Passa ai contenuti principali

pedala-fermati-rifocillati

C'è che di vacanza quest'anno non se ne parla.
E' anche vero che noi siamo quelli dell'ultimo minuto, visti i lavori che ci ritroviamo e che non ci consentono di programmare - che poi mica è tanto vero...a volte è solo pigrizia e il sedersi a tavolino, ma...vabbe'. Ma la speranza è l'ultima a morire (seeee), almeno finchè non sarà terminato agosto. Ogni anno ci diciamo che alla fine potremmo benissimo decidere di partire in un periodo diverso dall'estate...ari-seeeee! non prendiamoci in giro. Sappiamo entrambi - e ora anche voi - che non lo faremo mai, perchè anche in un periodo diverso potrebbero uscire lavori, o imprevisti di qualsiasi tipo. Forse son riuscita a convincerlo che il campeggio, per una famiglia che può permettersi di improvvisare, è la soluzione migliore. Anche per pochi giorni. Vedremo...ho seri dubbi sulla buona riuscita dell'impresa...


Così quest'anno, per ora, ci stiamo limitando a girare per la città, alla scoperta di angoli sconosciuti o poco vissuti, in compagnia delle biciclette.
Ieri famiglia al completo.


Nel giro verso il lungomare nord ci siamo fermati ad un bar con una carina terrazza sul mare:
se fate finta che non è il mare di una città portuale, potreste trovare spettacolare la visuale (c'erano punti in cui l'acqua era di colore verde cristallino).
Non so (ignoranza pura) se per le temperature elevate, dell'aria e dell'acqua, ma le coste baresi pullulano di granchietti che vengono allo scoperto (e noi li abbiamo contati).

Tappa della nostra gita è stata Eataly, che è stato inaugurato qualche giorno fa, all'interno della fiera del Levante.

Ora...ci siamo entrati per curiosità e per fame. Non abbiamo acquistato nulla, tranne una scatoletta di liquirizie purissime della Calabria - per la pressione bassa dicono siano ottime. Dicevo non abbiamo acquistato nulla per varie considerazioni sui prezzi, oltre al fatto che non ci serviva nulla.

L'ambiente è ben curato e climatizzato (troppo per i miei gusti). Pulito, elegante e essenziale. Trovi cibo locale in vendita e zone in cui te lo servono cucinato: una sorta di self service, come aspetto, ma con servizio al bancone. C'è la zona carne, pesce, verdure, piadine, latticini, vini e la caffetteria.
Insieme ai cibi locali, anche la zona market con olive, legumi, frutta e verdura, cioccolatini, caramelle, ecc., ma anche attrezzi da cucina, libri e cartoleria (e peppa pig...ma perchè?).
Ho letto che organizzano-organizzeranno laboratori didattici per le scolaresche.

Se cliccate qui potete leggerne la filosofia.

Tra qualche settimana, durante la Fiera del Levante, credo che Eataly toccherà il picco delle visite; per il resto dell'anno, complici le varie fiere, credo sopravviverà (e me lo auguro, per tutti quelli che ci lavorano...anche se le polemiche "assunzioni" non sono mancate...).

Sicuramente il barese medio non andrà a fare acquisti, sicuramente Eataly non è l'Ikea...non è per tutte le tasche. In un momento in cui c'è da risparmiare, io comincio da qui. Sicuramente non è pensato per il barese medio, o per il cittadino che vuole mangiare della zampina e che magari opta per il paese vicino famoso per questa pietanza. 
O che ancora sceglie, quando ne ha la possibilità, di fare acquisti con i GAS, volendo scegliere per il sano-biologico-genuino.


E' sicuramente un'ottima e elegante vetrina per chi arriva dall'esterno. Non è la solita mensa per chi lavora nei dintorni e vuole dedicarsi una piacevole pausa pranzo.


Io, ripeto, per curiosità ci sono stata. Cerco ancora una risposta alla mia domanda "perchè Peppa Pig?"...:-)





Commenti

  1. Noi alla fine partiremo quattro giorni, prenotati al volo! però voi avete... il mare! sarà che sono una delle poche italiane con il mare abbastanza lontano, probabilmente se vivessi in una città di mare mi peserebbe meno l'assenza di vacanze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, un po' è vero...un po' mi manca lo staccare dalla città e dalle "viste" di tutti i giorni, guardare posti nuovi, stare in panciolle, lasciare la tecnologia a casa e poi...sono in fase lagno :-)

      Elimina
  2. Non ho capito bene cosa sia Eataly, ma solidarizzo per la mancanza di vacanze.
    Con l'aggravante che noi siamo distanti un paio d'ore dal mare e dalla montagna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. solidarizzo io con voi (per quanto riguarda eataly, il loro sito spiega bene...è una sorta di "contenitore" di prodotti culinari locali, dove è possibile acquistare e assaggiare)

      Elimina
  3. Arghhhhh....anche qui mancanza di vacanze quest'anno: la crisi ha colpito duro e mi rammarico per non aver fatto di più affinché loro potessero godere di un po' di mare. :-((((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi spiace, stiamo messi tutti bene quest'anno ;-)

      Elimina
  4. Mi associo a ..ma la notte no! : almeno voli avete il mare!!
    So che non è come partire ma...è già qualcosa no?
    Ho visto Eataly anche a Torino e mi ha dato le tue stesse impressioni..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, sicuramente è una bella cosa, ma come dicevo a lucia...vorrei solo staccare un po' dalla routine, e sono un po' "piccio" 'sti giorni :-P

      Elimina
  5. girare la città semideserta in bici mi dà un'idea di relax niente male.
    capisco però che la mancanza di un viaggetto come si deve si faccia sentire.
    in ogni caso, ti auguro una bella estate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille! anche a te, e in ogni caso, buon mese di agosto, dovunque saremo :-)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva