Passa ai contenuti principali

15 agosto

Ho finito di lavorare ieri mattina: l'ennesimo cortometraggio che porterà solo gloria, ma niente denaro. Il regista questa volta non uno di noi, ma Paolo Sassanelli. Il corto drammatico...una storia forte, dura...temevo per la bambina (il mio spirito di mamma ad un certo punto ha preso il sopravvento); lei l'ha presa bene, non credo abbia preso coscienza di quello che stava girando, della parte che stava interpretando; forse perchè piccina, forse perchè c'eravamo noi a "distrarla" (non sempre cosa buona e giusta), forse perchè nel dietro le quinte spesso i momenti drammatici si smorzano. Sono curiosa di vederlo montato...secondo me sarà un bel lavoro.
Parte della troupe di Roma: due gruppi a contatto, molte difficoltà da superare, causate dall'integrazione, differenti metodi  di lavoro, differenze caratteriali. Per fortuna solo tre giorni (7 giorni concentrati in tre giorni).
Alla fine ringraziamenti e abbracci (alcuni di convenienza). Io non amo i saluti, sono andata via dal set con un ciao generale, salutando i pochi con cui ho avuto veramente stretto contatto durante le riprese (le donne del mio reparto, la piccola attrice e la mamma, e qualche altro).
Ho assistito una costumista: difficile, ma utile. Utile perchè carpisci i metodi, i modi (anche se non sempre condivisi), le scelte...da domani sarò una costumista diversa, anche se continuerò a fare mille errori....però una lunga gavetta mi manca, per cui, ci sta bene prendere anche i cazziatoni (se pure a volte ingiustificati).

Ancora niente vacanze...siamo alla disperata ricerca di un posto dove "traslocare temporaneamente" la settimana prossima, un posto che:
- sia economico
- disponga di un minimo di comodità
- sia praticabile da bambini
- sia economico
- sia interessante da vedere,visitare, assaporare
- per arrivarci non devi fare migliaia di km
- sia raggiungibile in auto
- sia economico
- sia bello

- sia economico

- possibilmente abbia il mare
- se non dispone di mare bello nelle vicinanze, che abbia un quadrato d'acqua per potersi bagnare
- sia economico

la ricerca è difficilissima, soprattutto se si considera che mancano pochissimi giorni alla data della possibile partenza (come al solito, fregatura da lavoro del capo di famiglia...capo...?).
Io la mia scelta l'ho fatta, devo solo convincere lui....IL CAMPEGGIO! una bella tenda da 4, di quelle facili da montare (ce ne sono di super economiche in giro). Posti liberi per tende ci sono, soprattutto dopo ferragosto, e si risparmia, e puoi permetterti anche di mangiare fuori, senza doverti portare pentolini e arnesi vari da cucina. Lui non ama particolarmente questo tipo di vacanza, anche se da giovani l'ha fatto (penando un po'), perchè per lui si dorme scomodamente (ma dai! ora ci sono i fantastici materassini!), si suda (ma dai, i campeggi buoni hanno la pineta!)...insomma...però, cavolo, tu caro marito sei ripartito per lavoro stamattina, tornerai a casa il 18, il 19 vorremmo partire perchè i giorni a nostra disposizione sono limitati. Sono sola a organizzare la vacanza con la nana...cosa devo fare? 

Vabbe', ora è tardi per pensarci, arresto il sistema (il mio) e me ne vado a dormire, non prima però di raccontare al volo il nostro ferragosto: io, marta e taaanti nonni. I nostri, i suoi e quelli delle sue amichette nane. Abbiamo accettato l'invito dei miei ad andare a mangiare in un agriturismo qui vicino (altrimenti sole solette a casa) con l'allegra compagnia: 20 persone, appunto io, marta e 18 nonni e bisnonni. Tutto sommato giornata abbastanza piacevole, posto rilassante, no piatti da lavare, e la mia nonna che ha pagato per me (eheh, il mio animo tirchio è stato premiato).

alias: le famose oche del campidoglio, trasferitesi in Puglia 







Commenti

  1. Mi pare tu abbia scritto 3 4 volte "economico"... un refuso? :)

    PS: Ma l'animo tirchio è una caratteristica Pugliese o solamente io incontro sul mio sentiero Pugliesi Genovesi? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e lo ripeto...ECONOMICO! e che refuso sia!:-)

      Elimina
  2. Cara Gab, allora buone vacanze! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Voto per il campeggio!! Economico, divertente per grandi e piccini e dalle tue parti c'e ne sono di belli!!!;-)) buon viaggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mannaggia, vuoi convincere tu mio marito?

      Elimina
  4. Eh ne so qualcosa anch'io dei lavori che portano solo gloria :(
    va godetevi le vacanze e che siano economiche ;)
    bellissima la giostrina anni 70!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per l'augurio...continuo a votare per l'aspetto economico, eheh!
      buone vacanze anche a te!!!

      Elimina
  5. Campeggio!!!ECONOMICO, divertente, ECONOMICO, indimenticabile! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questa volta il mio spirito avventuroso è stato soffocato dallo spirito comodo del marito...ma per fortuna l'aspetto economico non è stato sconfitto! :-)

      Elimina
    2. Umbria..hai trovato:D buon viaggio!!!!

      Elimina
  6. vai con la tenda!!! prenditi un materassino e dì al fonico che se gli viene il maldischiena è sintomo di vecchiaia... vedrai che se anche gli viene non te lo dice!!! :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. macche'...siamo in umbria, in sistemazione scomoda, scelta perche'provvista di condizionatori (e di letti normali), che però io sto impedendo di accendere, eheh!

      Elimina
  7. capito qui e cosa trovo? un blog diverso dagli altri. Mi piace assai. Brava e facci sapere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao! e...grazie!!! a presto!
      p.s.:ora sbircio il tuo :-)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…