giovedì 26 settembre 2013

amici premi-premi amici


Questa volta ringrazio e giro subito!
Ringrazio Monica :-)
Proprio ieri riflettevo sulle differenze tra amicizie e conoscenze...amicizia quando ci si rivela una parte importante di sè. E credo che il blog aiuti a far questo (per quanto mi riguarda a volte meglio delle parole, 'chè so' un po' timida, sapete?).
Poi favorisce amicizie...e sì...sembra strano, ma la potenza di internet è anche questa, se sfruttata bene (ho amici che si son conosciuti-fidanzati-sposati-riprodotti grazie a internet...cioè, grazie a internet si son conosciuti, poi il resto è venuto da sè).

Quindi ora mi tocca girare il "premio" a altre pupe...ma solo cinque? uff....
Dunque, lo giro a (in ordine sparso):
4. Monica

Donne, 5 son pochine! queste mi son venute di getto, ma l'avrei passato anche a altre.
E ora, 7 cose di me:
1. non mi piace guardarmi allo specchio quando mi lavo i denti
2. non mi piace lavare i denti a Marta
3. raramente mi vedo carina
4. anche io, come monica, ho un sogno-progetto nel cassetto che per ora stenta a decollare, ma non mollo
5. a volte sono spendacciona (ma con cose che non costano tanto, dai!)
6. in quarta elementare volevo fare la suora....!
7. ho la cellulite (anche se sono mingherlina)!!!


venerdì 20 settembre 2013

Buon compelanno!

Metti insieme 51 illustratori, affermati o no, dai loro un tema, organizza e allestisci gli spazi, e poi...guarda, osserva, critica, gioisci, stupisciti, ammira, sogna. Ecco quello che è successo in occasione dei 30 anni del Granteatrino Casa di Pulcinella di Bari. 30 anni che il teatro vive in città e che lavora, ma si diverte anche.

Per l'anniversario hanno pensato anche a una mostra, dal titolo appunto "Pulcinella in città". La mostra, patrocinata dall'Associazione Illustratori, sarà presente nella Sala Murat di Bari fino al 22 settembre.
Allego la locandina (oltre a qualche scatto), in modo che si possano leggere i nomi degli illustratori che hanno contribuito con il loro tratto, con la loro personalità, la fantasia che li contraddistingue, a decorare le pareti della sala, a rallegrare la vista dei visitatori.
La Sala in questione gode di un'ottima posizione in città: è all'ingresso di una delle piazze più frequentate, all'incrocio di due strade fondamentali del centro. Non sarà facile farsela scappare.
locandina




nota:
Cos'è per me la casa di Pulcinella? un luogo magico, ma non perchè io l'abbia frequentato da bambina, anzi! ho scoperto il mondo dei burattini-marionette-pupazzi abbastanza tardi...25 anni circa. Ho imparato ad apprezzarli perchè ho visto il "dietro le quinte"; ho annusato la magia di questa piccolo teatro, un teatro che si fa al chiuso, ma che si presta anche alla strada. Che fa ridere i bimbi e piangere-ridere gli adulti.
Ho imparato a mettermi in gioco; ho scoperto che anche io potevo dar vita a un personaggio, costruendolo e animandolo, e che quelli che erano i giochi di bambina, si potevano tramutare in lavoro-gioco da grande. Ho conosciuto artisti e stimato persone, ho stretto rapporti che tutto sommato ci sono ancora. Ho iniziato a guadagnare i primi "soldi veri". 
Ho costruito e vestito burattini e pupazzi di gomma piuma.
Ho visto la sorpresa negli occhi dei bambini...sorpresa che riscopro negli occhi di Marta.

Buon compleanno Tetro di Pulcinella, che tu possa splendere di magia ancora...e ancora...





lunedì 16 settembre 2013

primo giorno di scuola e altre riflessioni


Io: "Salve...salve...ah! Buongiorno maestra, bentrovata! Volevo dirle che Marta non è venuta perchè non sta bene"
M.: "Ah, buongiorno signora! mi spiace!"
Io: "spero possa venire domani. Buona giornata e buon lavoro!"
M.: "a lei, a domani!"

Poi...sono scappata da quella massa di genitori e bambini, nuovi e meno nuovi, piangenti e sorridenti, maestre indaffarate a conoscere, salutare, consolare.
Domani (spero) toccherà a noi. Perchè la nana, a due giorni dall'inizio, si è ammalata: tosse (solita gola) e febbre. Quindi antibiotico - il primo di una lunga serie? - e aerosol con fisiologica, a ripetizione.
La colpa, lo so, è dell'aria condizionata...ma come si faceva prima senza aria condizionata? Si sudava? e sì, si sudava e si sopportava...non c'è altra risposta.
Io sono della fazione "no-aria condizionata": no nelle auto, mi fa venire mal di testa. No nei negozi (ce ne sono alcuni in cui si ghiaccia). A minime dosi non è proprio da buttar via, ma se posso scegliere scelgo NO. Poi, scusate, non è peggio entrare "un pezzo d'acqua" in un luogo gelido? Vabbe', magari tra qualche anno mi ricrederò, per ora è così.

Oggi, camminando con l'auto, coi finestrini aperti e sudando (ricordo: non uso l'aria condizionata) a più non posso - perchè sono uscita da casa con abiti autunnali, 'chè pioveva ed era nuvoloso, ma pochi isolati da casa c'era un caldo sole estivo...la nuvola di Fantozzi esiste, solo che è troppo pigra per seguirti lungo tutto il percorso - dicevo, mentre ero in auto, riflettevo sulle strisce pedonali e sui pedoni: se fermarsi per far attraversare un pedone dovrebbe essere regola, qua da noi spesso è "gentilezza". Se ti fermi per far passare un cristiano sei proprio gentile, una brava persona. E chi attraversa a volte si sente in dovere di ringraziarti (io lo faccio...ringraziare intendo, ma anche fermarmi, salvo...imprevisti, ehm!).                                              C'è una categoria di pedoni però, qui da noi, soprattutto uomini, uomini di una certa età, che interpretano l'azione di fermarsi come un affronto nei loro confronti. Mai sia ti fermi, mai sia ti fermi e sei donna! Loro si irrigidiscono, si accigliano, sbuffano e ti fanno cenno, con la mano (e con la voce, ma io evito di capirli) di camminare.
Allora passi e ti riprometti di ignorali la prossima volta che te li troverai davanti. Li odio un po' (senza troppa cattiveria), posso dirlo?



giovedì 12 settembre 2013

un buon non-carnevale

C'è il sole, il mare, l'estate...e c'è Peppa Pig.
C'è il parco giochi con scivoli e altalene e c'è Peppa Pig.
C'è il salone del cibo, e c'è Peppa Pig.
C'è l'ipermercato e c'è Peppa Pig.
C'è mai stato qualche personaggio dei cartoni animati presente quanto la Peppa?
Forse Hello Kitty le tiene testa. Ma Peppa...Peppa la amano anche i maschietti, mentre Kitty è trooooppo da femminuccia tutta rosa e brillantini.
 In ogni caso in casa nostra va molto il maialino rosa, e ultimamente con alcune mamme, non mamme, zie, nonne ci chiedevamo “ma perchè, oh Peppa, sei così gettonata?”. Mi son data varie risposte, tra cui la semplicità grafica del personaggio, i suoi colori piatti, no-sfumature, brillanti e vivaci. Le avventure semplici che vive quotidianamente, le passioni che ha, e che sono quelle dei bambini. L'asilo, le pozzanghere (per fortuna qui solo d'acqua), gli amici, il parco giochi, i nonni (anche se i nonni della mia nana non possiedono barca, né tantomeno la portano a spasso sul fiume), i gelati e l'arcobaleno, i dinosauri e le principesse.

E poi un gran bel gruppo che pubblicizza e diffonde quest'immagine; e i bimbi che guardano. E i genitori & co. Che molto spesso incentivano gli acquisti (e quindi le vendite). Per cui anche da noi, in vista della scuola, non poteva certo non venire l'idea (per ora non ancora concretizzatasi) di un simpatico accessorio, che richiamasse alla mente il simpatico maialino, non foss'altro per invogliare a ricominciarla, questa benedetta scuola!

Alla fine abbiamo optato per un paio di "galosce" nuove*, 'chè quelle dell'anno scorso puzzavano (ma quanto cavolo puzzano gli stivali di gomma?) e erano diventate piccole. 
Così son due giorni che non si indossa nient'altro che galosce, anche se fa' molto caldo, in casa, appena ci si sveglia, per uscire...sempre.

Ecco lo scenario di ieri pomeriggio: galosce corredate di bella corona...qualche mamma mi ha presa per una cretina - lo leggevo nei vostri occhi, mamme -, qualche bimba la guardava con sorpresa mista a ammirazione ("mamma, anche io voglio travestirmi!"), il maggiore successo è stato riscosso tra nonnini/e del quartiere. I bimbi non si stupiscono di quelle che per noi sono "strane-azioni", per loro è gioco, è vita, è normale, è bello. E basta.






* acquistate anche come premio per aver ripreso a dormire spesso nel suo lettino, tutta la notte :-)


venerdì 6 settembre 2013

cose d'estate

Cosa abbiamo fatto quest'estate?
Oltre alle passeggiate in città di cui parlavo in qualche post fa, oltre a disegnare, a licenziarmi, a trovare tanti piccoli lavoretti occasionali veramente FIGHI; oltre a lamentarmi e essere felice; oltre a allenare l'attesa e la pazienza, a ascoltare musica dal vivo, a rivedere gli amici che tornano per le vacanze, a recuperare qualche stipendio arretrato (ebbene Sì!!!)....oltre questo posso dire che è stata un'estate carina, fatta anche di "ospitate" in case al mare-campagna di amici; un'estate veloce che non mi ha dato il tempo di rimediare a talloni screpolati - 'chè non ne hanno avuto il tempo-. Un'estate non troppo calda, anzi! un'estate tutto sommato piacevole.
Un'estate celestina, non gialla.

Aggiungo a queste parole qualche breve disegno:

Nella top-list dei momenti speciali ci metto l'incontro con Francesca e Michele. :-)
Quando due blog si incontrano, si incontrano due vite, a volte anche quattro. E succede che:
- ci si senta via mail e poi via sms e via telefono
- ci si incontri in una città X in occasione di un evento
- ci si rincontri volutamente in terra familiare
- si esca
- si passeggi
- ci si mangi una pizza
- si spinga un carrozzino con figli dell'altra
- si parli
- si giochi con la plastilina
- si cada
- si guardi il mare
- si mangi ancora
- ci si imbuchi a una festa in un locale fashion con abiti da battaglia
Incontrarsi (ri-incontrarsi per la verità) e confrontarsi, ridere, vedere i propri nani giocare insieme, il suo piccoletto che subisce gli sbalzi d'umore di una nana con tutti gli ormoni di una ragazza-donna usati come una adulta. 
Checchè ne dica la mia amica tranese, Angela, io quello scorcio di Trani, dal parco, non l'avevo mai visto...grazie Fra'! :-)
Scherzi a parte, è proprio bello quando dalle parole scritte si passa alle parole "parlate". A presto donna giramondo!

E poi la mia testimonial di nozze, la mia AMICA, finalmente libera dall'incubo dei disturbi pre-periodo femminile mensile (e che volete farci, gli ormoni femminili sono la mia preoccupazione principale), a casa mia per due notti e quattro giorno - non ho fatto male i calcoli -, a parlare un po' anche con lei dal vivo, quando Marta ce lo permetteva.
L'unica persona che beve il te' bollente con 40 gradi, l'unica donna che usa camicie da notte anti...tutto! con nonchalance....la prova del 9 per l'uomo che ha rubato il suo cuore. Però, amica, piano piano a scherzare col fuoco :-D !
La mia Amica, Francesco al femminile per certi versi. A lei niente baci però! :-)

E ancora...un'estate piena di matrimoni di belle persone, di persone innamorate sul serio, di legami forti, di ostacoli superati, di nuovi problemi da affrontare insieme, di sorrisi e commozioni. matrimoni che suscitano riflessioni personali, che ti fanno piangere (anche per le risate), di amicizie di anni,

Argomento materiale: gli outfit da matrimonio. Io sbaglio sempre.
Ecco come mi sono agghindata:

 Per quanto riguarda il primo vestito, quello nero, mi ero posta il problema del colore per un evento del genere. Alla fine ho deciso di indossarlo comunque, accostandolo a piccole punte delicate di cipria e grigio (no, stavo bene, dai!).
Stamattina ho letto l'etichetta e ho scoperto che fa parte della collezione "notte"....ora tutto ha un senso.

Ecco, la mia estate sta volgendo al termine, la mia, la nostra! 
E' stata sì celestina, ma PIENA.
Ora mi rimboccherò le maniche e cercherò di fare spazio dentro me a nuovi progetti, per la sopravvivenza familiare insomma...perchè le cose belle e fighe, quelle che mi riempiono cuore-occhi-pancia, le ho già tra le mani, e continuerò comunque a cercarle.


lunedì 2 settembre 2013

S come scuola? no, S come "scappiamo"!!!!

Se volete sapere come sto-stiamo vivendo il riavvicinarsi della scuola, leggete qui e qui, i miei post su Donna Moderna Bambino :-)
Siamo in fibrillazione in casa aiello...e diciamo che l'emozione non è proprio ai primi posti, eheh!
Sono curiosa di sapere i vostri pupi, ma soprattutto voi mamme, cosa state provando, che pensieri vi passano per la testa, per il cuore, per lo stomaco...
Buona settimana!!!!

Riempirsi di bellezza

Io dico che abbiamo bisogno di fare cose belle , di riempirci di bellezza , di sottoporci a "pratiche positive", di respirare ari...