Passa ai contenuti principali

parto dalla caldaia, ma arrivo alla legalità


Scusate, non potevo tacere la mia gioia. 
Questi giorni son passati, per fortuna non troppo freddi, e con due docce, una in casa di amica, l'altra dai suoceri.
Ce l'abbiamo fatta, ma avere una caldaia ri-funzionante è troppo bello. Ora però so che posso resistere anche senza accenderla troppo. Vabbe', intanto mi godo l'acqua calda, la doccia senza aver preparato prima un borsone da piscina, il lavaggio dei piatti con acqua tiepida, i panni e il pigiama sui termosifoni per accelerare l'asciugatura, o semplicemente per riscaldarli la sera, prima di indossarli. 
Marta è stata così colpita dall'andirivieni di tecnici e ingegneri idraulici e dal mio disegno precedente, che ora disegna solo caldaie.  Punto.

Venerdì pomeriggio, con Marta a seguito, sono andata alla presentazione del libro La legalità del noi, scritto da Giuseppe Gatti, magistrato antimafia, e Gianni Bianco, giornalista della Rai (con prefazione di Don Luigi Ciotti), due uomini della mia città, gente che anche in gioventù ha lottato per grandi ideali.
Sul sito della casa editrice, Città Nuova, scrivono "Storie di riscatto ed emancipazione dalla logica della violenza, della sopraffazione, del malaffare, dell’omertà.
Contro la logica della morte che costituisce l’essenza della criminalità organizzata. Per una cultura della vita, della legalità, della libertà. Storie di uomini e donne che ce l’hanno fatta. Che hanno alzato la testa. Insieme. Perché insieme si può. Storie come quelle di Ercolano, prima città del sud nel quale il pizzo è stato dichiarato fuorilegge; grazie al lavoro congiunto di cittadini, istituzioni, magistrati, forze dell’ordine. Storie come quella della Calcestruzzi Ericina di Trapani sulla quale la mafia aveva messo gli occhi, riscattata dalla cooperativa di ex dipendenti dell’azienda. Con coraggio e ostinazione. Segno di una (lenta) rivoluzione per riaffermare da cittadini la cultura della legalità."
Sono intervenuti Franco Roberti (procuratore nazionale antimafia), Anna Canepa (segretario generale Magistratura democratica) e Salvatore Cantone (presidente Associazione antiracket di Pomigliano d'Arco). A moderare l'incontro Giovanni Zaccaro (coordinamento Area Bari).
A fare da sfondo attivo alla presentazione, una serie di testimonianze da parte di chi ha lottato contro le ingiustizie (nonostante il pericolo) e chi quotidianamente opera nel sociale, accanto a persone "difficili", gente che cerca di lavorare nel rispetto della legalità e delle relazioni. E Gatti diceva appunto che legalità è intesa come relazione; legalità di una comunità che collabora. Non deve essere più lotta solitaria da parte di vittime, ma bisogna mettere insieme le forze.
Sala strapiena, gremita di gente comune, giornalisti, tv, ma anche polizia e scorta: "roba seria!", ho detto a Marta. Ho cercato di spiegarle che si raccontavano storie di persone che erano state derubate (sono state private di denaro, lavoro, serenità, ecc…); lei ha ascoltato, a volte disegnato, ha battuto le mani. Non si è accorta della presenza di armi, stemmi, divise. Ha partecipato attivamente anche lei, sorprendendomi per tanta pazienza.

Il libro l'ho regalato anche a mio cugino, che "da grande farà il magistrato". Gli auguro di riuscirci, e di essere una persona coerente e combattiva.


Commenti

  1. Contenta per la caldaia...non si poteva aspettare di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche noi…anche noi!!! i nostri capelli, ascelle, piedi ringraziano più di tutti!

      Elimina
  2. hai fatto bene a portarla. non si è mai troppo piccoli per certe cose...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ora glielo leggerò come favola pre-nanna….scherzo! :-P

      Elimina
  3. Disegno bellissimo ahahahah e bella l'idea di portarla con te, non vedo l'ora di condividere anche io queste cose col moccioso lagnoso (in questi giorni chiusi in casa, fuori la pioggia dentro i denti che spuntano.....non è facile farlo star buono, amore mio!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. immagino…poverino…e poverina tu ;-)
      Già quando son grandi la clausura da' alla testa, figuriamoci alla sua età.
      Allora…che questa pioggia abbia fine!

      Elimina
  4. Complimenti per averlo portato ad un evento così importante. Purtroppo, so bene che non tutti magistrati sono combattenti e coerenti ma quelli che lo sono, rendono un gran servizio a noi tutti.
    Stare senza caldaia...quasi come senza gas in cucina...che incubo! Contenta per voi che sia finita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo qui è uno che ora vive sotto scorta….pensavo a come debba essere la vita quando scegli di stare al 100% dalla parte della giustizia, quando metti al primo posto i tuoi ideali e la salvaguardia di questi…!

      Elimina
  5. Scusa se lo faccio magari nel post meno adatto ma te lo dovevo dire: i tuoi disegni sono bellissimi! Mi piacciono da morire!

    Silvia

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva