Passa ai contenuti principali

ta-ta-ta!*

Se vi viene la malsana idea di portare i bimbi a cinema, quando son piccoli, non fermatevi...agite, andate, godetevi il film! o almeno tentate, potrebbe non andar male come esperienza. Dunque, a Bari succede questo. Io non ho preso parte all'iniziativa al primissimo appuntamento perchè ho pensato che Marta, essendo in un'età in cui guarda film/cartoni e ne segue la trama, avrebbe potuto annoiarsi (e comunque , non essendomi informata sul film in programmazione, ho preferito evitare, sempre per lei). Ma trovo questa idea veramente interessante!

In ogni caso, la prima esperienza cinematografica della nana ha avuto luogo questo giovedì.
Siamo andate a vedere i Croods, anche per la gioia della mamma, in compagnia del suo amichetto biondo e della mamma Amelia.
Spettacolare! il film e i due nani. Temevo non resistesse tutto il tempo, invece, complice l'amichetto - con cui si sbellicava dalle risate - i pop-corn accuratamente imbustati a casa e un po' cioccolato portato da Amelia (ma sì, era un pomeriggio fuori dalle righe), Marta e Juri hanno resistito e, come dicevo, si sono divertiti: commentavano, ridevano, parlavano, ma tutto era concesso: abbiamo scelto l'orario dei bimbi, i volumi erano alti, per cui non hanno assolutamente disturbato.

Il film poi è veramente carino (probabilmente sarebbe stato ancor più spettacolare se visto in 3D, visti i vari movimenti di camera): cavernicoli che, a seguito di cause naturali, si spingono verso una nuova vita, imparando a relazionarsi con l'esterno, a non aver terrore di tutto, a usare il cervello, a vivere e non sopravvivere. I protagonisti ben caratterizzati, e i capelli...i capelli...sono rimasta colpita dalla resa dei capelli della ragazzina...

Due teste (io e M.) che guardavano lo schermo, ridevano, ma che galoppavano in direzioni diverse: posso parlare della mia...guardavo, osservavo e pensavo all'immane lavoro che c'è dietro, alle persone che ci dedicano tempo-anima-corpo. Non ho perso una riga dei titoli di coda, col lavoro che faccio ho imparato a dare importanza anche a questa parte dello show. Ho pensato che da piccola dicevo che da grande avrei fatto la disegnatrice di cartoni animati...beh, in piccolissimo un po' lo faccio...mi occupo anche di animazioni...e poi disegno, disegno anche per lavoro...non posso dire di essere soddisfatta al 100%, ma nemmeno di essermi discostata troppo dai miei sogni di nana (da piccola mi dicevo anche che sarebbe stato bellissimo lavorare ai bordi di una piscina, sempre in costume da bagno...beh, dal 2003 al 2007 ho insegnato nuoto!). Penso anche alle prime vignette inviate a piccoli quotidiani locali, ai rifiuti e alla bruttezza di quei disegni (per fortuna non m'hanno voluta, eheh!).
Sono contenta di questa mia -chiamiamola così - valvola di sfogo artistica, che mi aiuta a esorcizzare-sfogare-rilassare.
Spero che Marta possa trovare la sua di valvola di sfogo, che sia la musica, visto che va dicendo che farà la batterista, o il disegno, o la lettura, o una passione "X"...anche se, di contro, spero che si realizzi dal punto di vista economico meglio di quanto abbiano fatto i suoi genitori: dentista! dentista! Marta dentista!!!...:-)


*quando vedrete i croods capirete

Commenti

  1. Fare un lavoro che ti appassiona è una gran cosa. Complimenti a te che hai avuto le idee molto chiare fin da piccola! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehmmm...sì...sono passata anche per "archeologa" e "astronauta" (ma nel secondo caso, la mia altezza...beh...come dire...mi ha fatto desistere subito)

      Elimina
  2. sono arrivata alla conclusione che bisognerebbe sempre seguire i desideri che si hanno da bambini! Si ha la mente sgombra da preconcetti e probabilmente molto più lucida di quanto sembri agli adulti.
    Io da piccola avrei voluto fare la veterinaria, sono sicura che sarebbe stato il lavoro fatto apposta per me. Invece ho lavorato anni nell'amministrazione del personale :-(
    Bello il tuo lavoro così creativo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. creativo anche nel pagamento...ti devi immaginare i soldi, perchè arrivano così in ritardo che quasi quasi te li dimentichi :-)

      Elimina
  3. che bello coniugare dovere e passione!
    ma secondo me, anche per limitare l'investimento di noi genitori, io dico PdC idraulico! così la mamma va in pensione presto...
    e soprattutto se penso agli euri che ho sganciato per aggiustare la maniglia della porta :( quello è il futuro
    (ma PdC vuole fare il ristoratore)

    RispondiElimina
  4. Io ho ancora paura a portare le Gnome (sopratutto la Micrognoma!) al cinema...
    Passa da me...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ti dico di provarci! prova con lo spettacolo del primo pomeriggio, il più economico, così: 1. non avrai speso troppo se dovesse andar male. 2. il pubblico è prevalentemente nano, per cui non dovreste causare gran disturbo.
      Passo, a tra poco!!!

      Elimina
  5. noi siamo stati a natale per la prima volta a vedere Ernest e Celestine che è piaciuto moltissimo! avevamo scelto un cinema vecchio stile con la certezza che sarebbe stato poco affollato e che avremmo potuto scappare a qualsiasi evenienza e invece non ce n'è stato bisogno, il cartone era bellissimo e a lui è piaciuto un sacco! Questo week end andremo a vedere i croods anche noi, sono felice di sapere che è proprio bello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io mi son persa ernest e celestine a natale per malattie varie, ma avrei voluto "battezzare" la nana con quello.:-)

      Elimina
  6. Ciao! Ti ho dedicato un premio! Per saperne di più passa da me! :)

    http://lamammadiprince.blogspot.it/2013/04/liebster-award.html

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…