto in proporzione

      Elimina
  4. la consapevolezza è alla base di ogni svolta...quindi sono certa che il vostro tempo insieme migliorerà tanto! Quanto alla questione musica e concerti...ti ringrazio a nome di tutti quei cantanti/cantautori che provano a proporre la loro arte resistendo alla morsa delle coverband. Marta è una bimba fortunata!!! ^______^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah!
      ma tu fai parte del gruppo cantanti-cantautori?

      Elimina
    2. ihihiih...io no ma qualcuno che mi moooooooolto a cuore sì! :)

      Elimina
  5. Andate ai concerti insieme: ma sei fantastica!!!
    Io con lei faccio tutto, ma ai concerti non ho ancora mai osato, ma ora che ti ho letta mi hai dato fiducia, sai?

    Per il resto, a volte, raramente, riesco a fermarmi un attimo, a sospendere le mille cose che credo di voler fare e a guardarla con occhi nuovi: questi momenti di ascolto sono i più preziosi per me... ed anche se accadono molto (troppo) raramente, sento che è quella la direzione da cui iniziare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giustissimo!
      e per quanto riguarda i concerti...esperienza da provare! diciamo che Marta è stata abituata da subito perchè il papà lavora in quel campo, per cui capita spesso di andarlo a trovare sul lavoro o di frequentare certi ambienti. Ma credo che la musica sia assolutamente da far provare loro, dal vivo.

      Elimina
  6. Ci proverò e ti farò sapere, anche perché posso approfittare dell'estate!
    Tra l'altro lei adora la musica e ama ballare... quindi che aspetto?
    ;)

    Nel frattempo, se passi da me c'è un premio per te :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva