giovedì 18 gennaio 2018

Le bugie hanno le gambe corte e il naso lungo.


...ma qui ce ne freghiamo e continuiamo a raccontarle, nonostante venga scoperta tutte le volte.

La storia delle bugie è cominciata alla scuola dell'infanzia, quando molto ingenuamente raccontò alla sua maestra che la mamma cantava in un coro (io che con la musica spartisco solo il marito. Non che la schifi! ma mi limito a ascoltarla. In quanto a cantarla...beh...non ne posseggo le doti per potermi far ascoltare in pubblico).
Poi è continuata con "sai, io ho una sorella", ancora "io ho due sorelle" e " ho una cugina". Bene, all'epoca non aveva sorelle e cugine nemmeno oggi. Non so quante gravidanze ho affrontato da allora a oggi; saremmo una famiglia numerosissima.
"Sai, ho un cane"...che?

Scuola primaria: parlando con la maestra e con i compagni vengono fuori i vizi  le virtù dei genitori, in particolare delle mamme. 
Amica 1: <<Mia mamma fuma>>.
Amica 2: << Anche mia mamma fuma>>.
Marta: <<Sì! anche mia mamma fuma!>>. 
Amica 1: <<Mia mamma vede Beautiful>>.
Amica 2: << Anche mia mamma vede Il Segreto>>
Marta: <<Sì! anche mia mamma vede Beautiful e Il Segreto>>....che???? Chi ha mai visto Il Segreto? e che è sto segreto?
Chissà cos'altro farò che non so. Tra un po' si presenteranno a casa i servizi sociali con un mandato. 

Bugie ingenue a parte, ci sono anche quelle serie, a mio parere. Le bugie sui compiti.
Settimanalmente omette di dover studiare una materia, ma poi grazie (?) alla chat di classe, senza che nemmeno debba chiedere nulla, salta fuori qualche genitore che fa domande sul numero di pagine da studiare o sull'esercizio riguardante quella materia e ecco scoperto il mistero! Non è la maestra a dar pochi compiti, ma mia figlia che sceglie di farne solo alcuni. 

Dico io, ma non capisci che senza alcuno sforzo la menzogna viene allo scoperto? Perché continui a prenderci in giro?
Sono ARRABBIATA. Molto; e sento di non avere gli strumenti per affrontare la questione, sento che, in quei momenti, il nervosismo prende il sopravvento e io perdo le staffe.
Temo che la situazione ci stia sfuggendo di mano.

Voi...come fate? Avete consigli?
SalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalva

Nessun commento:

Posta un commento

Copyright © gab. All Rights Reserved.
Blogger Template by The October Studio