Passa ai contenuti principali

bambini, children...KINDER


007 in azione...alla scoperta dell'isola Kinder! No, non è una nuova località turistica, nè un parco a tema...
Mi metto in macchina, arrivo, vago nell'ipermercato, fingo di fare la spesa ('chè non avevo soldi con me) e finalmente lo trovo! In realtà era all'entrata, ben visibile, ma poiché ho varcato l'ingresso dalla parte opposta, ho dovuto percorrere, con aria indifferente, tutto il supermercato.
Tra montagne di uova di pasqua, ecco il totem agognato. Aspetto un po', mi spulcio tutte le uova, cerco di capire quale potrebbe piacere di più alla nana. Poi ne afferro una. E mi dirigo davanti al monitor. La Kinder ha allestito un'isola interattiva in esclusiva per 3 punti vendita Auchan: Taranto, provincia di Torino e Casamassima (Ba), dalle mie parti.
La tecnologia a volte fa brutti scherzi. Il totem era spento per un improvviso problema che è stato risolto in un battibaleno dal tecnico. Il mio viaggio quindi non è stato vano :-)
All'accensione del "marchingegno Kinder", numerosi clienti si sono precipitati per capire cosa fosse. Soprattutto nonni! Perchè, si sa, loro sicuramente l'uovo ai  nipotini lo compreranno, si faranno meno problemi di un genitore (almeno in casa mia funziona così: i 4 nonni e 4 bisnonni si sono già attivati). 
personaggi occultati :-)
Ho osservato il funzionamento e le loro facce: ho visto un bimbo sbalordito davanti all'automobilina che prendeva vita, ho  aspettato che arrivasse il mio turno per testare il gioco. Ho posizionato una delle uova Gran Sorpresa a disposizione davanti alla webcam: la magia è cominciata. Con queste semplici mosse si poteva scoprire il contenuto, attivando così una realtà aumentata. L'uovo si trasformava nella sua sorpresa!
Io, da romantica ben celata dietro un'aspetto da dura, ho scoperto le principesse :-)
A dire la verità, da brava timida, avrei voluto che ci fosse la nana con me, per vedere la sua reazione. Per fortuna le isole Kinder saranno presenti nei punti vendita fino al 31 marzo, per cui ho ancora un'altra settimana di tempo (se siete da quelle parti, portateci i vostri pupi! O provateci voi, come ho fatto io, eheh!).
Poi...beh, me ne son tornata a casa con il mio bell'ovetto: il cioccolato l'abbiamo mangiato io e F., la sorpresa tutta per lei!

Commenti

  1. Fortee!!bello sapere la sorpresa, io quando apro un uovo non penso alla scorpacciata ma a cosa ci sarà dentro (l'80% delle uova che ho aperto poi sono state una delusione e mi sono consolata mangiandole...)

    RispondiElimina
  2. Nooooo, e la sorpresasorpresa!? Ho sentito che c'è anche in alcuni centri commerciali in zona, ma non so se ci guarderò dentro. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. e quindi basta al regalo sola di pasqua?

    RispondiElimina
  4. Certo che la Ferrero ha un marketing dept con i controfiocchi per ideare una cosa del genere... Detto ciò anch'io preferisco la sorpresa, o meglio, l'ideale sarebbe fare come te, andare a comprare l'uovo da sola per poter meglio scegliere la sorpresa per il ballerino, ma per lui deve rimanere una sorpresa.

    RispondiElimina
  5. Mi informo se c'è anche dalle mie parti....se c'è lo voglio vedere!!!!!

    RispondiElimina
  6. In realtà tu non puoi vedere la sorpresa del tuo uovo (cioè di quello che acquisterai), ma puoi scoprire che tipo di sorprese ci sono nelle uova kinder GS. Le uova da testare sono quelle presenti nel totem, per cui tu comunque non sai che sorpresa conterrà l'uovo comprato da te, ma puoi vedere (o puoi far vedere a tuo figlio, se vuoi) "a cosa va incontro". Resta il fatto che per lui/lei sarà comunque una sorpresa.

    @malanotteno: l'uovo, o meglio la sorpresa per la nana ha sostituito temporaneamente un regalo di compleanno non ancora comprato...quel giorno la miss compiva tre anni, e per questioni di lavoro (vedi post precedente) ci siamo viste soltanto la mattina prima di andare all'asilo...ma questa è un'altra (triste) storia

    RispondiElimina
  7. Ah, ecco, se la sorpresa per il nano c'è comunque, mi pare carinissimo!!
    Peccato che non mi pare ci sia dalle mie parti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-)
      non ricordo dove abiti, ma purtroppo è presente in soli tre punti vendita.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…