la felicità è dietro l'angolo, a volte devi arrivare a Milano...

Condividere, personalità, non falsità, comunicazione, volti, sorrisi, amicizie, gioia, serenità, creatività, confusione felice, professionalità, nomi, realtà.
Pioggia, freddo, centrifugati, gadget, caffè.
Senso dell'orientamento.

25 maggio 2013

Grazie alle due donne che mi hanno sopportata più di tutte, le uniche a cui mi sono incollata, Cecilia e Francesca...grazie amiche! grazie Cecilia e ancora grazie al tuo navigatore ;-)
Grazie a tutte le donne che hanno organizzato il mammacheblog. Mi spiace essermi persa la giornata di venerdì....mi rifarò!

Grazie ai centrifugati salva-fame...mamma mia! una squisitezza unica! e io che ignoravo mio marito che me ne aveva parlato tanto bene; tempo fa premeva affinchè comprassimo un centrifugatore...certo luce dei miei occhi...ali! COMPRIAMOCELO!

Grazie alla vecchietta che mi ha fatto compagnia in stazione nell'attesa del treno :-)
Grazie a Fra' che mi ha regalato un ultimo saluto. Non ringrazio Trenitalia, questa volta (anche se, devo dire, non ha peccato in puntualità).

Grazie a chi mi ha sorriso e riconosciuta...e scusate se son rimasta nel mio cantuccio. Avrei voluto (vedi vignetta):


...hmmm....no, non è andata proprio così...


Non ho il complesso delle tette piccole, non sono una guardona, non sono particolarmente attratta dalle tette degli altri. E' solo che il cartellino ce l'avevamo tutte lì. Per capire chi fossero dovevo necessariamente guardare in quella direzione.
Se ci sarà una prossima occasione mi farò avanti...sono una timida, io! soprattutto in certe situazioni...mi inibisco parecchio...diciamo che mi esprimo meglio a vignette, ecco!

Bella, bella esperienza, belli i confronti, i progetti approfonditi, le vite che si nascondono dietro i nomi dei blog...grandi! E poi...quante menti! quante testoline pensanti in piena attività!

Io vado a dormire, non prima di aver dato una sbirciatina alle 5 regole per essere felici di mammafelice, anche perchè oggi, proprio oggi, ho fatto un piccolo passo che sono sicura mi porterà verso una nuova felicità (ohu, speriamo!).


P.S: per la sig.ra Gozzi: le mie camicie son tutte su una stessa gruccia, ricoperte da un bel cardigan...vado bene così? ;-)






Commenti

  1. È noi alla fine non ci siamo viste e conosciute!! Peccato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ti ho intravista alla fine, quando stavo uscendo per andare in stazione...:-(

      Elimina
  2. bmi è dispiaciuto tantissimo non esserci e non riesco a credere di dover ancora aspettare un intero anno per il mammacheblog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche a me è dispiaciuto...saresti stata un'latra blogger da importunare, insieme a fra' e cecilia...ahah! scherzo! :-)

      Elimina
  3. L'anno prossimo magliette firmate Gab per tutti!!! <3<3

    RispondiElimina
  4. Arghhhhhh!!!! Quanto avrei voluto essere li!!! Meno male che ci siete voi a raccontarmi qualcosa!!!

    P.S. Cos'è questa storia delle camice??? Anch'io le tengo una sopra l'altra!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Gozzi raccontava che una di quelle cose che la fa inorridire, quando apre l'armadio di una donna, è vedere le camicie appese tutte sulla stessa gruccia. lei dice che così l'ultima, oltre ad essere tutta stropicciata, te la dimentichi sicuramente. Io sì, me la dimentico, ma è anche vero che l'ultima (quella sotto tutte) è quella che mi piace di meno :-P

      Elimina
    2. Il suggerimento quindi sarebbe una per stampella???? E l'armadio quanto deve essere grande??? ;-))))

      Elimina
  5. hehehehh... intanto però c'eri! come mi piacerebbe!
    l'anno prossimo facciamo tutte come la giovanna di un chilo di costanza: sulla gonna/pantalonE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ;-) anche un bell'adesivo in fronte, non sarebbe male.

      Elimina
  6. Accidenti in mezzo a quella gran bella confusione... mi è scappata la tua...hemm...etichetta, ora che ti ho trovata ti seguo con molto piacere!

    RispondiElimina
  7. ihihiih...ti capisco. Ai convegni o nelle occasioni giuste per socializzare divento la donna invisibile!!! Questa cosa non è il massimo quando il tuo lavoro si dovrà basare sulla comunicazione...oddioooo morirò povera! Per il prossimo anno proporrei di spostare le etichette, tanto per evitare problemi imbarazzanti. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah!
      per questo disegno, per questo ho scelto scenografia-costume piuttosto che recitazione...per stare ben occultata, eheh!
      ma dai, secondo me nella necessità sappiamo comunque come venirne fuori, alla faccia della timidezza ;-)

      Elimina
  8. eccoti qua, ma lo sai che fai delle vignette favolose???
    ... allora il prossimo anno ti ri-riconoscerò per la maglietta? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah! chissà...conoscendo i miei tempi "dell'ultimo minuto" (come dice la Fra'), chissà!

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari