Passa ai contenuti principali

io e la mia signorina


Le vedo quasi tutti i giorni, le signorine. La strada che va da casa al paese dei miei è costellato di signorine. C'è stato un periodo in cui erano sparite, poi a poco a poco hanno ripopolato la zona (ma forse non se ne sono mai andate). Bionde, brune, belle, brutte, colorate...

Mi chiedo come riescano a sorridere, mi chiedo dove prendano la forza, mi immagino le facce che si presentano loro davanti, ma spesso le vedo anche quelle facce: in auto sono tutti gradassi e intraprendenti, ma quando escono allo scoperto, all'ingresso delle case, hanno tutti la testa tra le spalle e un sorriso timido. Mi chiedo se non abbiano paura, mi chiedo come facciano a non provare ribrezzo, mi chiedevo perchè mai si cambiassero per strada (domanda stupida a cui mi son data una risposta). 
Le guardo e provo tristezza. Li guardo e...immagino che tra loro ci siano tanti padri-mariti-compagni...e provo tristezza mista a nausea.
Mi chiedo cosa si possa fare per liberarle (sempre che tutte vogliano essere liberate); mi dico che qualche volta si potrebbe far trascorrere loro un'oretta diversa, pur pagandole. poi mi chiedo se a loro farebbe piacere. Vorrei ascoltare le loro storie. Vorrei poter far qualcosa. Vorrei che in giro ci fossero solo quelle veramente convinte. Vorrei che le altre non cascassero più in false illusioni.

Commenti

  1. Credo che nessuno faccia questo lavoro per scelta....non ci crederò mai. Perché sono donna come loro e so che non si sceglie di vendere noi stesse, che è' dura scendere a compromessi, che non può piacere darsi a chiunque.....in quanto ai clienti mi fanno solo pena per la vita vuota che hanno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì...anche se..alle volte..interviste in tv...alcune sembravano quasi fiere...e un po' c'ho creduto...la forza della tv...!

      Elimina
  2. Non credo si riuscirà mai a far scomparire questa realtà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il famoso "mestiere più antico nel mondo"...

      Elimina
  3. Ti racconto una storia. In un paese qui vicino abita una signora brasiliana, ormai di una certa età,sposata con l'uomo che l'ha liberata da quella vita. Ci ha fatto una figlia, ci ha costruito una vita, ma lei dice di non sentirsi libera del tutto, perchè ha sempre il timore che suo marito vada a cercare quello che cercava quando ha trovato lei...

    RispondiElimina
  4. :-( come hai ragione... dove vivevo prima ce ne erano moltissime, due vivevano nell'appartamento accanto al nostro, ed erano gentili, e salutavano quando le incrociavi... ma che tristezza... :-(

    RispondiElimina
  5. è la prima volta che passo per il tuo blog...complimenti per i disegni e per i temi...io creo accessori..se ti va di dare un occhiata questo è il mio blog:http://noxcreare.blogspot.it
    Noemi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie noemi! e...corro a visitare il tuo blog!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…