lunedì 16 settembre 2013

primo giorno di scuola e altre riflessioni


Io: "Salve...salve...ah! Buongiorno maestra, bentrovata! Volevo dirle che Marta non è venuta perchè non sta bene"
M.: "Ah, buongiorno signora! mi spiace!"
Io: "spero possa venire domani. Buona giornata e buon lavoro!"
M.: "a lei, a domani!"

Poi...sono scappata da quella massa di genitori e bambini, nuovi e meno nuovi, piangenti e sorridenti, maestre indaffarate a conoscere, salutare, consolare.
Domani (spero) toccherà a noi. Perchè la nana, a due giorni dall'inizio, si è ammalata: tosse (solita gola) e febbre. Quindi antibiotico - il primo di una lunga serie? - e aerosol con fisiologica, a ripetizione.
La colpa, lo so, è dell'aria condizionata...ma come si faceva prima senza aria condizionata? Si sudava? e sì, si sudava e si sopportava...non c'è altra risposta.
Io sono della fazione "no-aria condizionata": no nelle auto, mi fa venire mal di testa. No nei negozi (ce ne sono alcuni in cui si ghiaccia). A minime dosi non è proprio da buttar via, ma se posso scegliere scelgo NO. Poi, scusate, non è peggio entrare "un pezzo d'acqua" in un luogo gelido? Vabbe', magari tra qualche anno mi ricrederò, per ora è così.

Oggi, camminando con l'auto, coi finestrini aperti e sudando (ricordo: non uso l'aria condizionata) a più non posso - perchè sono uscita da casa con abiti autunnali, 'chè pioveva ed era nuvoloso, ma pochi isolati da casa c'era un caldo sole estivo...la nuvola di Fantozzi esiste, solo che è troppo pigra per seguirti lungo tutto il percorso - dicevo, mentre ero in auto, riflettevo sulle strisce pedonali e sui pedoni: se fermarsi per far attraversare un pedone dovrebbe essere regola, qua da noi spesso è "gentilezza". Se ti fermi per far passare un cristiano sei proprio gentile, una brava persona. E chi attraversa a volte si sente in dovere di ringraziarti (io lo faccio...ringraziare intendo, ma anche fermarmi, salvo...imprevisti, ehm!).                                              C'è una categoria di pedoni però, qui da noi, soprattutto uomini, uomini di una certa età, che interpretano l'azione di fermarsi come un affronto nei loro confronti. Mai sia ti fermi, mai sia ti fermi e sei donna! Loro si irrigidiscono, si accigliano, sbuffano e ti fanno cenno, con la mano (e con la voce, ma io evito di capirli) di camminare.
Allora passi e ti riprometti di ignorali la prossima volta che te li troverai davanti. Li odio un po' (senza troppa cattiveria), posso dirlo?



16 commenti:

  1. No so da quando sia diventata gentilezza far passare un pedone, ma pure qui pare così :( che certi si fermano ma quelli dietro spesso li superano pure :( vabbè, io sono per l'aria condizionata quando serve, tipo 40 gradi all'ombra e con molta umidità, dove abitavo prima sarei morta senza, ma per il resto l'abolirei, tipo nei supermercati l'abbasserei un pochino ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io l'abbasserei dappertutto...se ti fai un giro in uno dei negozi zara locali, entreresti sano, usciresti acciaccato. Grrrrrrrr!

      Elimina
  2. anche io odio l'aria condizionata, infatti ne faccio a meno volentieri.

    sui pedoni, ti racconto un aneddoto successo a un mio amico, con gli occhiali (dettaglio importante).
    una ragazza, anche abbastanza carina, in centro a Bari aspetta di poter passare sulle strisce, ma nessuno si ferma. Quando è il turno del mio amico, lui, la fa passare, e lei: "menomal ca ste' nu cecat ca me fasc passe'!
    è diventata ormai leggenda

    RispondiElimina
  3. Qui in Germania quando mio marito ringrazia OGNI VOLTA che lo fanno passare sulle strisce, i suoi colleghi tedeschi lo prendono in giro e gli chiedono se è matto a ringraziare! "è loro dovere", e non ci piove! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti...dovere, mannaggia agli automobilisti.

      Elimina
  4. ihihiih...abitando nelle tue stesse zone capisco esattamente quello che scrivi...tante volte l'ho notato anch'io. Comunque a ringraziare siamo già in due anche se delle volte faccio la "prepotente" e passo a costo di restarci secca. Devono pur imparare!!! ^___^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi quando sentirò rumore di "inchiodata" saprò che sei stata tu a importi sugli automobilisti ;-)

      Elimina
  5. ... da terrona trapiantata a Bergamo anche io ringrazio :-) perché scambiare una gentilezza non è mai sciocco, anche se è un dovere dell'automobilista fermarsi. Passiamo ore in auto e uno sorriso o una mano alzata non sono mai fuori luogo. Gabry sei fantastica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie ro'!
      ma a bergamo almeno sono più rispettosi?

      Elimina
  6. Anch'io ringrazio sempre! A volte però mi sento stupida, perché l'autista nemmeno se ne accorge...
    Come sta la piccola?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti, mai un cenno di risposta dall'auto...la nana sta meglio, con umore un po' a terra per la ripresa dell'asilo :-(

      Elimina
  7. Mi hai tornar in mente una volta in cui aprii la porta ad un signore un po' anziano con le mani occupate da delle buste della spesa. Ovvio che lo feci per aiutarlo ma lui mi disse " Non si impicci, non sono così vecchio!" :-O !!!
    Anch'io sono per il no all'aria condizionata.
    Come sta la piccola?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quindi non sono solo i miei concittadini che s'offendono, ;-)
      La fanciulla sta bene...cioè...da stamattina no tosse, ma naso "pieno"...siamo uscite lo stesso però. Speriamo di non aver peggiorato 'sto nuovo raffreddore :-)

      Elimina
  8. C'è chi sostiene che non si dovrebbe ringraziare..perchè è un nostro diritto passare,
    ma anche io lo faccio quasi sempre, salvo mandare occhiataccie a quello della seconda fila che cerca di superare il buonuomo che ti ha fatto attraversare -.-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quelli con la fretta "dietro al sedere", dici? :-)

      Elimina

Domande che richiedono preparazione

Dopo " da dove escono i bambini " siamo passati a " perché siamo fatti così? " (non è che esiste una puntata di Sia...