Passa ai contenuti principali

decluttering



Perché il decluttering non è affatto facile, altrimenti non avrei accumulato tanto materiale.
Certo, a volte c'è di mezzo una buona componente di pigrizia, che ti spinge a accantonare piuttosto che gettare; ma è anche e soprattutto attaccamento, il mio. Non siamo ai livelli di "sepolti in casa". Per fortuna periodicamente vivo la fase "elimina!elimina!elimina!" e "devi far spazio al nuovo", altrimenti…

Però non c'è bisogno solo di buttare, si può anche regalare per far spazio (aggiungerei, per far spazio al nuovo), o addirittura vendere!
E qui casca l'asino: tutti conosciamo la Caritas, le cooperative che raccolgono indumenti usati, come qui da noi  Equanima, che raccoglie per distribuire gratuitamente ai poveri, ma che eventualmente vende anche a chi desidera acquistare; il baratto tra amiche. Ancora, ebay, subito.it, le varie pagine facebook "te lo regalo se te lo vieni a prendere". Perché liberarsi di qualcosa e guadagnarci non è una cattiva idea.

Ultimamente ho scoperto DEPOP, il tuo piccolo negozio in tasca, come recita la homepage: ti registri, scatti una foto, vendi il tuo articolo….semplicissimo e immediato. Puoi trovare ciò che ti interessa, grazie al suo motore di ricerca, seguire i venditori che più ti piacciono (o seguire tutti quelli che ti capitano a tiro, altrimenti non mi spiegherei come mai ho così -relativamente- tanti follower pur avendo un solo articolo in vetrina).
Mi sembra di un livello leggermente più alto rispetto a ebay: qui si tende a liberare il proprio guardaroba - ma ci trovi anche oggetti d'arredamento, giochi, biciclette - e finora ho notato per lo più roba di qualità. Lo trovo più raffinato di un normale sito di vendite dell'usato.
Quando l'ho scoperto ho esultato "Finalmente mi potrò liberare di tutto il superfluo, di tutte quelle scarpe che non ho mai indossato", di quegli abiti che riposano nel mio armadio, e ci guadagnerò anche!".
ILLUSA.
Nella mia vetrina, dicevo, c'è ancora un solo paio di scarpe.

Separarsi non è facile, per me. Penso sempre "E se mi servisse? e se nel momento in cui dovesse servirmi io l'avrò dato via? Sarò costretta a ricomprarlo…allora sai che ti dico? me lo tengo ancora un po'…un'altra stagione e poi basta, lo giuro!". Ho conservato per questo motivo un paio di camper usate poco più di due volte, una gonna, un paio di pantaloni che risalgono al 1999, canotte estive, un cappotto un po' largo per me, un paio di pantaloni neri classici perché quelli, si sa, sono un capo basic da tenere nel proprio armadio. Una camicia bianca, basic pure quella, che però non indosso da circa 9 anni…Insomma, non ce la faccio proprio. Pensavo che con i soldi di mezzo sarebbe stato più facile. No. Ci vuole volontà e basta, nessuna carotina renderà più indolore il distacco.
Per fortuna la volontà a volte arriva (con l'esasperazione).
Nel frattempo continuo a spulciare Depop; vuoi che non esca qualcosa che attiri la mia attenzione tanto da decidere di mettere in vendita l'intera casa?



Commenti

  1. Da qualche anno quello che non metto da due stagioni lo dò alla Caritas... Non è facile, ma facendo così tendo a comprare meno impulsivamente e capi di qualità maggiore.
    Il problema rimane arginare gli altri due componenti della famiglia, che sono molto basici nel vestire ma accumulano tutto il resto :-/

    Non conoscevo Depop, adesso ci faccio un giretto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. noi qui accumuliamo tutti! anche la nana! staccarla dalle sue cose (vestiti compresi) è ardua impresa!

      Elimina
  2. Interessante anch'io cercavo qualcosa del genere!!!:):) Ciao!!!!

    RispondiElimina
  3. Ora scarico Depop. Pronta per il nuovo attacco di ripulite. Si, perchè io accumulo, accumulo, accumulo. Poi mi prende la botta da matto e faccio super ripulisti. di solito poi non me ne pento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, anche io (non butto molto, ma quel po' che tolgo di mezzo mi fa sentire "migliore" e leggera, eheh!)!
      se vendi su depop fammi un fischio!

      Elimina
  4. IO sono uguale uguale a te, temo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah!
      (oggi son riuscita a fare un bustine per la cooperativa di cui sopra, anche se la maggiorparte delle cose erano di mio marito…ma vale lo stesso?)

      Elimina
  5. Non conoscevo Depop, mi hai incuriosita!
    Per vestiti e scarpe vecchi/poco usati di solito faccio dei sacchi che metto nei punti di raccolta caritas, mentre i vestiti dei bimbi li tengo fino a che trovo qualcuno che conosco a cui regalarli.
    Coraggio, ce la puoi fare :-)))

    RispondiElimina
  6. Io ultimamente vivo il periodo opposto, sono diventata una specie di talebana e butto di tutto anche ciò che serve o potrebbe servire. Sarà che lo spazio man a mano che loro crescono, si riduce sempre più, ma vedo una cosa ferma li per qualche giorno, e mi parte l'istinto omicida di infilarla nella pattumiera....il 90% delle volte lo!faccio!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva