Passa ai contenuti principali

venerdì sera

5 famiglie: una sera i mariti decidono di portare a cena mogli e figli, complice un coupon in una pizzeria.

1. Famiglia F.: lui propone un'uscita serale con i pargoli, lei accetta. Si prepara e escono.

2. Famiglia C.: idem con patate "stasera usciamo!" e lei "ok".

3. Famiglia V.: lui le propone un'uscita in un ristorante X con una coppia di conoscenti. Lei, la moglie della F.V., chiama disperata un'amica perchè proprio non le va giù di uscire con persone che non vede mai, che non conosce bene, e per giunta di spendere tanti soldi...preferirebbe acquistare il necessario per la casa nuova. E chi la biasima...pure io, al suo posto.

4. Famiglia D.: credo situazione simile a 1. e 2. Lei si prepara e escono.

5. Famiglia A.: Un'ora prima dell'uscita a sorpresa, marito chiama la moglie dicendole che avevano avuto un invito improvviso. La moglie non è entusiasta: comincia a piovere, la bambina da' i primi cenni di un ennesimo raffreddore. Lei vorrebbe farsi una bella doccia; in più ci sono già le melanzane sul fuoco! Un primo sì poco convinto, poi una telefonata "marito, c'ho ripensato, la tua proposta non è così allettante, sono stanca, meglio starsene a casa...domani nostra figlia potrebbe ammalarsi e costringermi a non uscire..."...alta! di fronte a un'accusa così, anche il miglior intenzionato desisterebbe. "Ok, ti dirò la verità: uscita a sorpresa!". E anche la F.A. esce...


Le 5 famiglie F, C, A, V e D. si ritrovano nello stesso ristorante. I 5 mariti avevano organizzato tutto insieme: c'è a chi è andata meglio e chi s'è dovuto sorbire le solite paranoie, ma sono tutti  con il sorriso nello stesso luogo. La serata è stata comunque piacevole, e i 6 amichetti (più uno in arrivo) si sono divertiti. Ah! mancava la F.P.: per cause di forza maggiore ha dovuto rinunciare, ma ci sarà una prossima occasione e per quella volta nessuno di noi si farà trovare impreparato. ;-)

Commenti

  1. Risposte
    1. da premiare (anche se il mio credo si sia accodato :-D)

      Elimina
  2. cinque mariti che si mettono d'accordo per organizzare una serata che non sia per la partita?? non ci posso credere ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per fortuna non sono grandi tifosi!

      Elimina
  3. davvero dei grandi mariti!!! a me non potrebbe mai succedere:-((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io lo pensavo, prima di venerdì! :-)

      Elimina
  4. Risposte
    1. però poi i figli accanto, a tavola, ce li siamo tenuti noi donne!
      ehehe, comunque dai, sì, son stati bravi

      Elimina
  5. Bello! Bravissimi i mariti e fantastico il tuo disegno :-)

    RispondiElimina
  6. Ho contato: un tavolo per 16!!!!!! Wow!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per fortuna avevano una lunga panca a disposizione :-)

      Elimina
  7. WOW! Che bello avere così tanti amici con figli!
    E che mariti...me li prestate?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. effettivamente è una bella fortuna, anche se non ci frequentiamo quotidianamente...speriamo che crescendo i nani continuino ad andare d'accordo

      Elimina
  8. Scusa ma la famiglia P.? chi è???? poi me lo dici ;)

    RispondiElimina
  9. Ciao GAb! originale il tuo blog... mi piace!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…