Passa ai contenuti principali

rivalutiamo i piccoli negozi in città

Parto da qui: qualche giorno fa con Franc.abbiamo pensato che dovremmo (tutti, cominciando da noi) far vivere i piccoli punti commerciali del nostro quartiere (o meglio, ognuno dei propri rioni).
Fermo restando che capiterà di fare spese grandi all'IPERCOOP (il nostro centro commerciale di riferimento), vogliamo puntare a far vivere i piccoli negozi che ci sono sotto casa. E sotto casa, così come in tutto il nostro quartiere, ne esistono di tutti i tipi.
Non sono un'amante delle scorte, perché va sempre a finire di buttare qualcosa rimasta in frigo e dimenticata, o perché, essendo in tre, e molto spesso in due a mangiare a casa, tanto cibo non serve, veramente.
Piuttosto che cestinare, compriamo quel po' che ci serve, nel momento in cui serve. Unica eccezione per la frutta, ma anche lì, senza esagerare.
I servizi offerti da quartiere ce lo permettono: qui c'è veramente tutto.

Tema: Il quartiere in cui abito

Svolgimento: 
Il quartiere in cui abito è uno dei più belli della mia città. Costeggia tutto il lungomare sud. Sì, d'inverno è esposto ai venti come non mai, ma vuoi mettere la soddisfazione di uscire di casa e vedere questa grande distesa blu, a volte quieta, a volte arrabbiata? E' una vista speciale, ve l'assicuro, che mette in pace l'anima.
E' un quartiere storico, nato alla fine dell'Ottocento. Presenta numerosi edifici stile Liberty, tra cui un teatro storico (attualmente chiuso per…chi me lo sa dire? se non erro non aveva impianti a norma. Ora, non so proprio se stiano provvedendo alla ristrutturazione…secondo me ne passerà di tempo, a meno che…per le prossime regionali…chissà!). Vanta edifici spettacolari, tra cui il palazzo dell'Acquedotto, o un altro storico teatro ritornato in auge da qualche anno.
A contrastare l'eleganza ornamentale di certe case e strutture, nel periodo fascista sorsero imponenti palazzi pubblici, in stile rigido e autoritario, palazzi che costituiscono una concreta testimonianza dell'architettura di quel tempo. Alcuni di questi andarono a fare da barriera tra il mare e la zona popolare del quartiere; arrivando, dal mare, li vedi in tutta la loro "potenza" e imponenza. 
Anche la scuola attualmente frequentata da mia figlia ti rimanda in automatico a quel periodo (provate a indovinare come si chiama?).

E' un quartiere particolarmente caro agli intellettuali chic, al popolo, agli stranieri: c'è, credo, una delle massime concentrazioni di etnie dell'intera città. Si passa attraverso tutti i livelli sociali, sei a contatto con una larga e diversificata fetta di popolazione barese e non, e questo mi piace molto.

Offre qualsiasi tipo di servizio: scuole - materne, elementari, medie, superiori, private, statali e comunali -, chiesa (una delle più belle della città). Minimarket, macellerie, pollerie, pescherie, salumerie, edicole di giornali, pasticcerie, cup-cakes specializzati, negozi di detersivi, profumerie, mercerie, giocattoli. Cerchi un orologiaio? qui c'è! Cerchi un ottico? Lo trovi. Barbiere - o sala da barba - parrucchiere, negozio per animali - con annesso lavaggio -, farmacie e parafarmacia? C'è tutto. Persino le onoranze funebri (direttamente di fronte alla parrocchia, tutto a portata di mano). Il negozio che vende materiale elettrico, ferramente, fruttivendoli, cartoleria. E poi gli ormai diffusi negozi di cinesi, piccoli market arabi. Un servizio di stampe su magliette e gadget, elettrauto, carrozziere, meccanico. Agenzie immobiliari. Calzolaio, officina che ripara biciclette, gommista. Gli uffici della Rai, della Regione. Inps e Inpdap. Arpa. Libreria indipendente, corniciaio, vendita dvd a cura di un mauritiano. Negoio di presepi (aperto tutto l'anno! Per me è stata una scoperta sensazionale. Ho scoperto che il negozio è lì da vent'anni e campa alla grande! mica son tutti come me! c'è chi si dedica anima e cuore al presepe, durante tutti i mesi). Negozi di abbigliamento per grandi e piccini. Parchetti, chioschi dei panini, locali vari, enoteche, un pub irlandese e un alto, poco distante, che ha delle fantastiche birre. Erboristeria, fiorai, caserme, bar…ho dimenticato sicuramente qualcosa.

Le strade sono animate sempre, non rischi di restare da solo d'estate o durante le feste; non tutti abbandonano gli appartamenti per andare in vacanza. Puoi circolare fino a tardi e non sei solo.
In ultimo, la soddisfazione di entrare in un negozio e di chiacchierare con il proprietario, di instaurare rapporti con i commercianti, di sapersi a casa e salutare chiunque mentre cammini per strada, non è da sottovalutare.
Il quartiere in cui abito è anche il quartiere che vivo.

Commenti

  1. D'accordo con te. Da noi c'è poco ma quel poco cerco di valorizzarlo. Prima provo sotto casa, se non trovo vado nel supermercato. Anche perché devo fare minimo 20 km per trovarne uno degno di questo nome!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ;-)
      Da noi 20 km no, ma comunque ti serve l'auto per andarci (e comunque, una volta che ci vai, ti carichi come un ciuccio, come si dice qui)

      Elimina
  2. il trasferimento in "campagna" ci ha portato fuori dalla vita del quartiere, perchè non ci sono negozi o servizi (tranne le scuole) e purtroppo ci dobbiamo spostare (non tanto!) per quasi ogni cosa. a casa vecchia invece avevo questa possibilità e la coglievo sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, anche senza andare in campagna, credo che non tutte le zone di una città abbiano tali servizi. Ora punto anche a una maggiore conoscenza con gli abitanti :-) (non solo commercianti)

      Elimina
  3. Grazie alla tua descrizione mi è sembrato di tornare a passeggiare per quelle strade: mia cugina abitava nel tuo stesso quartiere e spesso andavo a dormire dagli zii da piccina! Quando il passo incontra il mare, lì sul lungomare, è proprio una meraviglia! E finalmente adesso anch'io vivo in una città bagnata... dall'Oceano pero'! =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, oh…l'oceano! ha lo stesso suono dell'adriatico? :-)

      Elimina
    2. Decisamente no!
      Quando senti le onde dell'Oceano infrangersi sulla battigia... sai che non scorderai mai più quel suono!

      Elimina
  4. la prossima volta che veniamo a Bari il tuo quartiere lo voglio proprio visitare!!! mi hai davvero incuriosita! anch'io adotto lo stesso sistema per la spesa: compro poche cose fresche perché non mi piace buttare. Io i centri commerciali e i supermercati e sono fortunata perché ho un bellissimo mercato proprio dietro casa. buona domenica!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la prossima volta gita nel quartiere! ah, pure qui, anche se siamo già nei confini del quartiere limitrofo, ma vabbe' :-)

      Elimina
  5. Anche io cerco di comprare nel negozio sotto casa più che al super, la qualità e' più alta e non e' una banalità...qui il,fruttivendolo ha delle cose sensazionali in quanto a sapore e il macellaio batte tutti i record nel giro di diversi km, per la qualità della carne. E ' vero che magari ci metto il doppio per fare la spesa e alla fine spendo pure di più, ma mi godo sicuramente con gusto tutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il tempo io lo perdo in ugual misura, perché nel centro commerciale "mi distraggo"parecchio, e prima di entrare nel supermercato, un giro tra i negozi comprando cose inutili lo perdo. il rischio che corro qui è una passeggiata sul mare o un ritorno a casa con un mazzo di fiori o un giornale scemo :-)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva