Passa ai contenuti principali

piccolissime gioie

Avete mai il cuore in fibrillazione, i battiti accelerati, le farfalle nello stomaco? Io sì, in questo momento mi sento così. E mi basta poco per provare certe sensazioni.
Come quando si è innamorati di una persona, così quando fai qualcosa che ti riempie, qualsiasi cosa. 
Come quando uscivo le prime volte con F., o lo sentivo per telefono, o ricevevo una sua lettera e la mia giornata prendeva una piega diversa (appartengo ai tempi delle lettere su carta, delle cabine telefoniche, del sentirsi tramite telefono fisso, aspettando che si liberasse, cercando di nascondersi in un angoletto insonorizzato della casa, o parlando sotto voce; l'epoca dei pensieri e basta, senza sms, delle musicassette e poi dei cd, ma tante musicassette prima).

corso Cavour - Bari
Vi elenco le cause di tale stato d'animo:
1. una giornata di sole.
2. la stampa delle mie illustrazioni su supporti ordinati on-line.
3. la mia auto di nuovo con me.
4. il pensiero delle cose belle da fare.
5. la non preoccupazione di non avere abbastanza tempo.
6. una stupida collanina acquistata da H&M a meno di 5 euro.

Stamattina camminavo per strada e mi godevo i raggi e la vista del mare, azzurro e agitato, a due isolati da me. Ne sentivo il profumo. Mi piace; quando guardo la mia città e la vedo bella, mi balza subito alla mente una canzone di Pino Daniele, questa (forse l'ho già scritto altre volte). La mia città…ho sognato tante volte di andar via, per gusto di novità, per situazioni da cui volevo fuggire (una volta ci son stata vicinissima dal farlo). Poi guardo il lungomare e mi ritrovo innamorata di questo posto che ha pure così tante cose che non funzionano. Vorrei che fosse più a dimensione di…tutto. Di famiglie, bambini, giovani. Più opportunità…ma queste le sognano molti, in Italia, per lo meno.


Serenità a cui si aggiunge la gioia di vedere stampati i propri lavori. Li guardi e pensi che son belli - prima che l'autocritica si affacci prepotentemente nella tua testolina.

Con il solito gruppo di illustratori baresi, anzi, con un gruppetto di loro, questo fine settimana parteciperemo a un mercatino. Ecco qui la locandina, realizzata da Amelia, una di noi:

Abbiamo preparato un po' di materiale da vendere: riflettevo sul fatto che a 36 anni partecipo attivamente e per la prima volta a un mercatino. Bugia che ogni lasciata è persa :-P!
Guardavo gli oggetti e pensavo "sono una figata!" Scusate l'espressione poco felice, ma rendeva bene il mio pensiero…Sono veramente carucci, i miei, così come tutti gli altri…ci
parte del mio materiale
pensavo già qualche giorno fa, guardando l'immagine sul sito da cui li abbiamo ordinati (tu mandi tue foto o immagini e loro te le stampano su supporti che scegli: calamite, spille, cover, adesivi, specchietti…). Un tesoro tra le mani, per molti di noi un tesoro nelle mani. L'ho detto più volte, mi sento "in formazione", sento che, anche se grandicella, devo studiare ancora e crescere in questo settore; ma ringrazio per…come chiamarlo…questa capacità di saper usare una matita, ecco! La mia fortuna in momenti di sventura, il mio sfogo e la mia soddisfazione. Approposito! ieri la maestra di Marta m'ha fatto vedere alcuni suoi lavori. Quella furbetta…è brava! solo un po' pigra, soprattutto a casa. Sfogliavo i suoi disegni e mi commuovevo (mamma mia! ora sto esagerando…sarà l'età che porta "l'occhio lucido"); ero felice anche lì, in quell'aula, parlando con le maestre e intrattenendo piccole conversazioni, per la prima volta, con gli altri genitori.

E poi, dulcis in fundo, la mia auto! dopo sei mesi è tornata da me, anzi sono andata a
riprendermela: scattante, come se non fosse mai stata ferma.                             

Io e F. abbiamo visto che tutto sommato si poteva affrontare questa spesa (essenzialmente l'assicurazione), fermo restando che vorremmo non abusare del mezzo, facendo finta, a volte, che non ci sia, in modo da non adagiarsi sulle quattro ruote, ma continuare ad usare anche le due gambe, ove possibile. Vedremo come andrà, strada facendo vi riferirò.

Piccole gioie, dicevo all'inizio, sciocchezze che per un attimo ti donano serenità. E' la capacità di emozionarsi per poco, che ci fa ricordare che non tutto è nero, che non servono grandi conquiste per essere felici, che è bello sorridere anche per banalità. Ti fa sentire il cuore pieno e sei più propensa a sorridere anche agli altri. la felicità a volte l'abbiamo davanti, dobbiamo soltanto spolverare i nostri occhi.



Commenti

  1. bello quando ci si sente così!
    quando apri un negozio su etsy????? che aspetti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehhhhhhh…è presto…poca roba. vedremo come andrà 'sto mercatino e se mi gaserò seguirò il tuo consiglio :-)

      Elimina
  2. bello bello bello! il mare, il sole e il mercatino! dai apri un negozietto per quelli che abitano lontano!

    RispondiElimina
  3. piccole gioie, irrinunciabili, però! bello...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e sì…ma capita anche a te quando crei? :-)

      Elimina
  4. Quanto è bello il sole di Bari!!! E quanto mi manca...

    RispondiElimina
  5. oggi che il mio umore è nero più del nero, avevo proprio bisogno di leggere un post così;-)) grazie amica e non solo per il post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. amica…mi spiace…mannegg'…dai, nei prossimi giorni arriverà una sorpresa, eheh!

      Elimina
  6. Sono gioie grandi, queste, perché sono gioie del cuore che nascono dalla soddisfazione...di fare, di fare bene, di crescere una bimba brava, di essere madre e di amare la propria città.
    Che bello leggere queste tue parole...mi regali un sorriso, oggi, sai?
    Continua così!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. son contenta tu abbia sorriso :-)

      p.s.: per la bimba brava…hmmm…in questi ultimi giorni avrei qualche dubbio…:-P

      Elimina
  7. E' bello leggere questo senso di leggerezza e questa gioia. Allarga il cuore.
    In bocca al lupo per il mercatino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. …leggerezza è la parola esatta :-)
      Grazie, crepi! scatterò un po' di foto e…speriamo ch non faccia troppo freddo

      Elimina
  8. Ma tu avresti anche un'altra cosina da disegnare!!! o l'hai dimenticata? ;)

    RispondiElimina
  9. macchè!!!! tu sei tra le piccolissime gioie ;-)

    RispondiElimina
  10. Si si dai apri un negoziettooooo :) comunque hai ragione è bello sorridere anche per delle banalità :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mado'…sì…son pigra!
      per ora continuiamo a gioire :-D

      Elimina
    2. ma pure io eh son mesi che tento e cerco di farlo, anche se l'ho aperto poi non l'ho pubblicizzato e son pigra pure io :P

      Elimina
    3. no dai! tu almeno hai fatto un passo in più rispetto a me :-)
      Riempilo per natale, dai!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva