Passa ai contenuti principali

notte bianca

Mai farsi frenare dalla pigrizia. Mai farsi abbattere dai rifiuti. Quello che ne potrebbe venir fuori potrebbe essere speciale. Speciale per la sua semplicità.

E così che io e Marta ci siamo avventurate sole solette alla scoperta di questa notte bianca dei bambini, per la precisione "Giocalaluna".
Non siamo arrivate tardi: l'apertura delle danze era prevista per le 21, ma alle 21,30 c'era già il pienone. Parco abbastanza grande (per Bari), grande calca a ridosso degli spazi laboratorio e spettacoli. Siamo riuscite a veder poco, soltanto uno spettacolo di marionette sulla storia di San Nicola, a cura della compagnia Arcobalena. A lei è piaciuto, molto. Era incantevole vederla concentrata e applaudire, fare domande, ridere. Poi abbiamo sbirciato il tavolo dove stavano costruendo lanterne e lune, e quello in cui creavano animazioni con la sabbia. Per il resto...sold-out! anche se gratis. 

All'inizio parlavo di non farsi scoraggiare; questo perchè fino a ieri sera dovevamo essere quattro famiglie a partecipare. Stasera solo io e Marta. La cosa mi ha mandata in paranoia; ero lì lì per mollare. Come al solito sole, io triste perchè le amiche "alternative", quelle che sicuramente avrebbero vissuto questo momento con me, quelle con cui condivido interessi (a te che leggi, pupa :-)) sono lontane. Quelle che "basta una chiamata e ci sono", salvo imprevisti. Quelle con cui condiviso a distanza i miei momenti speciali.
Ho pensato anche che forse sono un po' egoista, e anche un po' invidiosa, perchè forse a volte vorrei vivere anche io la normalità delle mie amiche di città, quelle che hanno un marito accanto, che ogni sera torna da lavoro, o che almeno il fine settimana c'è; quelle che possono programmare un'uscita, e permettersi di starsene a casa, tanto la famiglia è unita.
Sì, l'ho pensato e un po' di sana invidia c'è.
Ho pensato anche che sono fortunata, perchè posso condividere con Marta, e non è poco! La guardavo, parlavo con lei e provavo un formicolio felice allo stomaco. E dicevo "grazie". 

Ultimo resoconto di questa notte bianca dedicata ai nani: i miei concittadini non sono ben educati all'ascolto, al teatro, al silenzio durante gli spettacoli. Forse far partecipare i bimbi significa anche dividere questo momento con loro, e non "farli accomodare" e mettersi in disparte a parlare. C'è da lavorarci, insomma, ma sono contenta che questi eventi prendano piede in città.

Commenti

  1. Bello il formicolio felice allo stomaco!!!

    RispondiElimina
  2. Cara gab, in quanto a normalità nessuna meglio di me può capirti....un'estate passata a fare e disfare valigie, io è Michy soli soletti e da parte mia a volte tanta voglia di vita normale...ma poi penso che forse sono io a non essere tagliata per la "normalità " . Ti abbraccio e non vedo l'ora di rivederti e conoscere Marta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quando penso a te, non mi sento sola, :-)
      a prestissimo!!!

      Elimina
  3. uffa....avremmo partecipato con gioia se fosse stato di venerdì o di sabato....
    solo che venire da Bisceglie, sarebbe stato troppo per noi che siam cotti dagli ultimi giorni preferie....

    uffaaaaa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buoni ultimi giorni allora!!! e buone ferie!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva