Passa ai contenuti principali

non riesco a "smentire le regole"

Nessuna smentita alla regola: "figli che si ammalano il we e quando, aggiungerei, i padri sono fuori casa...fuori Italia...fuori Europa in questo caso.
Per cui, notte tra sabato e domenica la mini-donna comincia a dare i primi segnali di cattiva salute, fino a che, alle 6,30, dopo sei ore di "non sonno",mi dice che ha mal d'orecchio...eh mo'?  scusate il francesismo, a Bari si dice così e rende bene lo stato d'animo da panico. In 3 anni e 1/2 mai successo (il mal d'orecchio intendo). Santo internet, santo! mi collego con gli occhi appiccicaticci, con il mio cell., stando stesa nel letto con piccoletta lamentosa poggiata sul mio petto e cerco cosa fare, cosa dare...per fortuna un antidolorifico per nani ce l'avevo. Abbiamo placato il dolore fino al mattino dopo.

Per fortuna nonni, bisnonna, zie e zio hanno accettato di trasferirsi da noi, salvandoci così il pranzo e una malinconica domenica chiuse in casa. Hanno portato tutto, ma proprio tutto! loro (compreso pane e frutta...io avevo solo il vino, manco i tovaglioli! dovevo andare a far la spesa).
Abbiamo tirato con l'antidolorifico fino a lunedì pomeriggio, mettendo a tacere momentaneamente la febbre e il dolore all'orecchio. Non ho avuto il coraggio di chiamare il pediatra, per paura di sentirmi dire per l'ennesima volta "signora, lo sa che il fine settimana io non lavoro". Poi magari ti da pure un consiglio, dopo averti detto "se non la vedo non posso fare nulla", ma con un tono...insomma, "l'antidolorifico abbassa-febbre" ci ha aiutati, finchè lunedì appunto non abbiamo scoperto trattarsi di otite media, per cui via all'antibiotico e al cortisone.
La ragazza sta molto meglio, ha solo un faccino che da' di malattia, occhiaie pronunciatissime, ogni tanto scatti di nervosismo...non siamo abituate a stare troppe ore in casa!!! Roar!!!
Domenica sera sono crollata su skype con la mia testimonial: mi sono ribellata al mio senso di solitudine, volevo piangere (e l'ho fatto), volevo aver paura di non saper affrontare la cosa (e l'ho avuta). Poi m'è passato tutto. Sono andata a letto "sfogata" e con il numero della guardia medica salvato sul pc, nonsisammai. Ora va meglio; la convivenza non è drammatica, salvo alcuni litigi corredati di vocioni, ma che finiscono con un abbraccio e un "sorridi! allora vedi che non sei triste?" (questo lei, la simpatica).

Penso a come avrei fatto se avessi lavorato fuori casa. Mi dico che ce l'avrei fatta probabilmente con una marea di sensi di colpa. Mi dico che le cose a volte capitano quando è il momento giusto: prendi una situazione del genere, con marito negli USA, figlia che non può uscire fino a lunedì prossimo, nonni impegnati la mattina (ma che sicuramente si sarebbero resi disponibili in alcuni momenti)  e un lavoro fuori casa, per me, con orari non definiti. Ce l'avrei fatta, ok, ma con una pesantezza d'animo terribile. Tutto si può affrontare, ma così indubbiamente è stato più facile.

Sono 3 giorni che siamo qui, con fortunatamente le visite dei nonni, sta andando bene, ma forse dovremmo curarci più, Marta, che dici? Potrebbe bussare alla nostra porta chiunque, anche il postino per andare a firmare una raccomandata, la vicina di casa per chiedere, chennesò, il sale e troverebbero due pazze in pigiama o abiti casalinghi...che poi...vabbe', vi allieterò con un disegno...con faccine smunte, capelli in disordine (il rimmel me lo metto sempre però, mi fa sentire più carina).
Quindi diamoci da fare, pupa!
Sapete cosa mi sta pesando di più? Dover cucinare tutti i giorni...e dire che da questa settimana sarebbe cominciata la mensa a scuola...:-P


Commenti

  1. In effetti nel disegno siete carinissime;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e ho dimenticato (cioè...in realtà non mi andava) di disegnare la mise odierna...:-)

      Elimina
  2. E' sempre un piacere leggerti. Buona guarigione alla mini-donna!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille! siamo sulla strada per la riconquista della sana e robusta (?) costituzione :-)

      Elimina
  3. Anch'io sto apprezzando il fatto di essere a casa e poter affrontare le emergenze senza ansie da organizzazioneneiminimiparticolari! E anche a me pesa dover fare da mangiare tutti i giorni, shhhhh!! (Io prima andavo in mensa!)
    Auguroni, buona guarigione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io la mensa non l'ho mai provata, ma andavo avanti a panini/focaccia...senza pensieri! grazie!!!

      Elimina
  4. Siete di sicuro bellissime e ci giurerei fashion!!! L'importante e' rimettersi presto! Virtualmente vi faccio compagnia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie :-)))
      Se facessero un concorso per donne in abiti casalinghi, avrei buone probabilità di qualificarmi

      Elimina
  5. Bellissime comunque! Sempre!
    Forza, gab, coraggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah! grazie! comunque sto cercando di rendermi un pochetto presentabile almeno per le chiamate via skype, sennò franc.non torna più! :-)

      Elimina
  6. te lo stavo per dire: ma chiamare subito la guarda medica? Io sono un'affezionata... ormai il mio indirizzo lo conoscono tutti gli autisti di autoambulanze e affini... Cmq l'importante è che stia meglio... e che non vi presentiate in pigiama quando viene il postino!! ;-P
    Anche a me pesa tanto cucinare tutti i giorni... e questo avviene sia con marito disponibile sia quando non c'è... lontani i tempi in cui mi preparava la pasta fatta in casa e candele sl tavolo... sob...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la guardia medica non l'ho mai provata...ma il numero ora è mio, per cui...:-)
      Per fortuna Franc., quando c'è, provvede al pranzo (il suo è spirito di sopravvivenza, eheh)

      Elimina
  7. povera piccola e povera te, immagino il panico!...effettivamente lavorare da casa ha molti vantaggi ma anche qualche difetto. il non curarsi troppo è uno di quelli. soprattutto se a differenza delle donne dei film non ti alzi con il trucco perfetto e non metti i tacchi per fare colazione! Dettagli. 1 sorriso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti...sempre bellissime!!! un filo di quella perfezione...mi basterebbe non avere le borse sotto gli occhi, ecco! :-)

      Elimina
  8. Spero Marta stia meglio ora.
    Quanto al look casalingo, nessuno mi batte. Garantito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. purtroppo ancora altri giorni in casa...da ieri nonostante le cure avvertiva nuovamente dolori...uffi

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva