Passa ai contenuti principali

robe notturne

Andiamo a ritroso:

fase 6. Marta, 3 anni, viene a trovarci tutte le notti, da Natale, di solito intorno alle 3 o alle 5. Si posiziona al centro, si fa spazio, ci porta anche la sua bambola - ultimamente si porta Bakita, quella piccola e dura...ahi! - e il suo cuscino, 'chè così sta più comoda. Non appena si copre si riaddormenta. Secondo me arriva dormendo...

fase 5. Marta dorme in camera sua, nel lettino a cui abbiamo tolto le sbarre. E' un lettino dalle dimensioni un po' più grandi di quelli classici, che potrà usare almeno per altri due anni (salvo che non diventi una gigante nel giro di mesi), e si trasforma in un letto "normale".

fase 4. Marta dorme nel suo lettino a cui abbiamo tolto una sbarra; ora può salire e scendere in autonomia (ho "studiato" un po' di articoli "montessoriani"). Dorme tutta la notte, a volte chiama per la pipì o perchè fa brutti sogni, ma poi con la presenza di uno di noi due si riaddormenta.

fase 3. Marta, 10 mesi, dorme nel suo lettino in camera sua.

fase 2. Marta dorme nel suo lettino, accanto al nostro lettone.

fase 1. Marta dorme nel carrozzino. Non abbiamo comprato culla: ci sembrava una spesa inutile. Abbiamo invece acquistato un lettino nel quale andrà a dormire non appena l'avremo montato pulito e accessoriato con lenzuola e coperte.

Ecco, questi sono i nostri 3 anni di storia notturna; Marta dorme, ha sempre dormito più di 10 ore a notte, con sporadiche pause. Ora Marta continua a dormire 10 ore a notte...solo che ci viena fare compagnia - dice lei - ogni notte (le notti in cui resta in camera sua si possono contare sulle dita di una mano). Mia madre ha pure detto "ma perchè non rimettete il lettino in camera vostra?"...c-come? Ho sempre sostenuto che abbiamo avuto una gran bella fortuna con una figlia che soffre di sonnite, sono convinta che letto vinca contro la culletta, che letto sia sinonimo di libertà, oltre che di riposo, di autonomia, di crescita...e tu ora mi vieni a dire di riportarla in camera nostra? Non se ne parla nemmeno!
Intanto resisto...forse sì rimpiango i tempi della "culletta" accanto a noi, ma indietro non si torna, e no!


Questo post partecipa al BLOG TANK di aprile

Commenti

  1. Ti capisco, anche PdC aveva questa piacevole abitudine con l'aggravante che si metteva a dormire in orizzontale, ti lascio immaginare! Ma poi, vedrai, passa..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh, sì, anche qui orizzontale...per fortuna poco, ma è una posa utilizzata.

      Elimina
  2. Fase n. 7. Il papà o la mamma si spostano sempre più spesso sul divano....noi siamo arrivati qui!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora dobbiamo acquistare un divano letto, altrimenti...pavimento! :-)

      Elimina
    2. Il nostro e' pure un divano normale!!! :-(((

      Elimina
  3. Fase n 8 Pupa continua a dormire nel lettone con noi....il prossimo passo e fare una "comune"in camera da letto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ricordami l'età di pupa?

      Elimina
    2. giusto per farmi un po' di calcoli di cosa porebbe aspettarci :-)

      Elimina
  4. Anche a noi capita la stessa cosa da diversi mesi! però ora nella cameretta abbiamo un letto dell'ikea con la scaletta per cui il bimbo ha paura di scendere da solo e strilla perchè noi andiamo a prenderlo. Ma questo è un periodo pieno di paure e ansie (paura della piscina, paura dell'apparecchio per i denti e chissà cos'altro) per cui accettiamo questa sua voglia di stare in compagnia di notte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, sì, allora fate bene. Ma come mai paura dell'apparecchio?
      Marta invece ha paura di tagliarsi i capelli...e comincia a temere il buio nelle stanze

      Elimina
  5. alla fase dieci rimpiengerai un pò la fase sei... può essere??!!

    RispondiElimina
  6. Risposte
    1. ;-)
      sì, ce la faremo...finchè il letto ikea regge, ce la faremo!

      Elimina
  7. io sul momento notte non posso dirti niente perchè Michy non ha dormito fino a due anni.
    Ora dorme nel suo letto ma anche per noi non mancano le incursioni notturne!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...come...fino a due anni? e come avete fatto?

      Elimina
    2. ancora me lo chiedo...diciamo che ero un tantino ESAURITA!!!! ora comunque prima delle 11 non si riesce mai a metterlo a letto.

      Elimina
  8. Ora mi hai messo paura che possa succedere anche a me, io sono tra la fase 3 e 4, ancora con le sbarre, speravo di toglierle al compimento dei due anni.... quasi quasi le lascio.....

    RispondiElimina
  9. ahah! no dai, ti auguro che vada diversamente da noi! comunque...noi abbiamo tolto le sbarre oltre che per i "motivi montessoriani", anche perchè ci siamo accorti, una sera, che la nana riusciva perfettamente a mettersi a cavalcioni. per cui, onde evitare cadute da piani alti, abbiamo liberato la ragazza dalla gabbia.

    RispondiElimina
  10. sono all'incirca nella fase 6 anche io, con la differenza che da noi gli ospiti sotto il metro sono due e nessuno è un peluche!
    (belle le tue illustrazione, una favola: posso dirtelo tutte le volte?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e che letto avete voi? grazie mille per i tuoi complimenti (non ti preoccup., non mi arrabbio,eheh!)

      Elimina
  11. resisti, resisti! Indietro no, non è bello, sono d'accordo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. assolutamente no! prima o poi passerà......?

      Elimina
  12. tutta la mia comprensione... tanto più che noi, in realtà, il figlio che soffre di sonnite non l'abbiamo mai mai MAI avuto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! anche a te per il momento nanna! noi per ora abbiamo risolto con una sola posizione, passando attraverso quelle che descrivi tu perfettam.).

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva