ancora lei


Ci risiamo...è un periodo di grande s.m.s.(vedi qui e qui).
Non so perchè, ma sento di avere tanto nervosismo da dover scaricare, e l'unico modo che riesco a trovare è quello di arrabbiarmi con Marta. Sia chiaro: non di punto in bianco, non senza motivo. Lei dall'altra parte sembra particolarmente propensa a capricci e picci. Stanchezza? carattere? boh...
La tiritera quotidiana è questa:
1. lei "sbaglia": si impunta per qualcosa, non vuole mangiare, ha reazioni manesche, respinge il piatto, non mi ascolta per niente
2. Io la rimprovero fino ad alzare la voce. La minaccio di punizioni che puntualmente non riesco a attuare fino in fondo. Grido e, nel caso si tratti del pranzo, la faccio allontanare dalla sedia e dalla stanza. E qualche volta ci scappa uno schiaffo sul culetto (che non sortisce alcuna reazione disperata, bensì uno sguardo di sfida e una risposta adeguata).
3. lei urla di più, comincia a tirar calci contro porte o finestre. Fa' tutto quello che sa ci fa arrabbiare.
4. Io mi arrabbio. Poi trattengo (com'è dura!!!) e cerco di ignorarla.
5. lei si calma
6. io mi calmo.
7. lei si comporta come se non fosse successo nulla.
Ritorna a essere la bambina pacifica e scherzosa di sempre.E gioca, gioca a fare la maestra. Si arrabbia con le bambole imitando le sue maestre e probabilmente anche noi (intorno ha solo gente che grida...!).
le sue bambole sono tutte nude, tutte senza capelli

8. io, lo so che non si fa, non riesco a farmela passare subito. Conservo un po' il viso tirato.
9. cerco di parlarle, ma sembra non capire affatto il perchè della mia reazione e il perchè del suo urlare e scalciare. Oppure ripete quello che ha fatto, col sorriso sulle labbra. Non sembra la bambina di qualche minuto prima.

Io sono confusa (forse anche lei, perchè anche noi genitori soffriamo di sbalzi d'umore). Non capisco se è una normale fase di passaggio/crescita. Non so se è una contro-reazione a qualcosa che io/noi sbagliamo. E' quindi la conseguenza del nostro sapere o non sapere essere genitori...non lo so. So che mi destabilizza, so che prima di trattenere la calma devo urlare anche io. So che sto passando un periodo in cui il mio nervosismo inconsciamente viene fuori. So che....VORREI UNA TATA LUCIA O CHI PER LEI QUI! 


Commenti

  1. Ciao Gab, ti leggo spesso ma credo sia la prima volta che commento... il tuo post mi ha colpito molto per varie ragioni: una di queste è che mi ritrovo in ciò che dici, la seconda è che leggerti mi ha lasciato l'amaro in bocca perché (rispecchiandomi in te) ho visto una mamma stanca e demotivata. Credo che Tata Lucia venendo da te lavorerebbe prima di tutto sul piacere e il divertimento. Lavorerebbe sull'energia che si è instaurata a casa. Allora, consiglio a te (ed a me) tre cose: 1. basta con i sensi di colpa (tra le tue righe c'è una mamma che si sta logorando e non si sente all'altezza) 2. ritrova il piacere di stare con tua figlia (gioca con lei, proponi attività fuori dagli schemi abituali) 3. lascia perdere (se oggi non mangia mangerà domani). Sii leggera come una farfalla e prendi la situazione meno sul serio!
    Ho riletto il commento che ho lasciato: sembra un po' critico ma non è questa l'intenzione. L'intenzione è: ti capisco!!! ti capisco tanto!!!! ci si passa tutte. Io ho spedito due giorni il babbo e la bimba a Mirabilandia e ci sono passata pure bene!!! e mi sto ricaricando alla grande!!! un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao gaia! grazie e...no, non ho letto critica nelle tue parole :-)
      oggi va già meglio, sono più serena e sento che l'approccio sarà differente. Questi consigli servono tanto, anche solo per mettere nero su bianco cosa fare, rileggerlo, e capire, dalle varie esperienze, che "ce la si può fare" e che bene o male ci passiamo tutte!

      Elimina
  2. piccola GAB...certo che deve essere dura! Credo che in questa momento storico mantenere la calma è un'impresa titanica...però concordo con il commento precedente, consigliandoti di smetterla di addossarti sensi di colpa. Vabbene provare a migliorarsi ma torturarsi di critiche non è giusto. Marta dai tuoi racconti mi sembra furbetta come tanti bambini...la lezione l'ha già imparata da un pezzo. Sorrisi tutti per te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie :-)
      lo so, devo assolutamente lavorare su me e sui miei "fantastici" sensi di colpa...chissà da quante generazioni, in famiglia, ce li portiamo dietro!

      Elimina
  3. Posso capirti e sono solidale.
    Quando pensi che un metodo debba funzionare (ad esempio ignorare) e non succede ti trovi spiazzata, quando pensi "oggi non mangia, mangerà domani" e poi non succede neanche domani ti chiedi cosa devi fare e quale "tecnica" adottare. Sai che a volte bisogna fare solo quello che ci si sente di fare senza pensare a metodi e tecniche, ma se neanche quello funziona, ti senti sconfitta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti. Sempre per la storia che i bambini, nel bene o nel male, sono veramente "spiazzanti"!

      Elimina
  4. è normale. vogliamo essere super mamme, ma siamo mamme di ciccia, con le nostre debolezze e loro lo sanno. l'unica certezza in questi casi è che passerà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e sì...e poi arriveranno le reazioni adolescenziali..ahahah!
      scherzo!
      sì, passerà...per fortuna non è storia di tutti i giorni, sono periodi.

      Elimina
  5. non ho consigli ma solo un abbraccio solidale perchè ci sono giorni in cui capita anche in casa nostra e io mi chiedo se sia possibile iniziare con i no ed i capricci prima dei due anni.
    Non sentirti in colpa però, non è che il nervosismo uno se lo vada a cercare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie :-)
      poi...forse questo nervosismo che non ci cerchiamo lo trasmettiamo a loro, che alla fine...reagiscono così!

      Elimina
  6. tesoro, non ho la formula magica nemmeno io... ti è un pò di conforto se ti dico che mi sono ritrovata in ogni tua parola?!
    un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che mi conforta! e non per cattiveria, ma perchè è consolante sapere che intorno, anche a km e km, ci sono donne che affrontano le stesse difficoltà, situazioni e che sbagliano, si rialzano, migliorano, piangono, trattengono, sorridono! un abbraccio a te!!!

      Elimina
  7. Secondo me non ti serve una Tata Lucia: ti serve solo un po' di decompressione e di pausa da lei... e sapessi come ti capisco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì...forse sì...e tanta tranquillità per tutteddue. Un abbraccio!

      Elimina
  8. Cara Gab , anche michy si comporta allo stesso modo quando si tratta di metterlo nella vasca per lavarlo: urla, pianti, mamma cattiva e tentativi di darmi schiaffoni....il tutto può durare anche mezz'ora nella quale io mi sento un mostro e mi viene quasi da piangere e poi magicamente lui torna il bambino adorabile e tranquillo di sempre e io continuo ad avere i nervi a fior di pelle....ti lascio poi solo immaginare i capricci in questi giorni di clausura nella stanza d'albergo a tel aviv:-((

    RispondiElimina
  9. Che bello il nuovo banner del blog!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie!
      sai, pensavo proprio alle vostre ore trascorse là dentro...ma che avete fatto per 24 ore (oltre peppa pig in ebraico)?
      Comunque poi la vacanza è andata bene?

      Elimina
  10. È così... ci arrabbiamo, ma poi tutto passa.. Ma passa? È che ci vuole una pazienza infinitaaaa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mamma mia, è vero...pazienza che, quando sei stanco, va a dormire anche lei...ma sì...passerà, poi ci sarà altro, eheh!

      Elimina
  11. Si, io perdo completamente la ragione se sono stanca ( soprattutto emotivamente) o anche se mi fa spaventare perché fa qualcosa di pericoloso, o anche se mi sento presa per il... ;)
    Peró, hai ragione tu, ci sarà altro, ci sarà sempre qualcosa, quindi è meglio "imparare" subito a non reagire... O almeno provarci ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. o proviamo a reagire, ma nel modo corretto...cioè...proviamoci, dai! :-)

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari