Passa ai contenuti principali

checcosèllàmmor...


ma voi, vi aspettate sempre qualcosa in cambio? se donate (che sia un dono materiale o no), se vi lanciate in complimenti, se dichiarate amore o affetto...che tipo di reazione avete? no, perchè io mi ripeto sempre spesso che l’amore è GRATUITOChe la sua bellezza risiede anche in questa sua gratuità, che ti fa sentire libero ...però...però cavolo, alla fine sto lì con la speranza inconscia della contro-risposta; Inutile dirvi la delusione, quando questa viene a mancare.  Quanto ho da imparare....

E a tal proposito vi trascrivo una di quelle mail-catena che mi è arrivata stamattina, da mia mamma (la romantica e riflessiva della famiglia, che da quando ha imparato a usare la posta elettronica si è lanciata nell'inoltro spasmodico di tutti i power-point possibili...quando abitavo ancora da loro, utilizzava la tecnica dei bigliettini lasciati in giro "casualmente per caso"):

Commenti

  1. bellissimo! in effetti i bambini vedono le cose per come sono, tanti paroloni tante volte non servono! Le mi dicono:
    quando ci si ama, ci si bacia in bocca..e pure questa è una grande verità ;-)

    RispondiElimina
  2. Ok, al rientro da scuola "interrogo" i miei bambini e poi ti faccio sapere... E Marta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non l'ho ancora interrogata...non so se la nana di due anni mi saprà rispondere, ma ci proverò!

      Elimina
  3. Molto bella, però vorrei dire una cosa.
    Vero che non bisogna aspettarsi niente in cambio, anche se fa molto piacere, ma, quando dico niente è niente.
    No, perchè ci sono persone a cui ho dato molto e mi hanno restituito solo cattiveria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì...lo so...non controbatto...

      Elimina
  4. circondarsi di bambini è il segreto della felicità!..più leggo i tuoi post, le storielle di marta e queste dolcissime definizioni sull'amore più me ne convinco. Ti permettono di vedere il mondo con occhi nuovi, di gioire per cose semplici e poi ti regalano tenere letterine come fossero dei segreti importantissimi. = )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero...se penso a marta, ha la capacità di mutarmi l'umore con una parola (nel bene e nel male...eheheh!!!)

      Elimina
  5. Ho chiesto a PdC, la prima risposta è stata "boh!" la seconda "è una domanda difficile". Vediamo se domani ne viene fuori dell'altro.
    Io aspiro al punto 2) dell'elenco azzurro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo!
      poi mi dici cosa ha risposto (se risponderà) PdC?;-)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva