da una serie tv a una per niente seria riflessione

Ore 21,30: Marta è a letto, il marito fuori città, io mi fermo e dedico tempo solo a me. Ozio, disegni, tv, uncinetto, serie tv al computer!
Sì, quelle che non potrei vedere con lui, perché non sono il suo genere. O semplicemente quelle che mi ispirano in un preciso momento. Con lui visto ci concentriamo spesso su quelle d'azione, su quelle che ti fanno stare con il fiato sospeso, quelle mentalmente ingarbugliate.

Da sola invece mi dedico al mondo prettamente femminile; a volte ne sento solo l'audio, in sottofondo, mentre disegno. L'inverno scorso, mentre lui era non ricordo dove, è stata la volta di Orange is the new black, poi How i Meet your mother (che non ho terminato), Una mamma per amica, e in questi giorni Sex & the city.


E' leggera, ma a volte mi ha fatto riflettere sul mio essere donna, sul mio essere madre, sul mio lavoro (lavoro?).

Così, tra una frivolezza e un'altra, tra un paio di scarpe nuove e un abito, tra un'amicizia e un nuovo amore, ho pensato a me, alle mie amiche, ai miei rapporti; ho pensato che vorrei scrivere - o vignettare, che è meglio - un libro, ho pensato che ho tante amiche single con le quali il rapporto funziona bene, anche se notevolmente cambiato - ma questo con la responsabilità di tutte -, che avrei tante amiche mamme con le quali potrei fare tante cose, e invece...le tante cose le facciamo ognuna per i fatti propri. Che potrei sfruttare le giornate di nullafacenza per prendere un caffè in più con loro, o buttarmi a capofitto sul mio progetto.
Guardo e penso (oppure guardo e mi godo i cambi d'abito, che, devo ammettere, a volte trovo discutibili)

Penso. Come stamattina: ferma, perché ci sono giorni in cui testa e arti superiori interrompono i collegamenti. E' spesso colpa del cervello, smette di funzionare e si mette in sciopero...un giorno, poche ore, un paio di giorni...e stop! si disconnette. Tu lì che tenti disperatamente di combinare qualcosa, ma lui non ne vuole sapere. Non ne cavi nulla di buono.
Quindi stacchi anche tu e ti dedichi a altro che non preveda più di tanto uno sforzo intellettuale. Oggi è così (il disegno risale a due sere fa), sento persino di non riuscire a scrivere bene quello che vorrei, ma non voglio arrendermi.

Nell'attesa di una illuminazione ho svaligiato un negozio d'abbigliamento....
...scherzo! ho inviato il portfolio a una casa editrice, chissà!





SalvaSalva

Commenti

  1. Tu dici di non essere sicura nemmeno di scrivere bene ciò che vorresti..io ti dico che tra le tue righe e nei tuoi disegni, vedo delle idee fantastiche che aspettano solo che tu le dia vita e che non potranno non piacere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mari, maledetta bassa autostima (la mia)... :-P
      Grazie!!!!

      Elimina
  2. In bocca al lupo!!! Spero tanto che il tuo libro diventi realtà! =)
    Comunque Sex & the city è una bella serie, leggera ma piacevole: è sempre piaciuta anche a me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oggi ho preso in mano le carte e spero di quagliare qualcosa :-)

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari