Passa ai contenuti principali


non è solidarietà ai tanti che sono in carcere, le intenzioni di questo post non sono quelle...si è avverato il mio incubo peggiore: restare intrappolata, nel vero senso della parola, a lavoro!!! avete presente quando sognate (non so se a voi è mai capitato...a me sì, un sacco di volte) di restare intrappolati in un palazzo, di non riuscire a trovare una via di fuga, di non trovare più la porta di casa vostra...panico!!! ecco più o meno...cioè quasi...quello che mi è capitato oggi pomeriggio:
ore 15,55: sono pronta, devo lasciare la cooperativa (ero sola) e dirigermi in accademia (distano meno di 5 minuti l'una dall'altra). sono in perfetto orario; finestre chiuse, pc spenti, telefono sulla base, chiavi (3 mazzi) prese...faccio per aprire la porta-un vecchio portone di legno-e...ohmmioddio! non si apre! chiamo la segretaria "anna, per caso hai chiuso a chiave tu andando via (e io non me ne sono accorta)?" "no gabri, io no"...aiuto!!! giro, rigiro,ririgiro, tiro a me con fare da professionista dello scasso, punto i piedi e tiro e...nulla! tentiamo di aprire da fuori e nulla! valuto se saltare dalla finestra, perchè siamo a piano terra, ma, proprio perchè a piano terra, qualcuno ha pensato bene di mettere le inferriate fisse, incastrate nel tufo, che nemmeno hercules le può tirar via....per fortuna esistono i fabbri, per fortuna a quell'ora i fabbri lavorano e sono reperibili...ecco che arriva un omaccione (la "s" sibilante però stonava col fisico da omone) che con una spallata, ha aperto la porta! tutto ciò alla modica cifra di € 10,00! la prossima volta, in sogno, spero di avere il portafogli pieno...

Commenti

  1. nice blog, I'll follow, I hope you will follow me too, waiting for you in my blog! Kiss

    www.zagufashion.com

    RispondiElimina
  2. io sono rimasta chiusa in facoltà, una volta, ma per fortuna c'era con me un'amica! come si dice: mal comune...

    RispondiElimina
  3. mamma mia...a te è andata peggio! :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…