giovedì 27 settembre 2012

la spesa

Ora capisco perchè li "guidano" sempre gli uomini.
Sicuramente eviterò questo mezzo ogni volta che potrò.
Fingerò che sia rotto.
Frequenterò luoghi in cui la tradizione fa da padrona.

Voi...c'avete mai provato?
Per un attimo...per tutta la durata della spesa ho temuto che mi si strappassero i legamenti, mi scoppiasse il cuore, mi bagnassi di sudore (cosa che non mi capita nemmeno quando faccio sport), ho temuto di perdere fiato, voce, respiro, polmoni. Ho temuto di restare bloccata nel supermercato per sempre, ho temuto di restare bloccata nel bagno del supermercato per sempre...e nel frattempo Marta era felice e diceva "io dalla mia macchina non scendo più".....che coooosa????? Tu non ci sali più, semmai, o per lo meno non ci salirai finchè non verrà papà con noi.


Oggi sono stanca psicologicamente. Oggi Marta dovrebbe dormire dai nonni (anche se questa volta non la vedo facile), sempre per lavoro: 3 giorni di fuoco per me e Franc, 3 giorni di lavoro fino a notte, 3 giorni che manderei tranquillamente a................
Io ho di nuovo la s.m.s., e in più stamattina sono stata colpita da un attacco di pianto dovuto a...stress? forse sì, forse sono al limite, forse...non riesco a farmi capire.
Dopo questo fine settimana saprò - spero - darmi delle risposte.

domenica 23 settembre 2012

venerdì 21 settembre 2012

è butto...

Marta, stai attenta...Marta...stai attenta...Marta smettila....pof!
Ecco il risultato. Un lamento dovuto allo spavento, un lamento di convenienza...un lamento e stop.
Sì, stop: un piatto di pollo rovesciato sul pavimento, impiastricciato con l'acqua, buttato nella spazzatura. Ringrazio il mio inconscio che m'ha fatto prevenire il dramma, facendomi apparecchiare con piatto e bicchiere di plastica...sennò....!
Una stretta di mano per me che ancora una volta ho mantenuto un atteggiamento più che decoroso (sarà che ho scoperto che i tipi del garage qua giù - noi abitiamo al terzo piano - conoscono il nome della nana senza che io gliel'abbia mai rivelato...presuppongo abbiamo udito le mie urla)...complimenti!

M:  << mamma, sei allabbiata?>>
G: <<sì marta, sono molto arrabbiata.>>
M: <<e pelchè sei allabbiata?>>
G: <<perchè hai buttato il cibo per terra...non mi devo arrabbiare?>>
M: <<no, non ti devi allabbiale!>>
G: <<e perchè?>>
M: <<pelchè è butto!!!>>

******************************


domenica 16 settembre 2012

per non dimenticare

solo una precisazione: la madre in questione ha dato prova che, qualche volta, si riesce anche a non sbraitare, nonostante la situazione richieda (evidentemente) un urlo d'accompagnamento.
Sarà stata la momentanea occupazione, sarà che non ne aveva proprio voglia, sarà che non era nel periodo a ridosso delle sue cose...insomma, la madre in questione ha mantenuto la calma, terminata la doccia, indossato l'accappatoio e provveduto a pulire...e la bambina in questione? Forse intimidita da cotanta tranquillità, celata comunque dietro un tono severo, si è seduta sul vasino (a pipì fatta ormai altrove), e ha atteso pazientemente che la donna portasse a termine la pulizia del pavimento.
...urrà!

mercoledì 12 settembre 2012

...ma voi, cosa fate durante le riunioni?



Domanda legittima, se mi vedeste lì. Scarabocchio...beh? perchè, voi che fate durante le riunioni? prendete appunti? e beh? questi sono appunti di vita. Distrazione, dite? macchè! Io metto fuori i miei stati d'animo...e poi durante le assemblee soci ho tirato fuori il meglio della mia creatività (non è questo il caso).
Ho letto da qualche parte che "lo scarabocchio aiuta a concentrarsi" (non cito la fonte perchè non la ricordo...si vede che in quel momento non stavo scarabocchiando).
Se mi chiedeste di cosa abbiamo parlato ieri vi saprei riportare per filo e per segno tutto - anche perchè, da quando faccio parte di questa cooperativa, le nostre riunioni hanno sempre seguito il solito copione, e quello che ne è venuto fuori ne è stato "ne riparliamo alla prossima riunione, perchè ora non c'è più tempo"...anche ieri, infatti - e anche se l'apparenza inganna, ha ingannato, ingannerà sempre, io ho prestato la massima attenzione.
Per evitare di rimuovere tutto dalla mia testolina, ho provveduto a riferire i preziosi contenuti al marito, che per fortuna era in pausa. per cui adesso siamo in due ad essere depositari di queste pregiate informazioni.

A dire la verità, avrei voluto che andasse così:

Non è accaduto, non l'ho fatto accadere ('chè se aspetti il momento giusto...stai fresco! io ho scelto la freschezza, per ora...:-P).
Però martedì prossimo ci sarà la seconda parte...sarò preparata, è la mia ennesima opportunità...la situazione non è rosea, bisogna far sentire la propria voce...

domenica 9 settembre 2012

San Canuto Lavard (che centra poco, ma un po' ci sta bene)

cosa succede quando:
- ci si guarda allo specchio e quello che vediamo non ci piace
- non si ha molto tempo per una corsa al parrucchiere
- il mese prossimo siamo stati invitati a un matrimonio, per cui il primo pensiero taccagno è "risparmio e ci vado una volta sola, e che sia quella buona"
- tra se stessi in carne e ossa e la figura riflessa nello specchio trova la propria collocazione un paio di forbici e un pettine con taglierino
- vostro marito è a lavoro e vostra figlia dorme
- si è pervasi da un'insana voglia di cambiamento?




giovedì 6 settembre 2012

sbalzi di personalità



...oggi parliamo di reazioni di una mamma ad azioni (sconsiderate) del figlio-a.
Non so vai, ma io subisco una trasformazione spaventosa, terrificante, orribile...mi temo da sola.  
Mi reputo una mamma comprensiva, paziente, amorevole. A giorni alterni. O ogni 28 giorni, fate voi.
A uguale azione, a parità di situazione, corrisponde una reazione diversa (da parte della sottoscritta).
Ci sono giorni in cui riesci a contare fino a 10 (anche 20), chiudere un occhio (entrambi gli occhi), sorridere, fingere uno sguardo accigliato, rimproverare, dare un bacio e proseguire la giornata.
Altri giorni invece in cui inizi a contare e al massimo arrivi a tre; le tue urla le sente persino la nonnina dell'ottavo piano con l'apparecchio acustico); chiudi entrambi gli occhi, ma solo per gridare, ti parte lo sculaccione...lo sculaccione...forse mia mamma me ne avrà dai un paio, mio padre poi mi faceva piangere solo alzando il tono di voce...e io, io a volte a marta glieli do'...quando mi innervosisco e non riesco a gestire la situazione a parole, glielo do' uno sul culetto (ma leggero, credetemi...tant'è vero che non sortisce alcun effetto il più delle volte, perchè lei mi ride in faccia). Lo so, non serve proprio a nulla, lo so perfettamente, lo so mentre parte la mano...non è così che si ragiona, non si ragiona così, non è un buon metodo educativo, lei capisce solo che si può rispondere contraccambiando il gesto (e no, dannazione! non si danno schiaffi alla mamma!...e perchè no? perchè la mamma può?)...lo so...ma non riesco a controllare il mio nervosismo...ohi ohi...detta così qualcuno potrebbe correre a chiamare il telefono azzurro -se ancora esiste- o i servizi sociali (michela, se stai leggendo, tu che mi conosci da anni...sono una brava mamma!!!). Allora, ricominciamo: invidio-ammiro profondamente tutte quelle mamme che mantengono un certo contegno e controllo di fronte ai capricci dei propri figli. Io, come dicevo, ci riesco a giorni alterni. Le mie reazioni non sono sconsiderate, è solo che, alcuni giorni, sono meno propensa a farmi scivolare addosso i picci della nanetta...e così litighiamo. Poi vengo assalita dal classico senso di colpa (GIGANTE) e vado da lei per fare pace e chiederle scusa. I bambini dimenticano, i bambini hanno una buonissima memoria....


martedì 4 settembre 2012

futuro 2

la foto è venuta malissimo...non so se rende l'idea...a proposito di idee, eheh! insomma, per dire che, leggendo qua e là, molte-molti sono rientrati dalla pausa estiva carichi di buoni propositi,progetti mentali e non solo, cambiamenti, entusiasmi...e tutto ciò è fantastico, io gioisco per-con voi.
Ma...ma...uffa, il mio cervello è una fucina...sta producendo idee, illuminazioni grandiose (ehi, sono veramente grandiose :-D), progetti...ma...accipicchia (leggeteci l'esclamazione che preferite), come faccio a trasformare queste formule della mia testa, questo ammasso di pensieri, in un PROGETTO che ha una sua consistenza materiale? come diamine faccio? mi guardo intorno...ho trovato un finanziamento per giovani disoccupati (io che non prendo lo stipendio da 5 mesi, però, non sono da annoverare tra questi), al di sotto dei 33 anni....'azz! i 35 sono una brutta razza; dai 35 in poi, ogni cosa che trovi, è solo per i più giovani di 35 anni. E sì, perchè almeno un paio di queste elucubrazioni della mia testa richiedono un capitale di partenza. 
Durante queste vacanze, o meglio prima di questa pausa lavorativa, mi ripetevo che avrei reso fruttuosissimi per la mia onorata carriera i giorni, o per lo meno le pause sonno di Marta, ma poi...che volete, la stanchezza era tanta, il desiderio di oziare, di stare con Marta, di andare in giro, altrettanto imponente, per cui...niente, ni-en-te (lo so che la divisione in sillabe è sbagliata)!
Cioè, ho prodotto qualcosa (e a breve spero di potervi mostrare 'sti lavori), ma non sono riuscita a costruire un cambiamento efficace per uscire da questa situazione lavorativa che sta prendendo sempre più una piega nauseante.
E se...e se...e se tutte le proposte piccole arrivatemi in questi ultimi mesi (per lo più gratuite, ma anche per mia volontà), altro non fossero che uno stimolo a mettere da parte quello che ho, per un futuro nuovo? se lette da questo punto di vista, allora non mi resta altro tempo da perdere! se mi fermo a ragionarci su, non so ancora quale dei due piatti della bilancia pesi di più: un lavoro mal retribuito e sbatte "stratificante", o un entusiasmo creativo produttivo che può aprirmi nuove strade...in entrambi i casi,  non so proprio a cosa porterebbero ciascuna delle due decisioni, per cui....

La Barbie è in ognuna di noi?

Il 9 marzo  è stato il suo anniversario. Forse dire compleanno la fa sembrare meno vecchia :-P 58 anni , portati egregiamente. L...