Passa ai contenuti principali

lavori in corso

ma è così evidente la mia insoddisfazione? o qualcuno mi sta inviando segnali che io non voglio cogliere? avete presente una settimana da Dio? provate a guardarlo e capirete.

Domenica: pranzo da mia sorella con nonni (sei per la precisione: i miei, la mia nonna materna, i miei nonni paterni e il papà del marito di mia sorella, nonno di Juri, figlio di Amelia,cognata di mia sorella, la stessa di prima). Pranzo gustoso e da domenica barese: orecchiette al sugo, bragiuole (o brasciole o braciole) cotte nel sugo, insalata, castagne, frutta, dolce, amaro, caffè....citrosodina :-)
Alle 17,00 mi ricordo di uno spettacolo per bambini, decidiamo di portarci Marta e Juri. Arriviamo, ci accomodiamo, nell'attesa mi si avvicina il direttore artistico del posto (dove ho cominciato a lavorare poco dopo l'Accademia) e mi chiede se sono disponibile per alcuni laboratori, dicendomi che avevano pensato proprio a me....cavolo, a me....a me anche se sanno perfettamente che lavoro con la cooperativa, a me che li ho "abbandonati" 8 anni fa per andare a lavorare con la cooperativa...a me....certo, è un laboratorio, lavoro precario, ora c'è ora potrebbe non esserci....farei cose simili a quelle che facevo quando ho abbandonato....però...però...è un segno! se ripenso alla mia carriera lavorativa, posso affermare con certezza che non sono mai rimasta con il sedere per terra, che le occasioni per darsi da fare non sono mai mancate, e che questa proposta potrebbe essere la goccia che fa traboccare il vaso e che mi farà decidere una volta per tutte di mollare con l'attuale occupazione (quella da cui aspetto quasi 6 stipendi perchè attualmente carente di denaro per una serie di motivi - sicuramente non dettati da tirchieria del personale...purtroppo la situazione del conto in banca la vediamo quotidianamente coi nostri occhi-, per chi si fosse perso delle puntate)...e la proposta è capitata a fagiolo, in un giorno in cui avevo aperto gli occhi leggendo un sms (di lavoro) che mi aveva fatto drizzare i capelli, ingarbugliare colon-intestino tenue-vene, gonfiare il fegato e che mi costringeva a occuparmi di una situazione di cui avrei volentieri fatto a meno, considerando che avevo deciso di risolvere una volta per tutte la questione "asilo marta" (ebbene sì, siamo ancora in lista d'attesa).

E così: il lavoro tramite una casa editrice romana fatto prima dell'estate; la grafica del cd del mio amico tarantino Emanuele, le richieste di illustrazioni che a volte arrivano, la scoperta di poter partecipare al concorso per insegnanti perchè pur non essendo abilitata, POF! mi son "laureata" proprio l'anno richiesto per gli studenti delle Accademie, appunto....e poi questa proposta, e poi tante idee che mi frullano in testa che non riesco a concretizzare e che comincio, ma non porto a termine....i soldi che sul conto finiscono per colpa della benzina e di una seconda auto di cui vorremmo liberarci; una figlia che oggi ha due anni e mezzo, ma che domani ne avrà già 14, con tutti i problemi le paranoie che l'adolescenza porta con sè...insomma...
...cosa diamine aspetto ancora???


Commenti

  1. Posso sottoscrivere tutto? Compresi i 6 stipendi arretrati!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ......grrrrrr!!! ma hai diritto alla maternità? se sì....non ti far prendere da compassione e sfruttala come meglio puoi!!!

      Elimina
    2. Maternità?????? Cos'è la maternità????? Con il primo figlio ho lavorato fino al giorno prima e sono tornata dopo un mese!!!...il fatto è che io sono un mix perfetto e disastroso di libera professionista e dipendente e posso godere dei "contro" di entrambi gli aspetti!!!

      Elimina
  2. In bocca al lupo, qualsiasi decisione prenderai.

    RispondiElimina
  3. Grande Gab, sai che sono sempre con te! :)

    RispondiElimina
  4. uhu... grandi decisioni in ballo... in bocca al lupo!!!! Incrocio le dita per te!! :-)

    RispondiElimina
  5. FFFFFOOOOOOOOOOOOOOOORRRRRRRRRRZZZZZZZZZZZZAAAAAAAAAAAAAAAAAA!
    Gliela fai!

    RispondiElimina
  6. @ata
    @ vale (bella la foto del profilo)
    @francesca
    @ ma la notte no
    ....grazie donne! creoi il lupo e vi terrò aggiornate! giorni di grandi scombussolamenti...di grandi pensieri ingarbugliati...mi tuffo? no, bbrrrr, è fredda! no dai, mi tuffo! no, vabbe', aspetto un altro po' (che tanto poi l'acqua mica si riscalda...al massimo ti passa la voglia di tuffarti...!)

    RispondiElimina
  7. Io dico: VAIIIIIIIII!!!!!!
    I segni vanno colti, e poi bisogna anche azzardare un po', no?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva