Passa ai contenuti principali

come diceva qualcuno...l'ottimismo è il profumo della vita!



per la cronaca:
1. il dentista c'era: era disponibile solo la mattina e guardacaso stamattina non lavoravo;
2. dente riparato a costo zero (grazie salvatore del mio portafogli!);
3. niente di grave. C'è la possibilità che se ne venga nuovamente l'otturazione, ma saprò controllarmi perchè saprò a cosa andrò incontro;
4. non sono più brutta del solito (anche perchè si tratta di un dente in posizione strategica...posso ridere e lui comunque resta nascosto);
5. riuscirò a partire per Milano;
6. devo dare ascolto di più al mio "saggio e positivo" marito;
6. Marta, ad oggi, potrà iscriversi all'università...odontoiatria!!!!





Commenti

  1. eheheh.. come ti capisco!!! io c'ho i denti ciufega e ogni volta che succede qualcosa mi prende il super panico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e meno male che ho preso fluoro, li ho lavati sempre benissimo...e mi ritrovo con il gesso al posto dei denti...ma...ricordami-...è sognare che si rompono che porta bene o il fatto che si rompano? :-)

      Elimina
  2. Ma sbaglio o marta doveva fare lavori manuali, redditizi,senza perdere tempo con l'università x poi restare disoccupata? ^o^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh...in base alla necessità dei genitori...:-)

      Elimina
  3. Poverina, no! Si guadagnerà anche tanto ma...che senso, io soffrirei per i pazienti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì...fa anche un po' schifo...diciamocelo :-)

      Elimina
  4. :-D che grande di dentista!!! il mio ti fa tutti i controlli gratis, ma quando ti mette le mani in bocca sul serio si fa pagare!!!

    RispondiElimina
  5. ehehhe...come vedi la felicità certe volte è dietro l'angolo....anzi no, è in bocca! =)

    RispondiElimina
  6. ora ti faccio ridere: l'ultima volta che mi si è rotto un dente ( proprio uno dei due dentoni che stanno davanti) è stato qualche anno fa prima di una prima a teatro (lavoravo com PR, quindi l'immagine è super-importante) e niente alla fine dopo mezz'ora di pianto addosso al santo marito, sono uscita in tiro, con capello tutto in avanti e ho cercato di sorridere il meno possibile, sperando che nessuno lo notasse. cosa impossibile perché io sono una che sorride sempre tanto, quindi tentavo di nascondermi con programmi di sala, ecc, insomma una serata patetica-ridicola da dimenticare:-((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh mamma! sorrisi a labbra tiratissime!:-)

      Elimina
  7. noooo... sei la mia coscienza, devo assolutamente andare dal dentista :-/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dai...io ci vado sempre e solo quando mi si rompe un dente...spero per te che sia tutto sano :-)

      Elimina
  8. dai, almeno è fatta!
    io, ultimamente, vedo più il mio dentista del mio compagno. e tengo a precisare che non c'è sotto nulla di losco! solo la mia povera dentatura in carenza di calcio dopo il secondo allattamento :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...mi consola sapere che ci saranno altre sdentate come me, eheh! e io che pensavo di arrivare alla vecchiaia con la dentatura sana di mia nonna, uff!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva