Passa ai contenuti principali

trenta e qualche cosa

A volte va un po' così. Ci si alza storti, si va a letto, la sera prima, pensierosi. Poi, metti che aspetti quelle cose lì...metti ancora che tua figlia attacca un piccio megagalattico la mattina. Metti che è terminato il 10° mese e nulla si è sbloccato (dal punto di vista soldi). Metti che avresti tanto voluto festeggiare, ma non ti sei organizzata (e poi quando non prendi soldi, ti sembra inopportuno pensare a spese e a farti un regalo che comporti consumo di denaro, anche minimo). Metti che da sabato sarai disoccupata e che si comincia una nuova vita. E ancora metti che compi 36 anni e nelle foto si intravedono le prime RUGHE!

Capita, capita che il giorno del tuo compleanno non sia proprio quella che si dice una giornata fantastica. Per fortuna c'è F., che ha pensato bene di farmi uscire di casa (prima che i vicini chiamassero i rinforzi per dividere me e la nana che ci gridavamo in faccia - niente mani, solo parole urlate) e di proporre una serata pub nella città vecchia. Per cui aria, umori placati, sorrisi sulle labbra, birra e tagliere di salumi e formaggi, quattro passi e a letto presto, 'chè il giorno dopo ci saremmo dovuti alzar presto: ultimo giorno di asilo per la nana, ultimo giorno di lavoro per me...ta-ta-taaaaa!
Ho consegnato materialmente le mie dimissioni.
Sempre per alcuni dei motivi di cui sopra, ancora una volta non è stato facile: se pigiare "invio" solo per comunicare la mia decisione che si sarebbe attuata da lì a un mese è stata cosa difficile, ancor più è stato chiudere concretamente e definitivamente questo capitolo. Sarà che la fine avveniva dopo una serie di giorni lavorativi felici, fatti di rapporti e di cose belle, ma dover dire "ok, ciao X! io vado" non è stato un gioco da ragazzi. Il mio cuore è debole, per quanto fredda e acidognola sia e se una collega si commuove davanti a te, beh......!

In ogni caso...è fatta. Sono serena e piena di mille idee, progetti, persone da andare a trovare. Già con alcune proposte, che chissà si realizzeranno, e che mi fanno ripartire col piede giusto, con il cuore speranzoso.
E' un cambiamento importante, sicuramente, forse non me ne rendo conto del tutto (sarà che è concomitante all'estate, per cui mi sembra quasi di aver fatto domanda di ferie).
Io mi voglio vedere diversa, voglio avere fiducia, voglio credere che ce la posso fare.
Voglio sedermi a tavolino e stilare la lista delle cose da fare: ho delle illustrazioni da terminare, un paio da fare ex-novo, un progettino che è nella mia testa da circa tre anni; devo studiare, vorrei fare dei corsi di perfezionamento, esercitarmi, uscire, vedere mostre, comprare libri e albi illustrati. Disegnare, tanto, dal vivo. E guadagnare, cavolo! il mio conto corrente sente la mancanza, quanto me, dei soldi.
Non voglio frenarmi e farmi spaventare. E' facile nominare la parola crisi, è altrettanto facile farsi prendere dalla disperazione. Vorrei poter dire che le cose possono andare diversamente; vorrei poterlo raccontare a Marta. Vorrei dirle che nonostante le difficoltà, si può sorridere.


Anche la mia famiglia mi vuole diversa:

- Questa sostituisce la mia fantastica bicicletta da uomo anni 70...figa, vintage, scattante e leggera. Devo dire che anche questa è altrettanto leggera e figa. Diciamo che, nel regalarmela, la mia famiglia ha pensato soprattutto alla sicurezza della nana, visto che, su quell'altra, a mala pena arrivavo coi piedi per terra e per salirci, da quando c'è il seggiolino dietro, dovevo fare movimenti degni di un "saltatore di ostacoli". Su questo credo che potrò andarci vestita da donna, senza rischiare di fare figuracce strane.



- Buoni da "femmina", perchè la depilazione fai da te non sempre ti aiuta a ottenere ottimi risultati; e, ancora, una borsa non di tela credo sia un accessorio indispensabile per una 36enne con le rughe (d'espressione! d'esppressione!).


- Un albo illustrato (bellissimo) per ricordarmi di studiare :-)




Commenti

  1. Tanti auguri! Devo dire che i regali sono meravigliosi! E che nei comics le rughe non si vedono!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco perchè non pubblico foto sul blog.
      grazie!!!:-)

      Elimina
  2. Passo veloce prima di uscire coi bimbi, in bocca al lupo per te e la nuova avventura :) vedrai che andrà tutto bene, cerco di ripetermelo tutti i giorni anch'io e andrà bene :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ricambio l'incoraggiamento, lo sai :-)
      Grazie!

      Elimina
  3. Gab, leggo ora il tuo post!! AUGURI!!!!! vedrai che tutto andrà bene e poi ne dimostri almeno dieci di meno;-)) e io che dovrei dire che a settembre ne faccio 39:-((
    che bella la tua bici nuova!! e di che colore è??
    un bacio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dai!!! anche i tuoi 39 non sono affatto male :-)
      La bici è nera fiammante ;-)

      Elimina
  4. Buon Compleanno Gab. non ti dico stai su con il morale perchè tanto sai tenerti su benissimo da sola. Solo, tieni duro, non mollare a furia di pedalare vedrai che ci arrivi in quel posto bello, dove tutte le cose che vuoi si realizzano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie!!!
      e poi, con una nuova bici, non potrei esimermi dal pedalare, giusto?
      Grazie mille!

      Elimina
  5. vai così!!!! Hai fatto benissimo! Sostengo in pieno il progetto nuovo, lo sai! Bravissima! vediamo se riesco a farmi coraggio anch'io!!
    (p.s. auguri!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh...beh, sarò banale, ma quando sarà il momento del tuo "stop", lo capirai. Ciao pupa!

      Elimina
  6. Auguri!!!
    Vedila così: 36 sono gli anni giusti per diventare grande! E non parlo di cm...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che a cm sto messa più o meno così, eheh! grazie!!!!

      Elimina
  7. Arrivo tardi. Tanti auguri :D!
    Beh, la bici è venuta bene però ;D!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie simo!
      sì, ma posso fare meglio (e non sai quanti schizzi prima di questo risultato! :-P)

      Elimina
  8. Tanti auguri! E fai tutto quello che ti sei riproposta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille! sono auguri che valgono sicuramente a tempo indeterminato, :-)

      Elimina
  9. Auguri di cuore (anche se un po' in ritardo) per T U T T O ma proprio T U T T O. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. GRAZIE! :-)
      valgono ancora, certo che valgono ;-)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva