Passa ai contenuti principali

questa volta niente disegno, c'è un "caso grave" da affrontare!

Non mi sono mai posta più di tanto il problema, ma, arrivata a questo punto, la questione sta diventando seria. Mi hanno sempre dato meno anni di quanti ne avessi....e questa cosa mi ha sempre fatto sorridere: ne sono sempre andata fiera, mi sono sempre detta “a 40 anni mi scambieranno per una trentenne! Non dovrò mai vergognarmi di dichiarare la mia vera età!”.
Ma adesso...adesso....adesso entro nei negozi e nella sala d'attesa del dottore, con il carrozzino e la mia pupa, e la gente mi guarda come se fossi la babysitter, oppure, peggio ancora, pensano che sia una povera ragazza madre (questo anche perchè la fede al dito è camuffata! Grande errore quello di scegliere una fede in oro bianco: sembra tanto la fedina indossata dai fidanzatini che si dichiarano amore eterno...). Io lo so! Lo so! Lo leggo nei loro occhi!
Probabilmente dipende dal mio fisico minuto (fantastica la mia costituzione! Mi ha permesso di rientrare nella taglia 38-40 dopo un mese dal parto della mia pupa gigante), dal fatto che non ho mai dovuto ricorrere a tinture “nascondicapellibianchi”, al trucco leggero quasi impercettibile (nonostante la mattina dedichi buona parte della preparazione alla cura del viso e al camuffamento occhiaie-gonfiori-pelle pallida), al mio abbigliamento da teenager...il mio abbigliamento...qui casca l'asino!
Nonostante cerchi sempre di acquistare indumenti lontani dal mio essere quotidiano, mi ritrovo sempre ad uscire dai negozi con la busta piena di: magliette simpatiche, scarpe da ginnastica, jeans larghi, felpe, giubbotti fanciulleschi...ma che dico fanciulleschi! I fanciulli si vestono meglio!!! le fanciulle odierne possono scegliere tra una sfilza di capi d'abbigliamento super fashion-femminili...io invece è come se venissi attratta da tutto ciò che tende a non esaltare il mio fisichetto, ma che mi aiuta a nascondere quelle poche forme che ci sono ( e non credete alla favola che una gravidanza ti aumenta la taglia del seno....E' UNA GRANDISSIMA BUGIA!!! magari per qualche mese, fino all'allattamento...ma poi...poi....poi assume delle dimensioni di gran lunga inferiori!).
In ogni caso qualcosa di femminile l'ho acquistata anche io: nella mia “scatola degli oggetti preziosi” ho un paio di scarpe con il tacco di almeno 5 cm...anzi no, non un paio, bensì 3 paia di scarpe col tacco, tra cui quelle del matrimonio (vale lo stesso?); un cappottino nero (che, quando l'ho comprato, ho provato ma senza guardarmi allo specchio...risultato? Spalle squadrate, poco sfiancato...non mi piace più! Ma lui non vuole cedere! Nonostante abbia già compiuto 5 anni, nonostante l'abbia preso da Zara, lui è sempre lì, nell'armadio, sano come un pesce!); un paio di ballerine con tacchetto (usate solo nelle grandi occasioni), un paio di pantaloni classici neri (indossati soltanto due volte); una camicia bianca (comprata per volere di F.); una giacca del tailleur; un tubino alla Audrey Hepburn....e poi e poi...fatemi pensare...qualcos'altro ci sarà, ma ora lo ignoro. Gonne ne ho, ma tutte alquanto favolistiche; una marea di jeans larghi e consumati, scarpe da ginnastica (alcune discutibili a mio parere).
Ci metto tutto l'impegno di questo mondo, alla fine la mattina, quando devo vestirmi, dopo aver dedicato, come dicevo prima, minuti e minuti alla “correzione” del viso, non ho più tempo per riflettere coscientemente sull'abbigliamento e così prendo le prime due cose che trovo davanti e le indosso: ed esco dal portone con la sensazione di essere una studentessa che sta andando a lezione.
Poi guardo le donne per strada e non riesco a capacitarmi del fatto che LORO hanno un aspetto così impeccabile: viso rilassato, acconciature perfette, come se non si fossero svegliate con la testa poggiata sul cuscino. Io invece coi capelli sempre senza forma...nonostante i tentativi dal parrucchiere; io sono quella che si ritaglia la figura del taglio preferito e la porta dalla parrucchiera e le dice “li voglio così”, non facendo i conti con le notevoli differenze fisionomiche....donne che la mattina uscite per andare a lavoro o all'università, RIVELATEMI IL VOSTRO SEGRETO!!!!
io non posso nemmeno dare la colpa alla mia nanetta, perchè ero così ancor prima che lei fosse in arrivo....
….sono forse un caso senza speranza?

Commenti

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…