Sfatate miti, se ci riuscite



Sfatate questi due miti (o luoghi comuni):
1. i figli si ammalano sempre il fine settimana, o i giorni di festa
2. le caldaie si rompono SEMPRE d'inverno
(poi potrei aggiungere un punto 3, che però non mi riguarda particolarmente, ma che tocca molte mie amiche: le mestruazioni arrivano sempre nei momenti meno opportuni)

Dai, provate a dirmi che non è vero? Provateci!

Bene, erano giorni che pensavo e dicevo che "io non mi ammalo MAI!". A distruggere questa mia convinzione, ecco che lo scorso fine settimana inizia a scatenarsi qualcosa di non ben definito, che comincia con una voce molto poco femminile, fino a trasformarsi, via via, in tosse-febbre-raffreddore-solita sinusite.
Dall'altra parte del letto, F. attacca con l'antibiotico e al centro, la nana continua a prendere l'antibiotico, "perché, signora, sta meglio, ma prolunghiamo fino a domenica, perché sento ancora qualcosa" (ok, abbassiamo la testa, incurviamo le spalle, nana a casa fino a lunedì prossimo. Ma, almeno, siamo due donne serene in questo periodo, almeno).
Per cui, ritornando allo stato di salute dei genitori, F. sta andando a lavoro, imbottito di medicine, io, testa dura, a casa, in pigiama, senza prendere nessun medicinale se non tachipirina e spruzzate di fisiologica, e Marta a farmi compagnia.
I giorni scorsi uno straccio, oggi va meglio, pochi brividi, occhi "pisciati" e sempre un fazzoletto a portata di mano. Come cornicetta colorata (ve le faceva fare la maestra, le cornicette, alle scuole elementari?), s'è rotta la caldaia.
Ora, se non sei proprietario di casa, la nota positiva è che non devi spendere tu i soldi per la riparazione-sostituzione di pezzi; ma se non sei proprietario di casa, non puoi effettuare scelte, talvolta nemmeno su chi chiamare, e devi aspettare i tempi del capo. Conclusioni - ometto i vari passaggi -, il pezzo ci verrà sostituito lunedì mattina. Per fortuna non abitiamo in Piemonte. Per fortuna ieri e oggi sono state giornate in cui i termosifoni si potevano tener spenti…ma l'acqua calda….con una bimba che, anche se non si fa il bagno, viene lavata "a pezzi" collo, spalle, ombelico, piedi, faccia…con acqua fredda, d'inverno…mamma debilitata e papà che farebbe bene a non prendere freddo...brrrr! 
Sono riuscita a impietosirvi? Sappiate che abbiamo borsone pronto per impossessarci dei bagni di chiunque vorrà prendere a cuore la nostra causa (nel frattempo oggi pomeriggio saremo ospitati da un'amica vicina).


Commenti

  1. no!!! questa è proprio sfiga:-(( la caldaia rotta con voi dentro casa malate...che c'è di peggio?? Una mamma con sinusite e sindrome premestruale;-)) per la sinusite, io che ci convivo da vent'anni, ti dico che l'unica cura è il santo aerosol! tutto il resto è inutile!! io un bagno per voi ce l'avrei ma arrivare fino a Roma mi pare un pochino scomodo;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. alla sindrome ci stiamo lavorando, ma non è ancora il momento X.
      grazie per la disponibilità!!! :-D

      Elimina
  2. Va beh il padrone di casa può fare ciò che vuole se prende scelte ragionevoli....questa non mi sembra...se potessi ti manderei il Principe che lo fa di lavoro ma senza acqua calda no, non si può stare....io protesterei!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è una brava padrona…ma come tutti i padroni, quando si tratta di guasti e soldi…ehmmm…come dire…poi c'è tutta la consultazione coi vari membri della famiglia…insomma…!

      Elimina
  3. mi piacerebbe tanto sfatarli quei miti ma proprio non posso... tra l'altro anche io giro per casa col fedele amico fazzoletto. io il bagno ve lo presterei ma non credo vi venga bene prendere la nave o l'aereo per una doccia.

    ps: anch'io facevo le cornicette a scuola!

    francy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. w le cornicette! sui quaderni a quadretti, però…e tu?

      Elimina
  4. che iella! Non posso sfatare questi luoghi comuni, gab, perchè sarebbe come scoprire dove si trova il santo graal! In bocca al lupo! cercate di sopravvivere fino a lunedi! (o infilatevi a casa dei nonni!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ieri ci ha ospitato un'amica che abita qua vicino, per una doccia e una cena…questi ultimi giorni vedremo…le valige intanto son pronte :-)

      Elimina
  5. Ciao Gabriella, sono Veronica , mamma di tre e totalmente off topic, scusa. Sono capitata in questo bel blog totalmente per caso (però guarda che belle sorprese) in un post che parlava del lettino montessoriano. Dato che sono in cerca di soluzioni perché la mia terza bimba non ci fa dormire (lettino uguale lager e tutta la notte nel lettone ) mi chiedevo se, anche alla distanza, per te abbia funzionato o meno.
    Scusa ancora! E grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao veronica!
      piacere di conoscerti (appena finisco corro a sbirciare il tuo blog…tre…how! io, ehmm…attualmente ferma a 1, ma perché sembra proprio non voler arrivare un due :-P ).
      Dunque, noi quando abbiamo scoperto che lei per la disperazione si arrampicava, voleva uscire e rischiava di cadere, abbiamo deciso di "trasformarlo" in un letto normale (questo lettino della Pali lo permetteva). Non è basso come un lettino montessori, e lei continua a viverlo come un letto e basta (non come un potenziale luogo di gioco): il letto dove la sera si va a dormire e si legge la storia. Tutto ok: l'ha presa bene, è stato più facile per noi sedersi accanto a lei per farla addormentare, è più facile accarezzarla, leggere storie senza sbarre di mezzo; darle il bacio della buona notte. lei sa che quello è il suo letto, ci sale (e è salita) in totale autonomia e si mette sotto le coperte da sola. Solo che, con l'inizio dell'asilo, è cominciata una nuova fase: puntualmente OGNI notte si sveglia più o meno verso le 3 e viene a trovarci. Purtroppo siamo tanto pigri e stanchi per farle perdere questa abitudine…credo sia cominciata la fase delle paure notturne…spero di esserti stata d'aiuto. Io comunque proverei a "liberarla" dal recinto, mettendo cuscini-materassini per terra per evitare botte varie. Poi fammi sapere ;-)

      Elimina
    2. grazie Gabriella, aspettavo la tua risposta. Concordo nel liberarla dal lettino-lager e tentare un letto dove lei vada in autonomia con la speranza che funzioni. Ti dico la verità: le proverei tutte per riconquistarmi la sera e la notte. Perché il mio blog si chiama mentredormono ma una non dorme. Eh no è !!
      Questo tuo spazio mi piace proprio tanto

      Elimina
    3. figurati e…grazie a te! :-)
      buona giornata!

      Elimina
  6. ahahhaha...un concentrato di sfighe! comunque è impossibile sfatare certi miti, succede a tutti sempre nel momento sbagliato!!! Gli occhi "pisciati" come sarebbero precisamente???...sai che seppur vicina non lo avevo mai sentito questo aggettivo! (sono morta dal ridere!!!)
    buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gli occhi pisciati per me sono…quando…insomma…quando sei raffreddata e gli occhi sono un po' gonfi, lucidi e lacrimosi :-)

      Elimina
  7. Impietosita, ti offrirei volentieri il nostro bagno, ma mi sa che il viaggio è un po' troppo lungo in cambio di una bella doccia calda...
    Ma se vuoi, sempre disponibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah, grazie monica! per fortuna poco fa è andato via il tecnico…habemus caldaia funzionante!!!

      Elimina
  8. Nuuu che sfiga! Oer fortuna è già a posto!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari