Passa ai contenuti principali

hair

...e poi tua figlia comincia ad appassionarsi ai capelli. Un bel giorno decide che "mamma, mi toji l'elattico così io avevo i capelli lunghi?", E un altro giorno vuole giocare alla parrucchiera, pettinandoti e "infilzandoti" con ferrettini. Allora tu pensi "è fatta! lei non sarà un'artista! certo, per passione potrà danzare, cantare, suonare, dipingere, ma porterà i soldi a casa in altro modo". Poi ti ricordi che anche tu, da piccola, hai attraversato la fase "parrucchiera" (oltre a quella mistica in cui avevi deciso che da grande avresti fatto la consacrata, e la maestra, orgogliosa, ma anche un po' paracula, ti chiamava "la nostra suorina", ti faceva sedere al primo banco, di fronte alla cattedra - ragion per cui, appena ho potuto, ho iniziato a esplorare gli ultimi posti-ma forse mi faceva sedere lì anche per questioni di altezza...). 
Ho avuto sempre la predilezione per i lavori poco redditizi (non li elencherò tutti), solo per poco mi è passato per la testa di iscrivermi a medicina...naaaaa! riuscite a immaginare un dottore che, nel bel mezzo di una medicazione-operazione-visita, alla vista del sangue, fa alzare dal lettino il paziente per potersi stendere e sollevare le gambe, poichè prossimo a uno svenimento?

Beh, insomma, alla fine:
no gab-parrucchiera
no gab-archeologa
no gab-casalinga (almeno per ora)
no gab-nutrizionista
no gab-babysitter
no gab-maestra
no gab-letterata
no gab-pittrice
ecc.
nemmeno gab-scenografa (nonostante gli studi, o almeno no, in parte)

gab...gab...ci penso, eh?
Intanto, ripongo in Marta le mie speranze (tranquilli, non sarò la mamma che tarpa le ali, quella che obbliga il figlio a seguire una determinata strada...mi impegnerò a lasciarle commettere i suoi errori e poi...poi vedremo...tra qualche anno vi saprò dire).


P.S.: le doppie "s" sono volute. Marta si sta impegnando a pronunciare "st, sp, sb, sc, ecc...." e per far ciò ci mette il massimo dello sforzo!




***************************


un'ultimissima cosa, anzi, un ultimissimo numero:

45500

vi segnalo il post di vale, questo qui. Lei ha saputo chiarire bene il concetto, in questo momento non troverei parole migliori...notte!

Commenti

  1. :))) Che carina Marta che si impegna e ce la mette tutta a pronunciare st sp sb...anche se non l'ho mai vista me la immagino!

    RispondiElimina
  2. Wow! mi piace il tuo blo, mi piacciono le illustrazioni, mi piacciono le tue parole! Tornerò spesso a trovarti e s eti va di passare dal mio blog sarai la benvenuta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie!!! certo, passo subito da te! buona giornata!

      Elimina
  3. anche io sono passata per la fase fra-parrucchiera e fra-maestra... poi c'è stata fra-oncologa-pediatrica (che per fortuna ho lasciato perdere perchè sarebbe stata istigazione al suicidio), fra-scrittrice, fra-risolve-i-problemi-del-mondo, fra-amministratrice-locale e finalmente siamo approdati alla fra attuale, che fa libri per bambini... ma cosa farò da grande ancora non lo so!! :-)
    mi piace il tuo blog, ti seguo!

    RispondiElimina
  4. grazie "frachefalibri"! i tuoi lavori mi piacciono molto!

    RispondiElimina
  5. Ciao Gab, grazie di essere passata a trovarmi!! che bello il tuo blog! e poi sei di Bari e se leggi qualcosa di me scoprirai che, non solo ho un marito pugliese ma un vero e proprio amore per la puglia e per voi pugliesi e da quando c'è lo gnappo passo quasi tutto il mese di luglio a Trani dai miei suoceri. allora ti seguo!;-)) buona giornata!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva