Passa ai contenuti principali

tranquilla, starai sempre con noi…?


Mai fare raccomandazioni preventive.
Non siamo impazziti…si parlava di gente che vive a casa con la famiglia, di scelte di vita, di trasferimenti prematuri, di università fuori casa. E così è partita la predica severa , ma sorridente, del papà. A tali parole la nana si è seriamente intristita.
Tanto lo sappiamo,  arriverrà il giorno in cui ci manderà a quel paese e dirà che vuole andare a vivere per conto suo, si farà la valigia, si chiuderà in camera e si isolerà dalla sua famiglia.
Ah, cara figlia, tu ora non sai quel che dici e desideri, ma, ahinoi, arriverà quel giorno…a meno che tu non decida di restare per provvedere alle spese dei tuoi poveri e precari genitori che non potranno godere di pensione…:-)

Commenti

  1. Consolati Gab! Mio figlio all'età di 4 anni ha promesso che non ci saremmo mai separati!!!! Ma il turno mio quando arriva????

    RispondiElimina
  2. Ahahah! Mio padre ci ha rifilato questa "minaccia" per tutta l'infanzia, e ci ridevamo! poi quando siamo andate all'università abbiamo dovuto ricordarglielo noi, che i 18 erano già superati...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mia madre invece scherzando ci ricordava che prima o poi ce ne saremmo (finalmente) andate. Poi credo che ci sia rimasta male, eheh

      Elimina
  3. lo sai che lo dico spesso a Michele: "quando sarai grande avrei una casa tua e ogni tanto ricorda di telefonare alla tua mamma!" e lui mi risponde: " mamma posso anche invitarti a casa mia e cucinare una pizza al pomodoro tutta per te;-))"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche mia mamma mi deve ricordare di telefonarle, :-P

      Elimina
  4. A casa nostra siamo combattuti. Mio marito vorrebbe nostro figlio fuori da... casa a 16 anni
    "Figlio mio, a 16 anni tu devi conoscere il mondo e prima lo fai meglio è!"

    Tempestivamente intervengo...
    "Con mamma fino a 50 anni devi stare... stretti stretti nel lettone"

    Esagero vero???

    Dai almeno fino a 38...

    PS: io ho avuto la fortuna/sfortuna di andar via di casa a 18 anni. Non nego (OGGI) che mi sarebbe piaciuto vivere con loro giusto qualche anno in più

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah!
      io sono rimasta a casa fino ai 29 anni. Ho studiato a bari per cui non c'era necessità di vivere fuori. E se qualche volta me ne lamentavo, tutto sommato oggi dico che è andata bene anche così.

      Elimina
  5. che ridere.. ora ci vogliono sempre con loro e poi... basta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. …poi se ne pentiranno e vorranno scappar via!:-P

      Elimina
  6. Ahahah...pure il mio Deddè mi dice sempre "mamma io starò sempre sempre con te" e io "aiutooooo" :)

    RispondiElimina
  7. Sempre che a 18 anni non debba emigrare per poter mantenere i genitori in patria e l'università sia una possibilità...di questi tempi sono pessimista....o ottimista? Dipende dai punti di vista!
    A me angustia già ora il pensiero che il nano, duenne, prima o poi vorrà dividere la sua vita con una donna che non sarò io....mamma italica gelosa che non sono altro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh! il bello di avere una figlia femmina…a certe cose non ci penso proprio (però mi preoccupo per altro….nooooooo)

      Elimina
  8. Io non ci voglio pensare a quando arriverà il momento della "separazione" dalla mia nana (ora duenne)... spero il più tardi possibile
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh ben, abbiamo un po' di anni da goderci prima della crisi adolescenziale ;-)

      Elimina
  9. No non parliamo di separazione dai che prima o poi arriva da sola ed anche in fretta!!!

    RispondiElimina
  10. Chissà quante "contraddizioni" tra quello che dicevamo da piccoli e quello che abbiamo fatto da grandi... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tipo "non sarò mai come i miei genitori"? :-)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva