Passa ai contenuti principali

la lista

AAAAHHHHHHH! che belle le vacanze!
Che poi 'sta cosa, detta da una che in vacanza semmai ci va una volta all'anno, se pure....!
Belle le vacanze perchè tornano all'ovile le persone care, perchè hai la possibilità di rincontrarti con le amiche "toste" che hanno fatto SCELTE nella vita e che continuano a 
perseguire tali scelte, pur avendo ogni tanto nostalgia del  paese natìo, dei colori della terra, del profumo, del cielo, del mare...il mare....

Durante le vacanze e le feste comandate loro tornano. 
Ci si rincontra. Anche se il rapporto è più o meno quotidiano; anzi, forse alle volte ci si sente di più quando ci sono molti km che ti separano da loro.

Io le ammiro le amiche che hanno fatto scelte "drastiche". Ammiro le amiche a nord e a sud (del mondo). Quelle che sono partite, quelle che hanno inseguito un sogno, quelle che hanno inseguito un amore (che a volte si è dileguato), ma hanno trovato la realizzazione e l'autonomia. Quelle che hanno costruito una famiglia lontano, lottando con le loro forze, senza aiuto di nonni e parenti (e che hanno messo al mondo più di un figlio nonostante tutto). Quelle che tornano, ti dicono che questa volta è per sempre, poi dopo un paio di settimane rifanno la valigia (grazie web, perchè mi aiuti a scoprire dove si nascondono, eheh). Quelle che si adattano facilmente. Quelle che, nonostante anni ormai fuori casa, sentono SEMPRE la mancanza del cibo d'origine (w le mozzarelle e il pane pugliese!). Quelle che, a diverse altezze, hanno preso intrapreso un percorso, hanno - lo ripeto - effettuato delle scelte.
Io non ce la faccio. Rimugino troppo. Ci pensavo stamattina. Sono qui ancora a tribolarmi, a fare la tabella mentale dei pro e contro. A svegliarmi ogni mattina con lo stesso identico pensiero. A pensare sempre alle cose negative quando sono arrabbiata e stanca; a angosciare tutti quelli che mi chiedono "come va?", in particolar modo F., mio marito - che, precisiamo, non mi chiede ogni giorno come va, ma a (non ho sbagliato, non ho dimenticato l'h) lui la fortuna di essere il mio punto di sfogo. A pensare ogni secondo a quante cose potrei fare (e ho un elenco interminabile! alcune mi darebbero anche da mangiare, altre forse...meno, ma mi renderebbero così felice).


Pensa pensa pensa...spesso non si arriva a nulla. Ci vuole equilibrio.

Allora, procediamo con ordine. Mi ci vuole un piano di lavorazione...dunque:
- piangere per lo sfinimento e per la sensazione di sentirsi soffocare...FATTO
- pensarepensarepensare...FATTO
- "rallegrare" le amiche con i miei dubbi....FATTO
- pensarepensarepensare...FATTO
- esercitare la pazienza e la comprensione del partner....FATTO
- pensare ecc....FATTO
-  stilare la lista dei pro e dei contro...IN FASE DI COMPILAZIONE (?)


ehmmm...scusate, ora vado, devo compilare il foglio.

Commenti

  1. cioè stai meditando di lasciare la tua regione meravigliosa??!! noooooooooo:-(( e comunque sei meravigliosa Gab;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, la regione non la mollo per ora...salvo orizzonti veramente ma veramente interessanti.
      grazie fra'! :-)

      Elimina
  2. sbaglio o lo spazio dei "contro" è più grande di quello dei "pro"? è un caso o un lapsus freudiano? :-)

    RispondiElimina
  3. Un bilancio. Ma poi se prevalgono i pro anche di un solo punto, ti lanci, vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sìììììì! cioè ora ti dico proprio SI'!!!

      Elimina
  4. le liste fanno sempre bene e ricordati che il bello e ribaltare con l'azione i contro e farli diventare pro (ma ad ogni cosa il suo tempo!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma quindi se trasformo i contro in pro, si allunga la lista dei pro, o resto per questa svolta positiva? :-)

      Elimina
  5. ...ma sapete che non ho ancora cominciato a scrivere? ho un certo timore...

    RispondiElimina
  6. non ho consigli da darti perchè mi sa che in questo...ti assomiglio troppo!
    Io però le liste le faccio solo mentali e di solito di notte...furba eh?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah! ma sai che trovo veramente difficile mettere nero su bianco? è come se...mi compromettessi...bah!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva