Passa ai contenuti principali

Creatività, carezze e idee


Capita a tutti di essere nella massima creatività sempre quando non avreste tempo da dedicarle? Capita, vero?
Per me è sempre così: quando lavoravo in cooperativa raggiungevo alti livelli di estro, che spesso restava soffocato per mancanza di tempo. Mi sentivo molto ispirata, quasi sempre, quasi ogni giorno. In periodi di calma, zero totale. Prima delle vacanze mi dicevo "Da lunedì comincerò quel progetto, e poi quello, e quell'altro". Finivano le vacanze e non avevo concluso nulla. Nel pieno del lavoro mi sentivo molto più operativa. 

Così in questi giorni…parlavo di "carezze" un paio di post indietro: le famose carezze, non i contentini, ma quelle carezze concrete che arrivano nei momenti di magra. La telefonata giusta al momento giusto, fatta da un committente che non sentivi da un anno e che si ricorda di te e della promessa fatta che avreste collaborato ancora insieme. O la famosa richiesta di un preventivo.
Insomma, sono giorni in cui non potrei dedicarmi ad altro se non a questa nuova commissione e alla famiglia - casa compresa -, ma in cui realmente ho un'energia e una quantità di idee che circolano nella mia testa e nella mia pancia. Comincio il lavoro, mi alzo e vado a sedermi all'altro tavolo su cui ho lasciato caos e materiale per un altro lavoro. Poi interrompo e corro al computer, e poi chiudo gli occhi e penso, poi disegno solo e soltanto per me, ma disegnando solo e soltanto per me nascono nuove idee. Poi parlo al telefono con "colleghi" di passione e progettiamo eventi, mostre, laboratori…

Insomma, la creatività, per vivere, va alimentata. Nei periodi di noia viene soggiogata dalla noia stessa. Stanotte per i pensieri non riuscivo a dormire; ad un certo punto mi sarei alzata e avrei preso carta e penna (se non fosse che la nana mi ha chiesto di andare con lei nel lettino, per compagnia…e poi mi sono addormentata anche io). 
Capita anche a voi, vero?



Commenti

  1. Cavoli se mi capita... i migliori testi li scrivo prima di addormentarmi, nella mia testa, nella speranza che non si dissolvano alzandomi dal letto, per un periodo ho anche tenuto un blocco per gli appunti, sul comodino.
    Oppure mentre sono in giro, insomma sembra quando è quasi impossibile scrivere, dipingere o altro di vagamente creativo.
    Bof

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'agenda, oltre che sul comodino, sempre in borsa! poi per fortuna i telefoni moderni ti danno possibilità di prendere appunti :-)

      Elimina
    2. Si quello è vero! Ho messo anche un programmino per gli appunti vocali :p

      Elimina
  2. Capita anche a me che non sono creativa. E' la vita stessa, il quotidiano che ci rigenera. Al lavoro mi capitava di sparare battute divertenti a tutto spiano, mentre se mi dovessi sedere e inventare qualcosa non me ne verrebbe in mente una (che nel blog credo di apparire come una rompiballe e basta, mentre nella vita mi piace ridere e vedere il lato comico in tutte le cose)
    Comunque Gab, fai la formichina e cerca di immagazzinare tutte queste idee, per i momenti di scarsa ispirazione. Sarebbe un peccato lasciarle sfumare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-)
      Sì, sì, devo imparare a immagazzinare e produrre al momento giusto, 'chè poi fare tante cose insieme non sempre è fruttuoso :-P )

      Elimina
  3. io non sono molto creativa, però ho notato che più
    faccio e ho impegni, più ho voglia di fare e fare e fare, anche se a parole mi lamento per la mancanza di tempo!

    RispondiElimina
  4. I miei post nascono quasi tutti di notte!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. approposito di notte, stanotte ne ho progettato uno…:-)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva