Passa ai contenuti principali

ricordi di una infanzia non molto lontana

come quasi tutti i giorni, di ritorno da lavoro, mi capita di passare davanti al mercato rionale....e puntualmente mi torna alla mente l'immagine di "nonno nino", che aspetta "nonna iole", che s'è fatta i suoi bei giretti tra le bancarelle, comprando l'impossibile.
me l'ha sempre chiesto quando era qui "un ritratto! fammi un ritratto! dai, mi metto in posa!", ma io...mai!
perciò, con molto ritardo, eccolo, NONNO NINO (che amava presentarsi come "signor Giovanni Colapietro, anche alle mia amichette, e dava sempre del lei):



1. indossava sempre il cappello, questo modello qui o il basco, sia d'estate (in lino) che d'inverno. Sotto aveva soltanto 4 peli contati, che pettinava con cura ogni mattina. Di tanto in tanto andava al barbiere, il suo vecchio barbiere all'interno della caserma Rossani (quando ancora la caserma era in vita)
2. la dentiera io l'ho vista un sacco di volte! nel bicchiere, vicino al lavandino del suo bagno.
3. vabbe', la versione estiva. Poi, a casa, era solito sbottonarla completamente (soffriva molto il caldo).
4. lo usava per camminare, anche se, fino all'ultimissimo giorno (aveva 90 anni), ha guidato...
5. ...la sua 126 azzurra, che era solito coprire, nel parcheggio di casa sua, con un telo militare, impermeabile.
l'ha guidata sempre, o quasi, con nonna iole come co-pilota,
che con la sua rinomata delicatezza, gli dava
indicazioni sulla strada.
6. è un pezzo di storia, nonno nino, perchè ha combattuto nella II guerra mondiale, è stato prigioniero in africa, e aveva il segno di una pallottola sulla coscia. Lui amava raccontare le sue avventure, ma noi nipoti non  sempre abbiamo amato ascoltarlo ( e logicamente...solo ora me ne pento)....
7. è uno dei ricordi più belli della mia infanzia, e non solo, nonno nino: ci ha amate tanto (solo nipoti donne!). Eravamo tutto, sapevamo fare tutto, meglio di tutti! qualche giorno fa mamma ha ritrovato le pagelle delle scuole elementari, le mie, che lui fotocopiava e custodiva. A me a volte innervosiva perchè secondo me il suo era un giudizio di parte: per lui ero la migliore a scuola, nel disegno, nello scrivere,  nel fare sport, la migliore a nuotare, la più educata...grazie nonno!  se avessi soltanto apprezzato, senza fare storie, forse ora la mia autostima sarebbe un pochino superiore, eheh!
8. lui era il cugino di primo grado di domenico modugno, signori!
9. iole, sua moglie, mia nonna, ancora viva...ne ha avuta di pazienza, il nonno nino. Nonna iole, non è così dolce di sale, è polemica, non lo trattava benissimo (almeno in nostra presenza): era la tosta della coppia...ma si sono amati tanto, per più di 50 anni.
10. richiama il numero 7
11. è la canzone che cantava spessissimo
12. poichè riteneva la mia calligrafia la migliore di tutte, mi faceva scrivere sempre gli indirizzi sulle sue lettere.

e aggiungerei anche un punto 13. l'orchestra.
sì, l'orchestra, perchè non ha mai capito che Francesco suonava il basso elettrico in un gruppo hard rock (mi rimproverà, sicuramente non era questo il genere...ma, giusto per farvi capire...); ogni primo dell'anno era convinto che francesco fosse in teatro, a suonare con l'orchestra per il concerto dell'1 gennaio.

questo è il ritratto di Nonno Nino: mi sarebbe piaciuto se avesse conosciuto marta.
Amava i bambini (quando non era tutti insieme nello stesso posto, eheh!).



Commenti

  1. un modo dolce di ricordare una persona speciale!1 sorriso

    RispondiElimina
  2. Meraviglia.Certi ricordi li senti ancora con i loro odori originali.
    Da quando è morto il mio nonnino (ormai quasi 12 anni) la mia nonna è diventata un'altra persona.
    A me piace ricordarli ai tempi delle elementari e delle merende....bellissimi. grazie per questo post mi hai portato indietro con il tempo..e non ne è passato tantissimo......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero...gli odori!!!se ci penso li sento...buona serata!

      Elimina
  3. Mi hai fatto emozionare...
    Mi sarebbe piaciuto avere un "nonno nino", ma non ho avuto la fortuna di incontrarlo...
    Bellissimo post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie!:-)
      buonissima giornata!

      Elimina
  4. Che bello...tenerezza! Anche mio nonno era Nino, decisamente un altro tipo, ma sempre nonno!!

    RispondiElimina
  5. Che bello.. :(
    Io il mio Nonnino non l'ho mai conosciuto...
    Mi hai fatto piangere... :(

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Bellissimo ricordo. Anche mio nonno è stato prigioniero in Africa.. chissà che non si siano incontrati, laggiù. Altri uomini, altri tempi, sembrano passati secoli e invece era solo una manciata d'anni fa.
    Ciao e buona domenica :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…