Passa ai contenuti principali

allenare la pazienza

Situazione 1.
giovedì pomeriggio: sala d'attesa del ginecologo (dopo la LILT, ho deciso di tornare da lui...quello che mi ha seguita durante la gravidanza): devo fargli vedere i risultati di alcune analisi...nel momento in cui mi sono seduta, il mio cervello ha cominciato a galoppare, i battiti aumentavano, l'ansia li accompagnava alla grande. Io, all'esterno, donna apparentemente tranquilla e serena. A volte sono bravissima a non far trasparire nulla. Ero impaziente di sentire la sua voce (sperando fosse rassicurante); e quando l'ho sentita, ho avvertito il bisogno di arrivare presto alla conclusione...insomma, impaziente! 

Situazione 2.
Chi mi conosce bene, sa perfettamente che io e i denti non godiamo di buoni rapporti...o meglio, io e il dentifricio.
Calma!!!!!!!!
Lo spazzolino lo uso abitualmente, tre o più volte al giorno (spazzolino corredato di "pasta alla menta").
Chi mi conosce bene sa che non amo essere guardata mentre mi lavo i denti.
Chi mi conosce bene sa che non amo guardare chi si lava i denti.
Chi mi conosce bene sa che non amo guardarmi allo specchio mentre mi lavo i denti.
Chi mi conosce bene sa che non amo guardare la gente che mentre si lava i denti va a spasso per la casa.
Chi mi conosce bene sa che non gradisco che ci si lavi i denti in lavandini che non sono quello del bagno.
Chi mi conosce bene sa che non sopporto parlare mentre mi lavo i denti (da me udirete solo mugugni, ma per favore...non porgetemi domande!).
Chi mi conosce bene sa che non mi piace ascoltare chi parla mentre si lava i denti.
Da quando c'è Marta, la privacy in bagno è un'optional*. Qualunque cosa tu stai facendo, lei c'è (solo Francesco riesce a sfuggirle...).
Per cui, se mi lavo i denti, lei è con me. E ora che ha imparato ad arrampicarsi, lei è accanto a me, si piega con me, mi osserva, mi vuole aiutare...
In più ora anche lei si lava i denti: ha due anni, necessita della presenza di uno di noi mentre lo fa, di uno che le spazzoli i dentini. Lei si lava i denti con il dentifricio per bambini, quello alla fragola. Marta adora il suo dentifricio; se lo mangia lei, il dentifricio. Io...io...io cerco di concentrarmi sui suoi occhietti, quando posso delego al papà, ma poichè lui non c'è quasi mai, tocca a me...BLEACHT!!! (scusami Marta, un giorno riuscirò a spiegartelo). Ce la faccio, resisto, ma vorrei che questo momento terminasse il prima possibile.


Ora mi chiedo: quali sono le situazioni in cui allenate la vostra pazienza? 


*optional è una parola maschile o femminile?

Commenti

  1. La mia pazienza l'alleno quando viene quella mia parente strettissima, che sputa solo veleno.
    Ce ne vuole molta per non restituirglielo e con gli interessi!

    RispondiElimina
  2. io in due momenti: quando lui torna dall'ufficio tardissimo e mi dice "vado un attimo in bagno" e riemerge dopo mezz'ora (e anche lui riesce a sfuggire a Guia non si sa come), e poi, ovviamente, quando viene a trovarci lei...mia suocera...:-)

    RispondiElimina
  3. Io la alleno quando Deddè urla come un matto e credimi urla anche se qualcuno gli soffia addosso :( certe volte non riesco a resistere dall'arrabbiarmi è dura! I nostri figli sono una vera palestra!!

    RispondiElimina
  4. Dipende dal momento che sto vivendo. Ci sono periodi in cui la pazienza è sconfinata, altre invece che non ce n'è per nessuno (e quando dico nessuno è proprio nessuno!).

    RispondiElimina
  5. Con i duenni la pazienza si allena sempre....soprattutto qua do sei con loro h24!!! Ogni tanto mi viene voglia di prendere il PRI o treno e sparire per un po'......

    RispondiElimina
  6. donne, grazie per i contributi! io logicamente ho descritto solo due situazioni, ma ce ne sarebbero un'infinità!!! (soprattutto casi di "pazienza-spazienza")

    RispondiElimina
  7. ho appena finito l'allenamento: addormentarlo di pomeriggio sentendosi dire "mamma via", con tanto di dito puntato contro la porta, e poi richiamare indietro perchè - madre degenere - sei andata via davvero.
    per 4 volte.
    ora vado a farmi una doccia... :-)

    RispondiElimina
  8. Pazienza? What is "pazienza"?
    Scherzi a parte, vivere con 3 gnome che insieme fanno 13 anni in tutto, e un Papozzo (che, seppur bravissimo, in quanto uomo, ha 2 neuroni, suo malgrado...) è un ottimo allenamento per la pazienza. Ma a volte spazienzio!!

    RispondiElimina
  9. bellissima sta fissazione dei denti! io ce l'ho per la pulizia delle orecchie! lol...
    povera mi immagino la scena mentre devi aiutarla a lavarsi i denti, chissà magari sarà lei a farti vincere questa fissa!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...non so...la vedo dura...tanto prima o poi sarà autonoma anche in questo e io sarò libera di non essere paziente! :-)

      Elimina
  10. Grazie a Lucia di "ma la notte no" ti ho scoperta ed è stata veramente una bella scoperta!! Blog super!! Piacere di conoscerti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille!!! ora vado a "sbirciare" il tuo blog! a presto!!!:-)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…