Passa ai contenuti principali

come sono moderna...2

ecco...ci siamo...da stamattina sono on-line anche io!
Io, Francesco e Marta, che da grande farà la batterista!
Non è uno scherzo, sono mesi che ripete che vuole fare la musicista - in particolare suonare la batteria...forse uno dei pochi strumenti che non abbiamo in casa...ma sì, è solo il desiderio di qualcosa che non ha, poi le passerà...sì...certo...Help me! 

E così ci riagganciamo al post di qualche giorno fa: timori, paure, emozioni, gioie, dubbi che assalgono un genitore. E' giusto lasciar perdere, assecondare o "consigliare" quello che pensiamo essere meglio per i nostri figli?
Io proprio non so come si fa...il resto lo potete leggere QUI.
Buona giornata!

Commenti

  1. che bello!
    sono d'accordo che si debbano assecondare le inclinazioni di un figlio (io già incrocio le dita per il mio perchè temo ci aspetti una strada in salita... e ha solo sei anni!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che aspirazioni ha il ragazzino?:-)

      Elimina
    2. ciò che comporta esibizionismo, pericolo e spirito artistico (possibilmente fusi insieme). E ho detto tutto.

      Elimina
  2. ehm... ma proprio la batteria? ;)
    In bocca al lupo. per il futuro da musicista e per la tua avventura su Donna Moderna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie!
      guarda...non capisco perchè...o meglio sì...è colpa del papà che la istiga!!! :-)

      Elimina
  3. ...anche io ho seguito le mie passioni, nel bene e nel male...e sogno per Paoletto un futuro più certo del mio: ecco, tipo "fai il dentista, poi semmai la sera ti sfoghi facendo teatro o con la tua band!". Anche il papà la pensa come me ma delle poche cose che ho imparato del rapporto genitori-figli, i secondi fanno sempre il contrario di ciò che si spera...perciò credo che me lo ritroverò artista CIRCENSE che arrotonda esibendosi nelle maggiori piazze di Roma...a Trastevere il sabato sera...a pochi metri dal mitico "Mago Guarda"! Comunque la ragazza che suona la batteria fa molto "cool"! Ero passata perchè se vuoi puoi ritirare un premio sul mio blog, visto che il tuo spazio ci piace ci piace ;) se vuoi...eccolo qui: http://www.mammaorachefaccio.com/2013/04/liebster-blog-award.html spero ti faccia piacere e ti piaccia il mio spazietto, se vuoi unisciti. Intanto complimenti: I really love i tuoi disegni!

    RispondiElimina
  4. corro sul tuo blog!!! ehi, ma io mi sono unita al tuo spazietto, già qualche settimana fa, eheh!
    comunque io e mio marito un po' speriamo esattamente come voi, ma sappiamo benissimo che la lasceremo libera di fare le sue scelte e di sbagliare. e se dovesse trovare massima espressione in campo visivo-musicale ne saremo ugualmente fieri, visto che noi sono campi in cui noi, tutto sommato, ci sentiamo vivi (per quanto ambiti moooolto precari)! un abbraccio!

    RispondiElimina
  5. Beh...per quanto possa sperare che Pablito mio abbia più certezze di noi,che abbiamo seguito inclinazioni e velleità artistiche...è anche vero che la mela non cade tanto lontana dall'albero! :))) comunque basta che facciano quello che amano,almeno lo faranno alla grande ;) ...a vedere Paolo a 20 giorni potrebbe essere il nuovo Jack Nicholson da grande...quando si stacca dalla poppata ha una faccia da matto degna di Shining!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La petulanza, sgradevole come una flatulenza

Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento. Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!". Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati".  Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!". Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?". E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".
Basta! Non mi sopporto più!
Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi. Allora che si fa? Alle volte ho provato a con…

messaggi di aiuto

io, io sono una donna forte! io non ho bisogno di nessuno! io me la so cavare da sola! due bambine? e che ci vorrà! <<Pronto? mamma? non è che verresti a trovarci? Sai, a Marta farebbe molto piacere...>>.
Tutto questo per dire che, in questa seconda gravidanza, ho capito che il trucco per non crollare e cadere è...chiedere una mano! Banale, vero? Non è approfittarsene. E' spirito di sopravvivenza. Non so chi avete voi vicino - approposito, massima stima per le famiglie che si trasferiscono fuori dalla loro città di origine e che "producono" bambini senza l'aiuto di mamma e papà -, ma qui abbiamo la fortuna di avere, in un raggio di massimo 10 km, nonni materni e paterni.
A differenza della prima gravidanza, mi son ritrovata a alzare la cornetta, o semplicemente a rispondere Sì, lo voglio ogni qual volta mia mamma mi chiede "Hai bisogno di una mano?". Vabbe', ogni ogni volta proprio no, spesso sì. Poi 'sta storia dell'allattamento all'i…

Una gravidanza da lode

A questo punto spero che cotanta bravura venga premiata con: - una bimba tranquilla la notte - una bimba che, sapendo che la sua mamma non è più una ragazzina, non la faccia strapazzare molto - una bimba che, sapendo che il papà non c'è molto a casa, sappia essere paziente con la sua mamma - tanta pazienza da parte mia (perché si sa che questa è inversamente proporzionale all'età) - felice accettazione da parte della sorella maggiore - una bimba che non si ammali quanto la sorellona - una bimba che decida di nascere né prima né dopo, ma al momento giusto - nessuna depressione post-partum, anche lieve (dai! dai!)
Chiedo molto? Vabbe', è il panico da prestazione; è il fatto che dopo 7 anni hai rimosso molto. C'è da dire che con la prima l'impatto, salvo la novità, non è stato drammatico, per cui no! non sono preparata al peggio :-P
Ma poi - una domanda - da cosa si vede che è una femminuccia? Signora incontrata nel panificio, da cosa se n'è accorta?


SalvaSalva