Passa ai contenuti principali

tappati le orecchie!



Lo ammetto, a volte lo faccio. 
Lo faccio materialmente e psicologicamente.
Lo faccio quando Beatrice strilla. Sì, perché lei STRILLA, urla. Con il tempo (sono solo 5 mesi, lo so, ma l'ho capito osservandola e ascoltandola) ho capito che non sempre piange per fame o perché ha doloretti, o per stanchezza. Spesso piange solo per essere ascoltata e presa in braccio. Perché non regge la posizione passeggino o altra che non sia tra le braccia di qualcuno (generalmente quelle materne) per più di un tot di minuti.
Urla quando siamo in auto, appena la poggio nel seggiolino. Urla. E se dico urla, credetemi, sono proprio urla!
Avete presente quei bambini che si buttano per terra in preda a un momento di disperazione - o capriccio - tra gli sguardi attoniti dei passanti e il senso di impotenza dei genitori? quei bambini alla cui vista tu esordisci dentro te "il mio non sarà mai così!". Ecco, Bea urla così. Si capisce perché ha un tono diverso, stridulo, alto, acuto...insomma, si capisce. Anche perché non appena la sollevi lei magicamente smette. Tutto quel rumore che avrebbe fatto chiamare il telefono azzurro si ferma.

Quindi, lo ammetto, a volte faccio finta di nulla; mi tappo le orecchie, mi assento, continuo a fare quello che stavo facendo (che generalmente è qualcosa che non posso assolutamente fare con lei in braccio, tipo cucinare, né in fascia) e penso "prima o poi smetterà". A volte smette e si addormenta, altre volte vince lei e io la prendo.

Spesso però mi tappo le orecchie di fronte ai pensieri negativi, quando sento che la tentazione si sta insinuando e rischio di precipitare in un baratro di tristezza; talvolta ce la faccio. Accendo la musica e canto, o vado dalle bimbe che sanno esattamente come distrarti.

E' un buon metodo tapparsi le orecchie.
Devi solo capire quando è il momento giusto ;-)

Commenti

  1. E io ammetto che lo faccio pure io, soprattutto con il maschietto, che lancia strilli acuti da perforare i timpani e piange disperato con le lacrime, sono a che non lo tira su qualcuno (mamma o no, basta sia in braccio): allora sorride, a volte ride pure. Della serie: ho vinto io! E allora ci sono momenti in cui lo ignoro per un po'. Mi sento in colpa ma la verità è che ho mai di schiena, due neonati ed un figlio più grande e non ho tempo per i capricci. Per le coccole si, il sempre in braccio no. Quindi, credimi, io non ti giudico e ti capisco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esattamente come Bea...esattamente! mi sento in colpa anche io, a volte penso che i miei vicini mi considereranno una mamma sciagurata. Lo faccio per sopravvivenza. Con Marta non succedeva, era tranquilla, serena, dormiva molto. Lei è braccia dipendente e intollerante alle posizioni troppo statiche e troppo a lungo. L'auto, che era il mio mezza di fuga, è diventata una gabbia: non la sopporta, e io non sopporto non poterne disporre come piace a me. Anche brevi tragitti a volte sono insostenibili. Allora, che fare? semplice, tapparsi le orecchie! soprattutto perché abbiamo capito che in quei momenti non c'è alcun dolore, ma è un richiamo "ascoltami! sono qua, DEVI prendermi!". Qualche minuto in più non credo faccia loro male :-P

      Elimina
  2. E' sopravvivenza Gab, ci sono momenti in cui non si può proprio fare diversamente o per lo meno ci sono momenti in cui io non posso fare diversamente

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…